COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Zanotelli: “Io, convertito dai poveri”

Zanotelli:  “Io, convertito dai poveri”

In occasione del cinquantesimo di sacerdozio, il comboniano Alex Zanotelli, il più noto missionario d’Italia, 76 anni, di racconta al settimanale “Credere”.

Zanotelli, Io,convertito dai poveri«I poveri mi hanno convertito». Si intitola così l’intervista di Gerolamo Fazzini a padre Alex Zanotelli, comboniano, 76 anni, che esce su “Credere”, in edicola da domani con in copertina proprio il volto del più noto missionario d’Italia. In essa Zanotelli rivisita mezzo secolo di vita missionaria: in Africa (dapprima Sudan, poi Kenya), alla direzione dell’agguerrito mensile “Nigrizia” e, oggi, nel cuore di Napoli. Pochi giorni fa padre Alex ha celebrato il cinquantesimo di sacerdozio a Verona e nel suo paese natale, Livo, in Trentino.

E’ un’intervista insolita, questa, perché in essa Zanotelli parla molto di sé, della sua fede e della vocazione missionaria, nata «da ragazzino in Val di Non, all’indomani di un incontro con un comboniano: io ero uno dei peggiori della classe, ma avevo dentro un forte desiderio di donare la vita. Da lì è nato l’amore per Comboni. La mamma, una delle persone più altruiste che abbia mai conosciuto, mi ha appoggiato. Papà, invece, non era molto contento della mia scelta, almeno all’inizio».

Zanotelli spiega di essere stato convertito dai poveri perché «nella mia esperienza missionaria ho toccato con mano che, come dice il Papa, noi annunciamo il Vangelo, ma Dio è già lì, ci precede sempre».

A una domanda sul crollo delle vocazioni risponde che «una delle principali ragioni è che il consumismo ha portato a un azzeramento dei valori fondamentali» e ora diventa più che mai necessario, per i giovani «misurarsi con le domande importanti sulla vita». Ma, alla radice della crisi missionaria, spiega, c’è una crisi profonda di fede: «Manca spesso una conoscenza profonda di Gesù. La nostra è rimasta, in molti casi, una religiosità di superficie. Una seria animazione giovanile deve, quindi, proporre cammini di fede autentici. Ma guai se abbandonassimo questo campo solo perché oggi non ci sono vocazioni dall’Europa!».

In vista del Convegno missionario nazionale, in programma a novembre a Sacrofano, Zanotelli lancia un j’accuse preciso: «Sono molto preoccupato per il futuro: la spinta missionaria in Italia sta languendo. Ma il Papa, nell’Evangelii gaudium, ci stimola a “uscire”. Come fare? La spinta al cambiamento non viene da ragionamenti o da discussioni teologiche, ma dalla testimonianza concreta di gente che sa rischiare. Abbiamo bisogno di testimoni. I giovani questo chiedono, altrimenti non sono interessati: vogliono vedere scelte controcorrente e, quando questo accade, si infiammano. Il problema di fondo della Chiesa italiana è che, come mi ha detto una volta il vescovo Ramazzini del Guatemala, siamo schizofrenici. Ovvero: in chiesa diciamo certe cose, fuori facciamo altro».

Staffilate decise arrivano, poi, dal comboniano circa l’uso dei beni. Zanotelli ne ha per tutti, istituti missionari compresi. «Possibile che, con tutte le case mezze vuote che abbiamo in giro per l’Italia, non riusciamo ad accogliere i migranti?». Ancora: «Oggi bisogna dire chiaramente che giocare con i soldi, sia in Borsa sia nel “gratta e vinci”, è immorale perché si accumula denaro senza lavorare. Inoltre abbiamo l’obbligo morale di sapere dove vanno a finire i nostri soldi, se le banche cui ci appoggiamo usano strumenti immorali, come paradisi fiscali e “derivati”, se finanziano il commercio di armi… Le nostre comunità cristiane purtroppo non applicano questa regola, le congregazioni religiose idem. Dovremmo mettere in crisi questo sistema economico, invece ci siamo dentro fino al collo».

Quanto all’appello di Francesco per “una Chiesa povera per i poveri” Zanotelli si dice « molto grato al Papa per i suoi messaggi, ma l’impressione è che ci siano resistenze. Vale anche per congregazioni e ordini religiosi e per noi missionari. Penso a certi conventi, che ancora accolgono solo poche persone, rinchiuse nelle loro mura. Cosa ci vuole a chiudere e spostarsi in zone degradate? Anche nel Nord del mondo ci sono dei Sud e molte occasioni per testimoniare una “Chiesa in uscita”».

L’ultima battuta dell’intervista è sulla stampa missionaria. «Non ho ricette particolari, se non questa: ritrovare il coraggio della denuncia. Come istituti missionari non siamo legati a nessun potere: dimostriamolo! In caso contrario, camminiamo con i poveri del Sud del mondo, ma di fatto rimaniamo legati al sistema».

23/07/2014 

http://vaticaninsider.lastampa.it

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28/07/2014 da in ITALIANO, Vocazione e Missione con tag .

  • 310.795 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 706 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: