COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Dentro la bellezza (20)

Dentro la bellezza (20)

In coraggiosa difesa della barca di Pietro

Pisanello, San Giorgio e la principessa, affresco 1430 circa. Chiesa di Sant’Anastasia, Cappella dei Pellegrini, Verona.

Sta montando a cavallo, San Giorgio, per raggiungere la barca che lo attende sulle rive del Mar Nero. Ha già un piede nella staffa e, mentre s’insella, guarda imperioso verso il mare preso da un’urgenza: un enorme drago insidia l’oriente cristiano ed egli deve salvarlo.

L’affresco di Pisanello ha sopportato pesanti infiltrazioni d’acqua perdendo molto della brillantezza dei suoi colori. Tuttavia si può ugualmente intuire la superba finezza dell’opera che si trova a Verona nella chiesa di Sant’Anastasia, commissionata all’artista dalla famiglia Pellegrini nel 1429. Il momento era cruciale e il tentativo di salvare l’impero bizantino dalla furia turca, vide avvicinarsi le chiese d’oriente e d’occidente. Così la barca ormeggiata in attesa del cavaliere è simbolo della Chiesa e il santo impersona i cristiani più coraggiosi che – lancia in resta – si scagliano contro il dragone turco. Soldati ottomani e uomini vestiti alla bizantina, confermano l’ipotesi dell’interpretazione storica. Una donna guarda silenziosa il cavaliere partente. Si tratta di Comnena, principessa di Trebisonda e, qui, personificazione di Costantinopoli in pericolo di vita a causa del drago. Sullo sfondo si vede Trebisonda, antica città portuale di fondamentale importanza per la navigazione. I marinai che attraversavano il Mar Nero dovevano tener d’occhio il porto di Trebisonda se non volevano cadere vittima di gorghi e tempeste, frequentissime in quel mare. Così perder la Trebisonda divenne paradigmatico del perdere la rotta della vita. Trebisonda, poi, sarà l’ultima città a cadere preda dell’impero ottomano (nel 1461), divenendo simbolo della resistenza cristiana. Due uomini torturati e impiccati denunciano il pericolo imminente. Il tema della barca di Pietro che vince il mare della storia e i suoi dragoni, conosce molte versioni. Un’icona del XVII secolo, cara alla Chiesa ortodossa, vede nella barca di Pietro la nuova Arca di salvezza. In ambito cattolico, la Navicella, presente in Vaticano, è un mosaico di Giotto semidistrutto e ricostruito da Orazio Manenti nel 1673.

La Navicella di Pietro, affresco XIV sec. Chiesa protestante di Saint Pierre le Jeune, Strasburgo, AlsaziaLa copia più antica si trova a Strasburgo nella chiesa di Saint Pierre le Jeune, oggi protestante. Si tratta di un affresco del XIV secolo dove Pietro, sfidando la tempesta, cammina sulle acque verso Cristo. Nel mare imperversano demoni armati di spade, i quali non possono avere la meglio né su Pietro, perché sorretto da Gesù stesso, né sugli altri apostoli perché custoditi dalla navicella di Pietro. Così il tema della barca abbraccia le tre confessioni cristiane richiamandoli all’unità proprio nel dramma della lotta contro i poteri dispotici. Il richiamo, oggi urgentissimo, vede nell’affresco di Pisanello un severo monito: non perdiamo la Trebisonda, non lasciamo in mano ad altri i punti di riferimento certi della nostra bimillenaria cultura cristiana.

A cura di Gloria Riva

Avvenire, 28/08/2014

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28/08/2014 da in Dentro la bellezza, Fede e Spiritualità, ITALIANO.

  • 589.420 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 945 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: