COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Eritrea, una prigione a cielo aperto

Eritrea, una prigione a cielo aperto

Vescovi eritrei:
tratta incompatibile con la civiltà

eritrea - refugees1Parlano di una tragedia «inaccettabile e incompatibile con il grado di civiltà e di progresso oggi raggiunto». Denunciano la «fuga dei cervelli», il basso livello della qualità della vita, la disgregazione della famiglia. Si chiedono: «Se la coscienza degli autori di questi crimini ha perso ogni sensibilità, come è possibile che il resto del mondo li tolleri?». È lucida e drammatica l’analisi che emerge dalla lettura di «Dov’è tuo fratello?», lettera pastorale diffusa dai vescovi cattolici dell’Eritrea, Paese dal quale proviene la maggior parte dei migranti che arrivano sulle nostre coste dopo viaggi disperati.

«Fino a quando questa magmatica fuga umana? – scrivono i vescovi – Perché mai la durezza delle condizioni di vita nelle traversate del deserto e del mare, il peso finanziario che comportano, i rischi per la vita che si corrono, non riescono a convincere i giovani a retrocedere da avventure, meglio dire disavventure, di queste proporzioni?». Secondo l’episcopato eritreo, «l’attrattiva di un livello di vita migliore all’estero ha finito per creare irrealistiche aspettative ed irrealizzabili illusioni».

Il recente rapporto «The human trafficking cycle: Sinai and beyond» ha sottolineato che solo tra il 2007 e il 2012 nel Corno d’Africa 25-30mila persone, al 95% eritrei, sono stati coinvolti nel traffico di esseri umani. Circa 5-10mila quelli che non sono sopravvissuti alle violenze, alla prigionia. Molti di coloro che fuggono dall’Eritrea, definita da molti analisti una prigione a cielo aperto, finiscono preda di gruppi di trafficanti. Il totale dei riscatti pagati dai parenti è stimato in oltre 600 milioni di dollari. «Se la coscienza degli autori di questi crimini ha perso ogni sensibilità, come è possibile che il resto del mondo li tolleri? – scrivono i vescovi – Gli Stati che governano i Paesi dei perpetratori e delle vittime del crimine possono davvero dire di avere esaurito tutti i mezzi a loro disposizione per provi rimedio?». Per questo serve «un cambiamento di mentalità, interventi concreti, efficaci ed incisivi. Occorre puntare sulla domanda di mirate strategie legislative e politiche». Inoltre, se la comunità internazionale non ha ancora fatto la propria parte per ridurre le «tragedie del mare», è interesse degli stessi eritrei «assumersi in primis l’iniziativa del proprio riscatto».

All’Asmara la leva pluriennale obbligatoria costringe i giovani in centri educativo-militari voluti dall’autoritario presidente Issaias Afeworki. Chi cerca di sottrarsi, prova ad oltrepassare il confine, con esiti incerti. Il dissenso interno non esiste, la stampa privata è abolita dal 2001. E la giustizia è fatta di torture e lavori forzati, di incarcerazioni dettate da motivazioni politiche o religiose, di arresti che quasi mai sfociano in processo.

I più fortunati campano grazie alle rimesse dei parenti all’estero. Il più fortunato di tutti è lo Stato, che dalle tasse su quelle rimesse trae linfa vitale per i suoi investimenti in armi (oltre il 20% del Pil). «Se non si creano opportunità di lavoro – scrivono i vescovi –, se ai giovani non viene concessa la possibilità di rendersi autosufficienti, se non si mette fine alla stagnazione dell’agricoltura, del commercio e dell’industria, non si uscirà mai dal circolo vizioso della dipendenza e della povertà». I vescovi sottolineano la «disperata emergenza economica» del Paese. «Come si farà ad uscire da queste situazioni, se non c’è spazio per l’iniziativa privata, per l’intraprendenza e per la creatività? Come si fa a parlare dell’indipendenza e della dignità di una nazione, senza presupporre la dignità e l’indipendenza delle persone?». Domande pressanti a cui è chiamata a rispondere, davanti a centinaia di morti tra i migranti, non solo il governo eritreo ma l’intera comunità internazionale.

Paolo M. Alfieri

Avvenire 10/06/2014 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/06/2014 da in Attualità ecclesiale, Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , , .

  • 349.968 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 759 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: