COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Dentro la bellezza (2)

Dentro la bellezza – 2

La domanda sulla vita, il dolore e la morte


Dentro la bellezza2 - Giovanni Girolamo Savoldo, Maria Maddalena, 1530- 1540


Sono bagnati dalla luce argentea della luna, il mantello e il vasetto della Maddalena. L’abito rosso, che tradizionalmente contraddistingue la Santa, è scomparso sotto questo bagno di luce. Il mantello in tutta la Scrittura è la vita stessa dell’uomo e il vaso (e nell’iconografia cristiana il vaso di nardo, in particolare) è spesso simbolo funerario. Così Savoldo, artista di spicco nel primo rinascimento bresciano ma attivo a Venezia, traccia l’episodio del primo giorno dopo il sabato fra queste due coordinate: il mantello e il vasetto.

Fra questi due poli c’è tutta a vita di Maria di Magdala, tutto il suo dramma e, insieme tutto il suo desiderio. E ci impressiona lo sguardo interrogativo che ci rivolge, così frontale e così realistico da sentircelo addosso anche dopo che ci siamo voltati. La domanda sulla vita e sulla morte, la domanda sul dolore: è questo il dilemma di Maria. Ed è anche il nostro dilemma. Che l’uomo cerchi di eludere la domanda, che l’uomo laico cerchi di risolvere il problema ignorandolo e lasciando cadere nel nulla l’orizzonte del prima e del dopo l’esistenza umana, a nulla vale. La domanda ti resta addosso, come lo sguardo di questa Maddalena. Lo sfuggiamo cercando rifugio in ciò che le sta attorno: vorremmo trovare per un attimo il respiro e allontanarci da quegli occhi. La laguna sulla sinistra è così carica di vita e contrasta col sepolcro che preclude un poco la visuale. Sono i ricordi della pace veneziana sperimentata dallo stesso Savoldo nelle mattine fredde di una Venezia solitaria. Dall’altra parte un arco sembra, invece, farci ripiombare nello sgomento della domanda sulla morte. Gli occhi si stringono nel tentativo di vedere meglio. Sì, dietro l’arco c’è qualcosa: un albero secco e ruderi. Segni di un mondo caduco, stanco, prossimo a morire. Anche qui non abbiamo tregua: la vita della laguna, la morte segnata nei ruderi.

La domanda resta lì. E siamo costretti così a ritornare sullo sguardo della Maddalena e solo allora ci accorgiamo che non è uno sguardo inquieto, che l’interrogazione si fissa altrove. Sì, è lo sguardo di Colei che per prima vide il Risorto. Non guarda noi, guarda Cristo e, forse, guarda Cristo in noi. Di generazione in generazione siamo noi, in fondo come le antiche donne corse al sepolcro, che diamo l’annuncio della speranza in una vita che non può morire. Purché si rimanga dentro la tensione che dallo sguardo della Maddalena si tende fra il vasetto e il mantello del mattino di Pasqua che fonda la storia cristiana.

Dentro la bellezza2 - Carlo Crivelli, Maria Maddalena, Polittico di Montefiore 1471Anche il Crivelli ha voluto immortalare la Maddalena con lo sguardo sospeso tra il mantello e il vasetto. Benché opera diversa per epoca e stile (qui siamo nel 1471 ad Ascoli Piceno) l’emozione che suscita lo sguardo della Maddalena è identica. Il fondo oro, con la sua solennità, non riesce a imballare il profilo della santa che resta vigile e viva. Il vasetto si confonde con l’oro del fondo, quasi a indicare il mistero di cui è stato testimone: quella pia pratica di sepoltura mai compiuta, rimasta sospesa nel corso dei secoli, come questo vaso è sospeso nell’oro. Il mantello della Maddalena invece, qui, è rigorosamente rosso, come vuole l’iconografia tradizionale, con l’interno verde.

Rosso di dolore e verde di speranza. Sono il velo del capo e i capelli e questo manto che ci rivelano la corsa della discepola di Cristo. Tutto è fermo nel tempo eppure lei corre. Corre, e il mantello cade mettendo a nudo la preziosa manica dell’abito di lei. Su quella manica ecco evidente l’araba fenice, che risorge dalla sue ceneri e in alto piume di coda di pavone con i loro occhi misteriosi. Sì, alla fenice allude lo sguardo un po’ sornione di questa Maria di Magdala. «Risorgiamo dalle nostre ceneri – sembra dire – c’è un mondo che attende occhi nuovi per rivedere, qui ed ora, il mistero del Risorto che accade».

A cura di Gloria Riva
In Avvenire del 24.4.2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 01/05/2014 da in Dentro la bellezza, Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: