COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Tornati dall’Aldilà!

TORNATI DALL’ALDILA’!

lazzaroC’è uno scetticismo triste e superficiale che si esprime nella vulgata popolare con la frase: «Dall’Aldilà non è mai tornato nessuno». S’intende dire che, in fin dei conti, quelle sull’oltretomba sono tutte congetture, ipotesi, magari anche vere, ma chi lo sa davvero se c’è qualcosa? E cosa poi? Nessuno può dirlo, si pensa.

Gran parte delle persone afferma di credere che c’è una vita dopo la morte, ma la prospettiva è comunque avvolta dal mistero, dalle nebbie e dal timore. Ed è spesso vissuta come una «credenza», come una convinzione soggettiva, un sentimento irrazionale, anche quando si professa una fede cristiana che di «prove» di ragionevolezza ne fornisce a bizzeffe. La morte resta un abisso oscuro e nessuno sa veramente se c’è un Aldilà e com’è precisamente, perché – ci si dice – nessuno c’è stato e nessuno è tornato per raccontarcelo.

Ebbene, questo libro vuol mostrare che non è così: di persone che sono tornate dall’Aldilà ce ne sono, e tantissime. Anche viventi, testimoni che si possono interpellare, se superano la diffusa riservatezza di chi ha vissuto un’avventura così grande e indicibile come l’esperienza di pre-morte. Ripeto: tantissime persone.

E non si tratta certo di pazzoidi allucinati, ma di persone normalissime. Non si tratta nemmeno solo di famosi mistici o di coloro che hanno avuto doni speciali come i veggenti di certe apparizioni soprannaturali. Ma di uomini e donne che noi, ignari del loro segreto, incontriamo ogni giorno.

Se fino a pochissimo tempo fa queste esperienze, quando raramente emergevano, potevano essere relegate nello scaffale delle cose strane, misteriose, bizzarre e irrazionali (o addirittura esoteriche), e così sostanzialmente rimosse, da pochi anni non è più così perché la stessa scienza medica si è interessata, ha studiato e approfondito queste testimonianze e ha dovuto constatare la loro veridicità.

Cosicché paradossalmente si può dire che oggi abbiamo addirittura le prove scientifiche dell’esistenza dell’anima e della sua vita fuori dal corpo, una volta che le nostre funzioni vitali sono cessate e noi siamo biologicamente morti.

Quello che tali testimonianze ci dicono, a dire il vero, è molto di più dell’esistenza e della sopravvivenza dell’anima, perché tutte concordano nel riferire e nel descrivere – dopo l’evento della morte fisica – una realtà di felicità straripante e di amore inimmaginabile, da una parte, o un luogo di terrore e strazio indicibili dall’altra.

Ma quello che qui anzitutto mi interessa sottolineare, almeno inizialmente, è ciò che ho chiamato dimostrazione scientifica dell’esistenza dell’anima: un’anima immortale in ciascuno di noi. Che vede e sperimenta una vita più vera e intensa di questa terrena dopo la morte.

Sono evidenze che oggi pure la scienza deve constatare, così come la scienza si trova anche a studiare e riconoscere i casi di guarigioni miracolose e di fatto è diventata la migliore alleata della Chiesa: addirittura la Chiesa – sia nelle cause di beatificazione e canonizzazione sia per i miracoli che avvengono in santuari come Lourdes – esige che sia prima la scienza a vagliare i casi e a pronunciarsi, se siamo di fronte a qualcosa che vince le leggi naturali in modo inspiegabile.

Quindi il soprannaturale, che si pensava dovesse appartenere al passato, a un tempo di creduloni, paradossalmente è molto più evidente e indiscutibile oggi che disponiamo di strumenti scientifici per indagare la realtà. E questo smantella vecchi pregiudizi e ammuffite ideologie positiviste imponendo una riflessione profonda a tutti.

All’inizio del Novecento un grande filosofo, Henri Bergson, concludeva la sua opera “Le due fonti della morale e della religione”, pubblicata nel 1932, sostenendo che sappiamo abbastanza «per intuire l’immensità della “terra incognita” di cui inizia soltanto l’esplorazione». Poi faceva un’ipotesi e formulava una speranza:

“Supponiamo che un barlume di questo mondo sconosciuto si faccia visibile agli occhi del nostro corpo. Quale trasformazione in una umanità generalmente abituata, per quanto si dica, ad accettare come esistente solo ciò che le è dato di vedere e di toccare! (…). Non ci sarebbe bisogno d’altro per trasformare in realtà vivente e operante una credenza nell’Aldilà che sembra ritrovarsi nella maggior parte degli uomini, ma che il più delle volte resta verbale, astratta, inefficace. Per sapere in quale misura essa conti basta guardare come ci si getta sul piacere; non ci si terrebbe fino a questo punto se non vi si vedesse tanto di guadagnato sul nulla, un mezzo per non curarsi della morte. In realtà se fossimo sicuri, assolutamente sicuri, di sopravvivere, non potremmo più pensare ad altro. I piaceri sussisterebbero, ma offuscati e sbiaditi, perché la loro intensità non sarebbe che l’attenzione da noi fissata su di essi. Impallidirebbero, come la luce delle nostre lampade al sole del mattino. Il piacere sarebbe eclissato dalla gioia”. In effetti così dovrebbe essere. Già la saggezza induce, di fronte all’effimera fragilità della vita e alla prospettiva certa della morte, a non attaccarsi avidamente ai beni terreni e a «cercare le cose di lassù», dove la felicità o la sofferenza sono per sempre.

Tanto più – scriveva Bergson – di fronte all’evidenza della vita ultraterrena: se essa si mostrasse con certezza l’umanità intera dovrebbe cambiare e puntare a essa, scommettere tutto su ciò che veramente dura e vale. Secondo il filosofo tutto dovrebbe cambiare sulla Terra.

Tuttavia l’uomo tende a comportarsi in maniera irrazionale sulle cose veramente importanti dell’esistenza. Specialmente nella modernità. È vero infatti ciò che Gesù dice nella parabola del ricco Epulone. Ricordate? Quando il gaudente nababbo, per la vita senza pietà che ha condotto, si trova poi sprofondato nell’Inferno, dopo aver provato inutilmente a ottenere un sollievo, così implora Abramo: «Ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento». Però Abramo risponde: «Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro». E lui: «No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro, si ravvedranno». Ma a questo punto Abramo conclude: «Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi» (Lc 16,30-31).

L’apologo di Gesù era rivolto anzitutto agli uomini del suo tempo perché gli avevano visto operare proprio miracoli di resurrezione e tuttavia in buona parte negavano l’evidenza e gli erano ostili. Cosicché la misericordia di Dio inutilmente aveva dato questi segni grandiosi. Quelle parole di Gesù sono anche profetiche di ciò che sarebbe accaduto di lì a poco, perché lui stesso sarebbe resuscitato dai morti, come prova suprema data al mondo della sua identità divina e della sua missione salvifica, ma nemmeno questo – prevedeva Gesù – sarebbe stato sufficiente a persuadere tutti. Peraltro la sua resurrezione non fu un semplice ritorno alla vita terrena, come per quelli che lui beneficò, ma segnò la vittoria definitiva sulla morte (…).

La resurrezione di Gesù, attraverso la quale entrò nella gloria, manifestò la sua signoria sul tempo e sull’universo, cosicché Lui, restando misteriosamente vivo e presente sulla Terra in mezzo ai suoi, cioè nella Chiesa, in questi duemila anni ha continuato a operare miracoli e anche resurrezioni – a centinaia! – come quelle riferite nei Vangeli. Per mostrare la sua potente presenza nella Chiesa, prova clamorosa che il Nazareno è vivo.

In effetti le resurrezioni di morti sono i segni più eclatanti che parlano all’intelligenza degli uomini. Specie degli uomini del nostro tempo, così fiduciosi nella scienza e nelle sue certezze. Eppure per molti vale ancora oggi l’amara profezia di Gesù secondo la quale «neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi». Fino a tal punto si continueranno a sprecare le grazie che il Cielo ci dà per la nostra salvezza. (…).

Tuttavia non si può e non si deve dire più, con triste disincanto, che «da là nessuno è tornato». Perché non è così. Sono tornati. Ed è davvero il caso di ascoltarli.

Antonio Socci ANTICIPAZIONE DI “TORNATI DALL’ALDILA’ ” PUBBLICATA DA “LIBERO”, 2 aprile 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/04/2014 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 535.738 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 928 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: