COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

«Se ti lamenti ti taglio la gola»

«Se ti lamenti ti taglio la gola».

I profughi cristiani:
«Per noi un nuovo incubo».

Iraq - profughi cristianiNon fa più il tassista, si è aperto una bottega di frutta e verdura e guadagna a mala pena quel che serve per sfamare i due figli. Aziz Keriatos, 58 anni, cristiano caldeo, ha lasciato Mosul nel 2008. Oggi sta a Beirut. E rivede lo stesso, identico, film. Non in tv, purtroppo. «Guidavo il taxi a Musul – racconta – un giorno sono saliti due uomini in borghese, mi hanno coperto il volto e detto che se non me ne andavo via io e tutta la mia famiglia mi ammazzavano». È così che partì una vera e propria pulizia etnica su base confessionale in quell’Iraq dove le stime più pessimistiche vedono solo 200mila cristiani rimasti. «Musul era una città mista cristiana e sunnita. Oggi i pochi cristiani che restano dopo l’invasione dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis) sono costretti a fuggire di nuovo». La vita non  è semplice a Beirut, città di profughi, palestinesi, iracheni e siriani, cristiani. Jacqueline, 23 anni, parrucchiera, quando sente parlare di Bashar al-Assad alza il dito pollice. A lei la democrazia non interessa. Dice: «Quando c’era lui eravamo al sicuro». 

La donna è fuggita da Hassaké città che aveva una grande comunità di cristiani siriaci nel Nord Est della Siria oggi occupato dall’Isis. «Quando sono arrivati, 14 mesi fa, ci hanno dato due alternative: o andarcene o diventare come loro». Ma nessuno dei cristiani pare abbia optato per la conversione forzata. «Sono fuggita sotto un velo integrale. Ero su un pullman quando alcuni membri dell’Isis ci hanno fermato e hanno chiesto i documenti. Un ragazzo ha mostrato la sua carta identità da cui si evinceva che era cristiano. Uno dei miliziani ha preso il coltello e gli ha tagliato due dita – racconta Jaquline – e guardandolo dritto negli occhi gli ha detto: se ti lamenti ti taglio la gola». Storie come questa si moltiplicano a Sid al Bauchryie, quartiere di Beirut dove è impossibile avere una conversazione per più di cinque minuti senza l’arrivo di un membro di Hezbollah, il partito sciita pro-Assad. Ma a Nuri Aziz non importa esprimersi liberamente: dopo essere sopravvissuto a un’autobomba a Musul dice di non temere più nulla. E non può fare altro che assistere, impotente, al nuovo saccheggio della sua città.

Susan Dabbous

Avvenire, 13 giugno 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/06/2014 da in Attualità ecclesiale, Cristiani perseguitati, ITALIANO.

  • 351.606 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 762 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: