COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Dentro la bellezza (1)

Dentro la bellezza – 1

La nuova nascita, tra la roccia e il lenzuolo

Dentro la bellezza1 -Matthias Grünewald, Altare di Isenheim, 1512-1516Nell’oscurità di un mondo addormentato dentro i suoi ritardi, le sue chiusure ideologiche e inclini al conflitto, Cristo sale a mani levate, come a testimoniare la disarmante forza dell’amore. Matthias Grünewald, enigmatico personaggio del XV secolo (la cui identità ancora fa discutere), nella sua famosa Pala di Isenheim, tocca il vertice della sensibilità nel ritrarre il fondamento della fede cristiana: la risurrezione.

Protagonista assoluto per Grünewald è il mondo inanimato. L’uomo è escluso dall’evento straordinario che dividerà la storia fra un prima e un dopo. Al centro, rigonfio della luce del Padre, c’è il lenzuolo che quale immensa placenta libera la vita nuova inaugurata da Cristo, con la sua carne trasfigurata. Cristo sale al Padre, la cui iridescenza maestosa per un attimo svela il Regno di Luce che il Figlio è venuto ad annunciare. L’uomo di fronte a tale maestà rotola goffamente sul proprio peso corporeo, rotola come dentro l’opacità dei propri desideri a breve respiro, come sopraffatto dall’evento. Quello che sorprende, e che sconcerta soprattutto noi cittadini del XXI secolo, è la forma stranissima della roccia sepolcrale che sta dietro il Risorto. La pietra, a causa dell’evento sismico che secondo i Vangeli si verificò il sabato santo, si solleva da terra assumendo la forma caratteristica del fungo. Un’immagine che ci riporta spontaneamente al terrificante fungo di Hiroshima in cui l’uomo misurò la potenza dell’atomo, un’immagine che Grünewald non poteva neppure lontanamente supporre. Eppure anche allora si trattò di energia, un’energia ignota alle scienze umane che permise al corpo di Cristo di passare attraverso il lenzuolo lasciando in esso la sua impronta.

Roccia e luce sono protagonisti anche in una risurrezione di Jerg Ratgeb, artista tedesco contemporaneo di Grünewald e molto vicino a lui nello stile. Ratgeb, che aveva aderito alle testi luterane, rilegge la roccia del sepolcro come la roccia del Sinai, come il luogo di una alleanza assolutamente nuova, perché fondata sulla grazia.

La luce di Cristo trapassa la materia e anche i sigilli, che rimangono bene evidenti sulla porta sepolcrale. Anche qui i soldati rotolano pesantemente, incapaci di reggere di fronte alla potenza di un tale Mistero. Anche qui la porta sepolcrale ha la forma luminosa del telo sindonico. Il fascino della Pala di Isenheim resta tuttavia insuperabile. Questa opera, a sua insaputa, rende evidente il dramma dell’uomo contemporaneo. L’atomo, particella fontale in cui si cela il principio vitale dell’uomo; particella che, proprio per la sua indivisibilità, portava scritta in sé la certezza dell’eternità, si è rivelata scindibile e perciò stesso caduca. Ed ecco allora il profetismo di Grünewald a raccontarci che Cristo è Signore anche degli enigmi umani, anche delle potenze energetiche a noi ignote, anche delle forze della natura che ancora incutono paura all’uomo. Noi siamo lì come i piccoli soldati arrotolati incapaci di fare guardia al Mistero. Siamo lì, come in posizione fetale, ma il nostro risveglio sarà una nuova nascita e troveremo un lenzuolo e una roccia muta a raccontarci del nostro destino.

A cura di Gloria Riva
In Avvenire del 19.4.2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 01/05/2014 da in Dentro la bellezza, Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 352.241 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 763 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: