COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Tra parola e silenzio

Tra parola e silenzio.

L’ultimo scritto di Giovanni Pozzi.

tacetÈ un piccolo gioiello Tacet (Milano, Adelphi, 2013, pagine 42, euro 7), l’ultimo scritto di Giovanni Pozzi, padre cappuccino (1923-2002) grande studioso di letteratura italiana a Friburgo. Ed è la sintesi della sua esperienza di studioso di mistica, soprattutto femminile, e della sua esperienza monastica. Un’esperienza che sembra anticipare il silenzio vicino a Dio a cui lo condurrà la morte.

Per arrivare al silenzio, Pozzi sa che bisogna partire dalla solitudine, condizione del silenzio. Stato difficile da raggiungere se pure spesso agognato dall’essere umano perché, scrive, «travagliato da un’alterità di cui non può fare a meno, l’individuo umano è tuttavia un unicum in quanto persona». L’unica vera solitudine a cui può aspirare, allora, è quella di «specchiarsi nella solitudine divina», come consiglia Chiara d’Assisi alla sua corrispondente Agnese di Praga.

Ma per percorrere la strada della solitudine in Dio è necessario operare una trafila di tagli: il primo è la separazione motivata dal dualismo sessuale, che vede gli uomini dividersi dalle donne, «gli uni in fuga, le altre murate». Poi c’è la frattura di un altro dualismo, quella fra anima e corpo, che prevede la ricerca di un luogo di mortificazione solitario, che può essere la cella.

Ma il taglio più significativo e difficile da realizzare è quello fra parola e silenzio, proprio perché «la parola è il tratto distintivo dell’uomo, non perché aggiunto alla sua natura, ma perché suo costitutivo». Anche il pensiero, infatti, si plasma in forma di parola.

La parola quindi ha un posto nel silenzio, che viene distinto da Pozzi in silenzio «d’ascolto», silenzio «di memoria», orazione in silenzio, e silenzio «contemplativo».

Il primo, cioè il tacere per ascoltare, prevede un apice quando «la parola stessa si presenta silenziosa senza perdere alcunché della sua vitalità: nella lettura». Ma poi il libro può cadere di mano, perché al silenzio d’ascolto succede il silenzio del ricordo di ciò che si è appena letto. E qui si passa a uno stato di meditazione.

Che a sua volta cresce e si espande nell’orazione, punto più alto del cammino silenzioso. Ma ci aspettano ancora sorprese: qui si entra in un «intervallo invaso da stupore», che segna il momento in cui l’orante si trasforma in contemplante, un momento che Pozzi racconta con le parole misteriose di un’altra mistica, Veronica Giuliani. La quale rinuncia a identificare la volontà divina, ma si limita a seguirla nel modo che Dio vuole: «Quel modo — scrive Pozzi — attrae l’uomo innalzandolo in sé o lo sospinge inabissandolo in sé, per fargli trovare nel nulla il tutto, nell’assenza la presenza: Dio vien trovato nell’apice e nel fondo dell’interiorità umana».

E conclude con un elogio del libro, cioè dei libri che ha studiato con puntiglio filologico e passione spirituale per tutta la vita, libri che gli hanno insegnato tanto: «Amico discretissimo, il libro non è petulante, risponde solo se richiesto, non urge oltre quando gli si chiede una sosta. Colmo di parole, tace».

Lucetta Scaraffia
08 febbraio 2014
http://www.osservatoreromano.va

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/02/2014 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , .

  • 539.034 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 931 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: