COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

La Bellezza rivelata (4)

Cristo non cancella, ma compie la legge antica

Dal sarcofago di Giunio Basso all’incontro sulla via verso Emmaus, al mosaico absidale di Santa Pudenziana.

In questo nuovo appuntamento il professor Rodolfo Papa ci accompagna alla comprensione di un testo molto complesso. “Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. […] Avete compreso tutte queste cose?. Gli risposero: Sì. Ed egli disse loro: Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche” (Mt 13, 44-52)

artesacra -  sarcofago-giunio-bassoPer farlo percorreremo un itinerario nell’arte attraverso tre opere. Il sarcofago di Giunio Basso, conservato oggi in Vaticano, è un sarcofago datato intorno al 356 d.C. Il sarcofago ci mostra nella parte centrale del registro superiore la traditio legis, un’iconografia molto diffusa in età paleocristiana e medievale che mostra un Cristo giovane, in questo caso addirittura imberbe, il quale passa il rotolo della legge ai santi Pietro e Paolo. Intorno a questo episodio si diramano gli altri tratti dall’Antico Testamento e dai Vangeli. Questo, come osserva il professor Rodolfo Papa, ci dice qualcosa: la venuta di Cristo non cancella, ma compie la legge antica. Dunque lo scriba che si converte e diviene discepolo ha la possibilità di estrarre dal suo tesoro cose antiche e cose nuove come ci mostra la fronte del sarcofago.

Una seconda opera, che ci accompagna nella lettura del brano evangelico, è dipinta da Domenico Robusti (1570-1635), figlio del più noto Jacopo Robusti detto il Tintoretto, ed è L’incontro sulla via verso Emmaus. Questo dipinto, conservato a Vicenza, ci racconta Cristo come “primo esegeta” delle Scritture.

artesacra -  il Mosaico Absidale di S. PudenzianaInfine il professor Rodolfo Papa ci indica un ultimo testo visivo che potremmo indicare come quello di definitiva riconciliazione tra tradizione veterotestamentaria e neotestamentaria: il mosaico absidale della basilica romana di Santa Pudenziana. Questo mosaico, il più antico tra quelli absidali superstiti a Roma, datato tra il 410 e il 417 d.C. ci mostra, come afferma il professor Papa, sulla scorta del De Civitate Dei di Sant’Agostino, la comunità originaria di ebrei e la comunità dei gentili. Alcuni studiosi hanno articolato un impianto esegetico dove è centrale l’immagine di Cristo in quanto maestro, come già avevamo visto nel dipinto di Domenico Robusti. Cristo proclama la parola sulla terra ai gentili e ai giudei riunendo in sé il ruolo del docente per eccellenza: filosofo per la tradizione pagana e maestro per la tradizione liturgica ebraica (Steen 2002). Questo per dirci che il Cristo è il primo maestro dal quale trarre esempio, egli stesso è esegesi, in quanto Verbo incarnato e sul suo modello si imposta tutta l’esegesi corretta. Interessante è sottolineare che questo mosaico viene messo in opera dopo il sacco di Roma di Alarico (410 d.C) che vede una Roma multietnica, dove la necessità di coesione diviene più forte delle diversità etniche: l’appartenenza a Cristo è il primo orizzonte personale per il quale ulteriori divergenze si appianano. In secondo luogo ci troviamo in anni particolari per la stessa esegesi biblica: San Girolamo è chiamato dai circoli romani a tradurre le 14 omelie di Origene su Ezechiele (380 d.C) e a continuare un commentario su tutto il libro di Ezechiele, iniziato nel 410 d.C. e che gli studi hanno dimostrato essere il fondamento biblico di questo mosaico (Andaloro, 2006). Motivazioni politiche ed intellettuali ci mostrano come la Chiesa parli necessariamente attraverso un’arte cristocentrica, in quanto solo attraverso questa qualità è capace di dire l’uomo nella sua complessità.

sources: ALETEIA
Giulia Spoltore
Rodolfo Papa esperto rete di aleteia

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/07/2014 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , .

  • 589.430 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 945 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: