COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Dentro la bellezza (17)

Dentro la bellezza (17)

La perla, il corallo e il desiderio della bellezza

Piero della Francesca (c. 1415 –1492) Pala di Brera 1472-1474 Tempera su panello 248 cm × 150 cm Pinacoteca di Brera, MilanoLa cosiddetta Pala di Brera di Piero della Francesca doveva essere più grande dell’attuale, forse il doppio. Tant’è che la conchiglia che orna il catino absidale del dipinto doveva trovarsi al centro dell’opera. La conchiglia veniva così a rappresentare una sorta di nodo mistico tra Cielo e terra, quel nodo mistico che, in fondo, fu la Madonna stessa, creatura capace di generare il suo Creatore.

La pala celebra una serie di avvenimenti accaduti nella travagliata vita di Federico da Montefeltro attorno all’anno 1472: la nascita dell’erede, Guidobaldo, dopo sei figlie femmine; la morte della Moglie Battista Sforza; la conquista di Volterra. La Vergine e il Bambino rappresentano, infatti, la moglie e il figlio di Federico. L’abside monumentale riprende i disegni di Leon Battista Alberti e nella nicchia, oltre alla conchiglia, sorprende l’oggetto appeso a una catena che molti identificano con un uovo di struzzo. In realtà, nonostante la forma ovale dovuta allo scorcio prospettico, sembra trattarsi di una perla. La conchiglia, o meglio, la Pecten maximus, con la sua perfezione geometria ha affascinato l’uomo fin dall’antichità.

Sandro Botticelli Nascita di Venere 1482–1485 circa tempera su tela 172 cm × 278 cm Galleria degli Uffizi, Firenze

La mitologia greca vuole Venere, dea della bellezza, nata da una conchiglia. Famosa è l’opera di Sandro Botticelli, dove il tema della nascita di Venere è rivisitato dall’artista alla luce del Battesimo. Botticelli racconta, attraverso il recupero dei miti dell’antichità classica, la bellezza innocente dell’anima rinata dalle acque. La forza prorompente del mare, il vento, i giunchi, esili come i capelli di Venere, e la ninfa Ora con la ghirlanda di mirto, simbolo dell’amore perpetuo, sono elementi dal duplice riferimento, cristiano e pagano. Così le rose e la conchiglia se da un lato rimandano alla nascita di Venere, dall’altro sono anche simboli allusivi alla Vergine Maria.

Allo stesso modo Piero della Francesca sembra evocare Efrem il Siro che, nel suo De margarita, associa il simbolo della conchiglia alla Madre di Dio. Nel IV secolo, infatti, si pensava che la conchiglia producesse la perla senza la fecondazione maschile. In realtà la formazione della perla avviene dopo che un granello di sabbia, penetrato nell’alveo della conchiglia, scatena un processo, potremmo dire immunitario, per cui l’ostrica riveste l’intruso di madre perla, dando origine al prezioso gioiello. Ancora di più quindi il simbolo diviene allusivo dell’Incarnazione: anche il Verbo assunse la nostra carne rivestendola, con la sua passione e morte, di immortalità e di grazia.

Se una perla scende a piombo sul capo della Madonna, che ha il volto della moglie defunta, annunciando la risurrezione, un corallo pende al collo di Cristo, che sta come morto fra le braccia della madre. Al corallo si attribuivano proprietà curative ed era perciò considerato un simbolo apotropaico. Sono proprio questi simboli marini a riportarci al mistero della nostra esistenza e a quell’insopprimibile desiderio di verginità e bellezza che in tutte le culture, a dispetto di certa propaganda attuale, sono congiunte eternità e purezza e, dunque, all’anelito di raggiungere Dio.

A cura di Gloria Riva

Avvenire, 07/08/2014

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/08/2014 da in Dentro la bellezza, Fede e Spiritualità.

  • 661.480 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 768 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: