COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Strage in missione comboniana

Strage in Centrafrica

Nella strage morto anche un prete

Strage a BanguiL’assalto contro la parrocchia “Nostra Signora di Fatima” nel centro di Bangui, capitale della Repubblica Centrafrica, è stato commesso da persone che non parlavano né il francese né il sango, la lingua locale. Lo afferma all’agenzia Fides monsignor Dieudonné Nzapalainga, arcivescovo di Bangui.

“Gli assalitori – riferisce l’arcivescovo – gridavano in inglese open the door”. Un gruppo armato di armi automatiche e lanciagranate ha assalito il 28 maggio la parrocchia dove si erano rifugiate diverse persone in fuga dalle violenze. Nell’assalto sono morte almeno 18 persone tra le quali un sacerdote cattolico, padre Paul-Emile Nzale, 76 anni.

Secondo fonti di Fides almeno 42 persone sono state rapite e i loro corpi sono stati ritrovati più tardi. Monsignor Nzapalainga non è però in grado di confermare la notizia. “I sopravvissuti all’attacco che ho incontrato, mi hanno detto che sono state rapite delle persone, però sulla loro sorte ci sono ancora notizie contraddittorie: alcuni affermano che sono state uccise, altri che sono ancora in vita” afferma l’arcivescovo.

L’attentato ha alzato la tensione nella capitale. “La città è completamente paralizzata. È in corso una manifestazione per chiedere le dimissioni del governo provvisorio che è stata dispersa dai militari. La tensione è nell’aria e non si sa cosa potrà accadere” conclude Mons. Nzapalainga.

Secondo alcune fonti di Fides, l’assalto alla chiesa “Nostra Signora di Fatima” è stato perpetrato da jihadisti stranieri che tengono ormai in ostaggio la popolazione musulmana del quartiere “Km 5” di Bangui. “Anche se le autorità fanno finta di ignorare il fatto, molti centrafricani sanno che i terroristi jihadisti provenienti da Sudan e Nigeria si sono infiltrati nella Seleka e si trovano al Km 5. Assimilando gli anti balaka ai cristiani, i media occidentali hanno fornito a questi criminali un bel mezzo di propaganda” concludono le nostre fonti.

Anche monsignor Nestor Désiré Nongo-Aziagbia, vescovo di Bossangoa, aveva denunciato all’agenzia Fides la presenza al “km 5” di jihadisti stranieri. La Seleka è la coalizione ribelle che aveva preso il potere a Bangui nel marzo 2013, gettando il Paese nel caos. Gli anti balaka sono milizie che hanno cacciato i Seleka dalla capitale ma che si sono trasformate in bande criminali che imperversano in diverse aree del Centrafrica.

Riguardo al sacerdote ucciso, Paul-Emile Nzale, “era andato a visitare le famiglie che sono rifugiate nella parrocchia e gli hanno sparato”, ha raccontato a Radio Vaticana il sacerdote centrafricano don Zephirin Yakanda, attualmente viceparroco ad Alassio, che lo conosceva bene. “Era un uomo buono, un uomo della gente, un uomo che sta con il popolo, che non ha paura di nessuno. Mi diceva di essere sempre perseverante nella preghiera, di non scoraggiarmi mai e di avere sempre la speranza”.

Avvenire 30 maggio 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/05/2014 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO, Vocazione e Missione con tag , .
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: