COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Lectio della XVIII domenica

Lectio divina dominicale

XVIII Domenica – Tempo Ordinario (A) 3 agosto 2014

Matteo 14, 13-21

Questo episodio è talmente importante da essere riportato da tutti e quattro gli evangelisti (Mt 14,13-21; Mc 6,32-44; Lc 9,10-17; Gv 6, 1-15). L’allusione storica è al prodigio compiuto dal profeta Eliseo (2Re 4,42-44) sottolineando la superiorità di Gesù: Eliseo con venti pani sfama cento persone; Gesù con cinque cinquemila. Questa narrazione rimanda alla prima tentazione di Gesù nel deserto, quando il satana gli propose di cambiare le pietre in pane per sfamarsi (Mt 4,3-4). Gesù farà del pane un dono per sfamare gli altri.

In quel tempo, 13 avendo udito questo, Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città.

moltiplicazione dei pani e dei pesci5La notizia della morte del Battista fa sì che Gesù abbandoni il posto dove sta e si ritiri verso un “luogo deserto” (da anachōréō=ritirarsi, in Matteo anche con il senso di “sfuggire” a un pericolo, 2,12.22; 4,12; 12,15). Con il richiamo del deserto l’evangelista si riallaccia alle tematiche dell’esodo. Si credeva che il Messia avrebbe compiuto gli stessi prodigi di Mosè, e in particolare si attendeva nuovamente la manna dal cielo: “Come il primo liberatore fece discendere la manna come sta scritto: Io sto per far piovere il pane dal cielo” (Es 16,4), così anche il secondo liberatore farà discendere la manna poiché sta scritto: “Abbonderà il frumento del paese” (Sal 72,16). Lo schema della narrazione seguirà quello dell’Esodo (Es 16,3-4) col tema del deserto/mancanza di cibo/azione di Mosè/manna/sazietà, avendo però questa volta Gesù quale protagonista. La fame del popolo non verrà saziata più con un pane che scende dal cielo, ma mediante la condivisione del pane da parte di tutti. L’evangelista presenta Gesù come la figura del profeta ideale che porta a compimento le attese messianiche, realizzando tutte le promesse di Dio. La sottolineatura in disparte, qui per la prima volta, compare sette volte nel Vangelo di Matteo e segnala sempre una situazione di incomprensione dell’azione di Gesù (Mt 14,23; 17,1.19; 20,17; 24,3¸ 25,15).

14 Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati.

Nel Vangelo di Matteo il sentimento della compassione è sempre attribuito a Gesù. Il verbo, già apparso in Mt 9,6, ha per tre volte come oggetto le folle (Mt 15,32; in 18,27 è una parabola e in 20,34 per i due ciechi di Gerico). La compassione di Gesù non rimane mai sentimento ma è sempre operativa e fattore di vita. L’evangelista sottolinea l’identità di Gesù come il Dio con noi e i suoi interventi a favore di quanti sono privi di vita (Mt 4,23; 8,16; 9,35; 12,15; 15,30; 19,2; 21,14). Per malati l’evangelista adopera un termine raro (arrṓstus da árrōstos=malato/infermo: solo qui in Mt e tre volte nel NT: Mc 6,5.13; 1Cor 11,30) che nel Libro del Siracide richiama l’azione divina: “Figlio, non avvilirti nella malattia, ma prega il Signore ed egli ti guarirà” (Sir 38,9).

15 Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto, ed è ormai tardi: congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». 16 Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare».

Ad interrompere l’azione della compassione di Gesù sono i discepoli che mostrano così incomprensione dell’attività e dell’essere del loro maestro. Interrompono Gesù per una questione molto pratica: mandare via la gente alle loro case perché è ora di cena, quando viene consumato il pasto principale della giornata. I discepoli mostrano incomprensione di quanto espresso da Gesù nelle Beatitudini sulla pratica della condivisione (cfr. Mt 5,3.6). Ragionano ancora con la mentalità economica del sistema vigente nella società: per mangiare occorre comprare. Gesù manderà via le folle, ma solo dopo che avranno mangiato e si saranno saziate (Mt 14,23).

Gesù non è d’accordo con la richiesta dei discepoli. Non è la folla che deve andare a comprare da mangiare ma i discepoli che devono loro dare da mangiare. La particolare costruzione della frase greca (date a loro voi da mangiare) ha il significato che Gesù invita i discepoli non solo a dare il pane, ma farsi pane/cibo alla folla, anticipando così il tema della cena eucaristica durante la quale Gesù si farà pane. Per questo l’evangelista pone l’indicazione Sul far della sera, la stessa dell’ultima cena di Gesù (Mt 26,20) quando Gesù prese del pane e disse Prendete e mangiate: questo è il mio corpo (Mt 26,26). Ponendo in relazione i due episodi l’evangelista intende dimostrare che il dono della propria vita: quello che si è, espresso nell’ultima cena, è possibile solo quando è preceduto dal dono di quel che si ha.

17 Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!».

La replica dei discepoli serve per mostrare quello che hanno: cinque pani e due pesci e che giudicano insufficiente. Nella simbolica numerica (5+2=7) il sette indica la totalità. L’evangelista sottolinea che i discepoli mostrano tutto quello che hanno e che giudicano insufficiente per sfamare le folle.

18 Ed egli disse: «Portatemeli qui». 19 E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla.

Una volta fattosi portare pani e pesci, Gesù, comanda alla folla di sdraiarsi sull’erba. Gesù chiede loro di assumere la posizione dei signori. Costoro, nei giorni festivi, mangiavano adagiati su dei lettini, sdraiati su un fianco. L’evangelista vuol far comprendere che scopo dell’azione di Gesù è rendere signori (=liberi) come lui. Il gesto di Gesù di guardare verso il cielo indica comunione con Dio: l’azione che segue è un prolungamento dell’attività creatrice del Padre. Al fine di far risaltare la chiara allusione all’eucaristia, l’evangelista segnala solo la benedizione dei pani omettendo i pesci:

venuta la sera sdraiarsi venuta la sera (26,20) giaceva a mensa
prese i cinque pani benedì spezzò i pani e li diede ai discepoli prese il pane (26,26) benedì lo spezzò e lo diede ai discepoli

La funzione dei discepoli è di essere al servizio della folla per renderli signori. I discepoli sono invitati a prolungare il gesto di Gesù distribuendo i pani alla gente quale segno del dono di se stessi.

20 Tutti mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene.

L’evangelista sottolinea che i partecipanti alla condivisione dei pani e dei pesci non si limitano a sfamarsi e neanche a mangiare, ma mangiano a sazietà (si satollano). Il verbo saziare appare solo qui e nelle Beatitudini mettendo in stretta relazione questo episodio con quanto annunciato da Gesù nel discorso della montagna.

Solo quanti hanno deciso di non accumulare beni possono accogliere l’invito di Gesù date a loro voi stessi da mangiare (Mt 14,16b). Quando non ci si affanna più per il mangiare e il bere è possibile cercare per prima cosa il regno di Dio e la sua giustizia (Mt 6,33), e gli affamati e assetati di giustizia sazieranno la loro fame (Mt 5,6) saziando la fame di quanti non hanno pane. La sazietà era uno degli aspetti caratteristici dei tempi messianici (cfr. Is 25,6; Ger 31,14). La presenza del Regno produce abbondanza e chi vi aderisce sperimenta pienezza di vita. Non solo la folla si sazia ma la condivisione produce pure un avanzo che viene raccolto in dodici ceste. Il numero 12 è un’evidente allusione al popolo di Israele tradizionalmente composto dalle dodici tribù (Gen 49,28).

21 Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

In questo brano compaiono molti numeri: 5, 2, 12, e infine 5000. Il numero cinque è il numero legato all’azione dello Spirito di Dio. Nell’AT i profeti animati dallo Spirito vanno a gruppi di cinquanta (1Re 18,4.13; 2Re 2,7). Negli Atti degli Apostoli, lo Spirito scende sul gruppo dei discepoli nel giorno di Pentecoste, cinquantesimo giorno dopo la Pasqua (At 2,1-4). L’evangelista con questa cifra vuole indicare che con il pane è stato comunicato anche lo spirito (l’amore) che era alla base del dono. Secondo il costume giudaico donne e bambini non venivano contati come partecipanti al culto sinagogale. Matteo si rifà a questa prassi per sottolineare il significato dell’episodio dei pani: il nuovo culto non si esercita più nella sinagoga, dove Gesù ha trovato solo incredulità, ma lì dove il gruppo dei discepoli mette in pratica il messaggio delle Beatitudini. Il nuovo culto non si rivolge più a Dio, ma parte da Gesù, il Dio con noi e si rivolge agli uomini.

Riflessioni…

  • Una notizia può decidere una partenza, un rientro nei deserti pacificanti dei pensieri e della coscienza che cerca risposte. Così per l’amico, il Giovanni che ha guardato la morte negli occhi e ha concluso nel martirio il suo battesimo, una barca, anche senza sicurezze, porta l’Agnello a procurare comunque la vita.
  • E ricomincia dalla com-passione, oltre calcoli e verifiche: la sua presenza tra i presenti allo sbarco procura sicurezza, serenità, salute globale.
  • È ancora il Maestro che insegna come fare miracoli: un ascolto attento, uno sguardo amicale, un cuore che si impone ritmi coordinati e paralleli, rallentando persino battiti per condividere insieme la vita, possono creare ambiti di salute e salvezza, a chi ha uno spirito debole ed energie fiaccate da dolore e malattia.
  • Intanto sopraggiunge la sera, si fanno sentire stimoli di fame, nel vuoto di certezze umane, come quando ogni esistenza giunge al tramonto.
  • E allora si impone o la fretta del recupero, delle conquiste e delle soluzioni progettate e definite da tempi e spazi e da umane garanzie, oppure l’attesa fiduciosa, l’abbandono consapevole e donante.
  • Il Maestro opta per l’attesa del Padre che condivide ansie, sollecita partecipazione, collaborazione e corresponsabilità nell’azione provvidente, a cominciare dal pane.
  • A Lui bastano, spiccioli, semi, granellini, radici per far crescere frumenti, per saziare l’istinto materno della terra ed appagare i morsi della fame. E lascia fare poi, a chi ha a cuore i destini degli uomini.
  • Occorre pertanto portarli, presentarli, come oggi alla domenica, perché possano essere condivisi, spezzati e donati. Come fa chi governa sentimenti familiari, chi sperimenta e vive amicizie sincere ed ha a cuore il misero, l’abbandonato, l’emigrante, insieme agli antichi orfani e vedove, senza dimenticare di aggiungere al pane il sale che dà gusto e il sapore dell’amore di chi dona senza riservare niente per sé.
  • E in tutto penetra la presenza divina dello Spirito che moltiplica pani per tutti, senza limiti, confini o esclusioni.
  • Si inaugura sul prato verde, come in tutte le distese senza steccati, il sogno della speranza, del tempo della signoria dell’uomo, a cominciare dall’ultimo, dallo schiavo, il sogno di essere padrone della propria vita, della propria persona, dei propri desideri.
  • Prende corso il cammino della libertà piena, perché termina il buio della dipendenza, della sottomissione angosciante, del non senso della vita, grazie a chi dona pane e amore, a chi dona se stesso spezzandosi nella compassione operosa, gareggiando persino con Dio in generosità e gratuità. Ha inizio l’era del vero culto in Spirito e Verità, in sintonia e in compagnia col Dio fatto Uomo.

http://www.ilfilo.org

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/08/2014 da in Anno A, Domenica - lectio, ITALIANO, Tempo Ordinario (A).

  • 349.115 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 759 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: