COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Dentro la bellezza (16)

Dentro la bellezza (16)


Il velo e il finocchio, la vita che non inganna

Dentro la bellezza16 - Marianne Stokes (1855-1927), Madonna col Bambino, 1907-08 Tempera su pannelloÉ una vergine nordica quella dipinta da Marianne Stokes, artista austriaca del XIX secolo. Una Vergine Madre che rimanda alle tante Madonne del velo seminate nella storia dell’arte: la Madonna del velo di Raffaello, la Madonna del velo di Umberto Giunti, attribuita erroneamente a Botticelli. Madonne le quali, sollevando il velo che nasconde il divino Bambino, sembrano dire con il loro gesto: «Sotto il velo della carne si nasconde il Verbo dell’Altissimo, nato per morire». Forse per questo la Madonna della Stoke è anche un’Addolorata. Lo dicono i colori dell’abito, il rosso del sangue, il blu del Mistero. Lo dice lo sguardo mesto rivolto a noi, che rimaniamo quasi indifferenti di fronte al miracolo inusitato di un Dio che si fa uomo. Della passione, del destino di questo bambino, apparentemente uguale a tutti gli altri bambini, narrano gli arbusti spinosi sullo sfondo. Una girandola di spine che presto avvolgeranno il capo del Salvatore. Spicca tra esse un arbusto strano, ma inconfondibile per quanti amano andar per campi a raccogliere erbe, il finocchio selvatico. Un simbolo raro nell’arte, ma non sulla tavola. Un tempo, infatti, si era soliti offrire, con il vino meno buono, dolci al finocchio per la proprietà aromatica di questi semi capaci di correggere i difetti del vino. Per questo si prese ad usare il vocabolo “infinocchiare” col senso preciso di trarre in inganno. Non a caso la Madonna ha un abito dorato, tempestato di grappoli d’uva: quello che Cristo dispensa è il vino buono della gioia e della salvezza. Lo scopriranno quanti saranno fedeli nella tribolazione e lasceranno che si sollevi, per tempo, il velo della verità.

Dentro la bellezza 16 Carlo Magini (1720-1806), Natura morta 1760 Olio su tela, 55x84 cm. Collezione PrivataIl finocchio, infatti, ha la duplice valenza simbolica della forza e del tradimento. Non sono poche le nature morte che, mediante la comparsa di quest’ortaggio insieme con altri elementi, alludono alla Vanitas, cioè alla caducità della vita. Una di queste reca la firma di Carlo Magini, pittore marchigiano, del periodo barocco. Accanto a due finocchi in primo piano, egli dipinge due pezzi di carne (lombata di vitello), appena macellata, freschissima, e fra questi oggetti spicca un’arancia, frutto dorato che evoca l’albero della vita. Il simbolismo è chiaro: da un lato la carne con i suoi richiami e dall’altro l’inganno entro il quale la carne può trascinare a motivo del peccato. Dietro, una candela spenta e un fiasco di vino chiuso in modo approssimativo da una carta, raccontano della corruzione di tutte le cose, che incombe sul presente: la luce che si spegne, il vino che inacidisce. E noi, immersi in tutto questo, siamo appesi a un filo, in bilico come la tazza da caffe e il coltello in primo piano. Occorre qualcosa di certo che ci permetta di vivere il presente nella certezza del futuro. Tornano alla mente le sfide attuali. Di fronte ai diversi dibattiti sul genere, sui principi non negoziabili, di fronte all’appello accorato del Santo Padre contro eventuali guerre, la riflessione su ciò che veramente conta s’impone. E s’impone, ahimè, solo quando ciascuno di noi è messo di fronte al crudo realismo dei problemi, dove nessun tentativo di infinocchiare la realtà tiene. È bello allora trovare riposo fra le braccia di una Madre, come quella che ci offre Marianne Stoke, una madre capace di aiutarci a sollevare il velo che copre le coscienze, scoprire le falsità e giudicare tutto a partire da quella dimensione eterna che ci attende, dove tutto cadrà e solo la verità resterà, appunto, senza velo.

A cura di Gloria Riva

Avvenire, 31/07/2014

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/08/2014 da in Dentro la bellezza, Fede e Spiritualità, ITALIANO.
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: