COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Salvate Meriam

Meriam, scendono in campo gli Usa

Save Meriam“Salvate Meriam”, è il titolo in prima pagina del Times di Londra, che lancia un forte appello per Meriam Yayia Ibrahim Ishag, la donna cristiana condannata a morte in Sudan per apostasia e diventata mamma in carcere. Dopo la campagna lanciata da Avvenire, un’altra autorevole testata si mobilita per la giovane sudanese condannata a morte per apostasia.

In un editoriale questa pena viene definita “crudele e arcaica”, e una violazione della Dichiarazione universale dei diritti umani, il cui rispetto, sempre secondo il giornale, dovrebbe essere un prerequisito per concedere aiuto e sostegno umanitario ai Paesi in difficoltà.

“Una donna è stata condannata a morte solo per il crimine di essere cristiana”, sottolinea il giornale, riecheggiando i temi della campagna lanciata da Avvenire, e ricorda come solo una sua abiura e una conversione all’islam potrebbe fermare il boia. “In ogni codice civilizzato il suo reato non sarebbe un reato, ma la sua uccisione da parte del governo sudanese di sicuro lo sarebbe”. Secondo il Times, la pressione sulle autorità sudanesi fatta dalle associazioni internazionali, come Amnesty International, è importante, ma non basta e ricorda come l’intolleranza religiosa sia sempre più diffusa.

Anche gli Stati Uniti hanno definito “orribile” il caso di Meriam. Il marito della donna è un cittadino statunitense. Gli Stati Uniti, tramite il loro inviato speciale Donald Booth, hanno chiesto al Governo sudanese “di rispettare la libertà religiosa, incluso il diritto di ciascuno di cambiare il proprio credo e la propria fede religiosa”.

Intanto si è aggiunto un particolare inquietante: la donna, che nei giorni scorsi ha dato alla luce la piccola Maya nell’infermeria del carcere, è stata fatta partorire con le catene ai piedi.

Avvenire, 30 maggio 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/05/2014 da in Attualità ecclesiale, Cristiani perseguitati, ITALIANO con tag .

  • 351.012 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 761 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: