COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio della Domenica (32)

Lectio della Domenica (32)


9 novembre
DEDICAZIONE BASILICA LATERANENSE

Giovanni 2, 13-22

Giovanni 2, 13-2213 Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. 14 Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. 15 Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, 16 e ai venditori di colombe disse: “Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!” 17 I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo per la tua casa mi divorerà. 18 Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: “Quale segno ci mostri per fare queste cose?”. 19 Rispose loro Gesù: “Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere”. 20 Gli dissero allora i Giudei: “Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?”. 21 Ma egli parlava del tempio del suo corpo. 22 Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.

A Cana, nell’ambito di una festa di nozze, l’evangelista introduce il suo messaggio: la sostituzione dell’antica alleanza, con la nuova proposta da Gesù. In questo ambito anche la realtà del tempio assumerà altro significato. L’opera del Messia non si innesterà sulle antiche istituzioni per purificarle e poi continuarle, ma sarà una totale novità che esigerà uno stacco con il passato. Il segno di Cana è l’inizio, il prototipo e chiave di interpretazione dei segni che seguiranno.

13 Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme.

È la prima delle tre Pasque che saranno menzionate nel vangelo di Giovanni e per tre volte in questo vangelo viene definita: “la Pasqua dei Giudei” (v.13; Gv 6,4;11,55) espressione mai usata nell’AT dove si parla di Pasqua del Signore (Es 12,11.48; Lv 23,5; Nm 9,10.14; Dt 16,1; 2Re 23,21.23) o semplicemente di Pasqua (Esd 6,19). Per l’evangelista la Pasqua è dei Giudei perché è in opposizione con la Pasqua del Signore. La Pasqua non è più quella istituita nell’Esodo, in quanto è divenuta la festa del regime giudaico, strumento di dominio e di oppressione da parte delle autorità religiose. È una Pasqua a solo beneficio della casta sacerdotale di allora che ingannava il popolo in nome di Dio per i propri interessi. Ogni ebreo maggiore di dodici anni era obbligato a salire a Gerusalemme e sacrificare l’agnello pasquale nel tempio. In questa occasione la città, che conteneva circa 55.000 abitanti triplicava il suo numero. Si calcolavano in circa 18.000 gli agnelli sacrificati per l’occasione. In realtà, per l’evangelista, è il popolo la vera vittima della festa. Sarà Gesù, presentato come l’Agnello di Dio, la vera Pasqua. Dal cap. 12, con l’ingresso di Gesù in Gerusalemme non si parlerà più di Pasqua dei Giudei, perché Gesù sarà la Pasqua del Signore.

14 Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete.

La semplice presenza di Gesù, il nuovo santuario dal quale si irradia la gloria di Dio, è sempre causa di tensione nel tempio di Gerusalemme. In Gesù, la Parola fatta uomo, Dio ha piantato la sua tenda tra gli uomini (Gv 1,14), e in lui si manifesta la gloria di Dio. Gesù non trova nel tempio gente in preghiera con Dio, ma i vendenti e i cambiavalute seduti/installati (cfr. trad. lett.) in commercio, in onore di ciò che è diventato il vero dio del tempio: il denaro. L’evangelista costruisce la frase come se i venditori vendessero tutti gli animali elencati. La festa religiosa si era trasformata per le autorità religiose in un’occasione di guadagno, ecco perché è la Pasqua dei Giudei (i capi) e non del popolo. Tre settimane prima della Pasqua iniziava il grande mercato per la vendita degli animali da sacrificare. Poiché gli animali da sacrificare dovevano essere senza difetti si potevano comprare in un grande ovile sito sul monte degli Ulivi, di proprietà di Anania (abbreviato in Anna), il grande Sommo Sacerdote, suocero di Caifa. Anania era anche il detentore delle licenze delle macellerie di Gerusalemme.

15 Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi,

I papiri più antichi (66 e 75) hanno “come un flagello” o “una specie di frusta”. Il Messia veniva rappresentato con un flagello in mano per fustigare peccati e peccatori e il “flagello” era il simbolo dei dolori che avrebbero accompagnato i tempi del Messia. Pertanto Gesù si presenta come il Messia ma il peccato ed i peccatori che fustiga non sono gli esclusi dal tempio ma quelli che sono l’anima stessa del tempio. Nell’azione di Gesù l’evangelista vede la realizzazione della profezia di Zaccaria: “in quel giorno non ci saranno più mercanti (lett. Cananei) nella casa del Signore degli eserciti” (Zc 14,21).

Sono numerosi i testi dei profeti che denunciavano il culto del tempio, un culto ipocrita che si accompagnava all’ingiustizia e all’oppressione verso i poveri. Già Isaia apriva il suo libro con queste parole di fuoco: “Ascoltate la parola del Signore capi di Sodoma! Prestate orecchio alla Legge del nostro Dio, popolo di Gomorra. Che m’importa dei vostri numerosi sacrifici? – dice il Signore – Io sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso di bestie ingrassate; il sangue dei tori, degli agnelli e dei capri, io non lo gradisco. Quando venite a presentarvi davanti a me, chi vi ha chiesto di contaminare i miei cortili? Smettete di portare offerte inutili; l’incenso io lo detesto; e quanto ai noviluni, ai sabati, al convocare riunioni, io non posso sopportare l’iniquità unita all’assemblea solenne. L’anima mia odia i vostri noviluni e le vostre feste stabilite: mi sono un peso che sono stanco di portare. Quando stendete le mani, distolgo gli occhi da voi; anche quando moltiplicate le preghiere, io non ascolto; le vostre mani sono piene di sangue” (Is 1,10-15).

Alle invettive di Isaia fanno eco quelle di Amos: “Io odio, disprezzo le vostre feste, non prendo piacere nelle vostre assemblee solenni. Se mi offrite i vostri olocausti e le vostre offerte, io non le gradisco; e non tengo conto delle bestie grasse che mi offrite in sacrifici di riconoscenza. Allontana da me il rumore dei tuoi canti! Non voglio più sentire il suono delle tue cetre!” (Am 5,21-23).

Ma mentre i profeti, denunciando un culto ipocrita, auspicavano una purificazione del tempio, Gesù va al di là. Il Cristo non purifica il tempio: lo sostituisce. Infatti espellendo dal tempio gli animali destinati ai sacrifici dichiara la loro invalidità collegandosi alla linea profetica di Geremia e di Amos: “Io però non parlai né diedi ordini sull’olocausto e sul sacrificio ai vostri padri, quando li feci uscire dalla terra d’Egitto.” (Ger 7,22). “Mi avete forse presentato sacrifici e offerte nel deserto per quarant’anni o Israeliti?” (Am 5,25). Mentre per i profeti il culto serviva a coprire l’ingiustizia, per Gesù è il culto stesso che può diventare una forma di ingiustizia, un mezzo di sfruttamento del popolo.

Per questo Gesù non riforma il tempio ma lo sostituisce. Gli altri evangelisti scriveranno chiaramente che l’azione di Gesù non è rivolta solo contro i venditori, ma anche contro i compratori: “Gesù entrò nel tempio e scacciò tutti quelli che nel tempio vendevano e compravano…” (Mt 21,12; Mc 11,15). Mentre gli animali trovati nel tempio sono stati elencati secondo l’ordine di grandezza (buoi, pecore e colombe) ora al momento dell’espulsione vengono nominate al primo posto le pecore che in questo vangelo saranno figura del popolo del quale Gesù si proclama il pastore (Gv 10,1). Le pecore, figura del popolo, sono rinchiuse nel tempio per essere sacrificate in quanto i loro capi verranno denunciati da Gesù come “ladri e briganti” (Gv 10,8) che non vengono se non per rubare, uccidere e distruggere (Gv 10,10). L’espressione “scacciò tutti”= pántas exébalen corrisponde a quella adoperata per la liberazione delle pecore dal recinto, figura del Tempio: “e quando ha spinto fuori tutte le sue pecore…” (Gv 10,4; cfr. 9,34).

…gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi,

L’evangelista ha già presentato i cambiamonete come seduti/installati (Gv 2,14 trad. lett.) nel tempio: è il sistema bancario l’anima del tempio. Nel tempio c’era il conio delle monete in quanto non potevano essere ammesse monete con immagini umane come quelle in uso presso i popoli pagani.

Ogni ebreo maschio dall’età di venti anni doveva dare al tempio il suo tributo annuale (due dracme = mezzo siclo). Le costanti e crescenti entrate al tempio assicuravano una enorme ricchezza all’intera città di Gerusalemme e servivano a mantenere la casta sacerdotale e tutti coloro che prestavano servizio al tempio (“portate le decime intere nel tesoro del tempio perché ci sia cibo nella mia casa” Ml 3,10). L’azione di Gesù è pertanto rivolta a un punto nevralgico: il sistema economico del tempio, la più grande banca di tutto il medio oriente.

16 e ai venditori di colombe disse: “Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!”

Stranamente Gesù rivolge il suo rimprovero ai venditori di colombe, gli animali più piccoli tra quelli elencati, e li considera responsabili della corruzione del tempio. La colomba era l’animale usato per i sacrifici di purificazione dei poveri (Lv 5,7; 14,22.30). Vendere colombe con l’avallo della casta sacerdotale insinua il significato di offrire denaro per la riconciliazione con Dio. Come in Cana, alle giare vuote, immagine della purificazione, si opponeva il dono del vino, immagine dello Spirito, così alle colombe da offrire in sacrificio per la purificazione si oppone lo Spirito – sotto immagine di colomba (Gv 1,32) – come dono d’amore gratuito da parte del Padre.

Con la ripetizione del termine casa (v. 16 trad. lett.) che unisce il Padre e il mercato l’evangelista indica che il tempio non è più tale ma è un mercato. Il culto è un pretesto per il guadagno che è l’obiettivo principale. Il luogo dove Dio dovrebbe manifestare la sua gloria-amore è il luogo dello sfruttamento in nome di Dio. Gesù non parla di casa di Dio, ma del Padre. Mentre i sacerdoti del tempio stabiliscono una relazione con Dio mediante il denaro, presentando un dio sfruttatore, Gesù parla di un Padre, stabilendo una relazione d’amore filiale. Il Dio liberatore e salvatore del popolo era stato trasformato dai sacerdoti del tempio – per i propri interessi – in un dio esigente e sfruttatore, di fronte al quale nessuno poteva presentarsi a mani vuote (“nessuno si presenterà davanti al Signore a mani vuote” – Dt 16,16). Il Dio del tempio, come era diventato, non è quello che dava vita ma quello che la esigeva per sé.

17 I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo per la tua casa mi divorerà.

I primi a reagire al gesto di Gesù sono i suoi discepoli che associano l’azione di Gesù al contenuto del Salmo 69,10, salmo che verrà ancora citato in questo vangelo in relazione alla passione del Cristo (Gv 15,25; 19,29; Sal 69,5.22). Il termine zelo è associato al nome dei nazionalisti che combattevano i romani, ma soprattutto a quello che animava il bellicoso profeta Elia: “Sono pieno di zelo per il Signore…” (1Re 19,14), uno zelo col quale sterminava tutti quelli che riteneva nemici del suo Dio (“…e con zelo li ridusse a pochi…” – Sir 48,2).

Di Elia la Bibbia riporta la sfida teologica dove era in ballo l’onore di Adonai, divinità di Israele, e quello del concorrente cananeo Baal (cfr. 1Re 18,21-40). Ad Elia, avvocato difensore del suo Signore, non bastava la soddisfazione morale che tutti avessero riconosciuto come Dio Adonai e aveva ordinato al popolo di catturare tutti i profeti di Baal: “Elia disse loro: «Afferrate i profeti di Baal; non ne scappi neppure uno!». Li afferrarono. Elia li fece scendere al torrente Kison, ove li ammazzò” (1Re 18,40). Ed erano quattrocentocinquanta (cfr. 1Re 18,22).

Tra queste prodezze il curriculum del profeta includeva altri cento uomini, bruciati da “un fuoco sceso dal cielo”, cinquanta alla volta, solo per dimostrare che lui, Elia, era un “uomo di Dio” (2Re 1,9-14), ed era stato necessario l’intervento del Signore per salvare in extremis altri cinquanta uomini dall’incenerimento (2Re 1, 13-15). In base a questi passi, questo è il Messia atteso dalla gente, un “uomo di Dio” come Elia, uno che con la violenza appaghi la grande frustrazione del popolo sottomesso e umiliato.

Nell’azione di Gesù i discepoli credono di veder realizzata la profezia di Malachia della purificazione del tempio: “Ecco, io manderò un mio messaggero a preparare la via davanti a me e subito entrerà nel suo tempio il Signore che voi cercate; e l’angelo dell’alleanza, che voi sospirate, eccolo venire, dice il Signore degli eserciti. Chi sopporterà il giorno della sua venuta? Chi resisterà al suo apparire? Egli è come il fuoco del fonditore e come la lisciva dei lavandai. Siederà per fondere e purificare l’argento; purificherà i figli di Levi, li affinerà come oro e argento, perché possano offrire al Signore un’offerta secondo giustizia” (Ml 3,1-3). Ma Gesù non è venuto a restaurare le istituzioni antiche: queste scompaiono di fronte alla nuova realtà, la manifestazione piena e definitiva della gloria-amore di Dio in Lui.

18 Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: “Quale segno ci mostri per fare queste cose?”.

Le autorità del tempio, alle quali era rivolto il rimprovero di Gesù, reagiscono alla sua azione e chiedono con quale autorità si comporta così. Chiedono un segno, cioè un avallo divino che giustifichi il suo comportamento. Costante del vangelo è che quanti non credono chiedono continuamente dei segni.

19 Rispose loro Gesù: “Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere”.

Mentre per “tempio” (= en tô ierô – Gv 2,14) s’intende tutto l’insieme di edifici dell’area sacra, il “santuario” (=naòn) era la costruzione più importante del tempio, quella dove risiedeva la gloria del Signore nel Santo dei Santi. Alla richiesta del segno Gesù risponde annunciando la sua morte, che sarà la massima manifestazione della gloria-amore di Dio. Saranno le autorità religiose che uccideranno Gesù, ma non lo distruggeranno. I segni che Gesù farà, tutte comunicazioni di vita, sono un pericolo per il tempio (Gv 11,47).

20 Gli dissero allora i Giudei: “Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?”.

Gesù parla del “santuario” che è il suo corpo, ma i Giudei intendono il tempio di Gerusalemme ricostruito da Erode il Grande e ancora in corso di costruzione. Erode aveva assunto 10.000 operai più mille sacerdoti ai quali fece apprendere il mestiere di muratore, per lavorare nei luoghi proibiti ai semplici fedeli. Il tempio erodiano copriva un’area che era il doppio del foro romano, era lo spazio sacro più grande dell’antichità.

21 Ma egli parlava del tempio del suo corpo.

È il corpo, l’umanità di Gesù, il tempio/santuario che contiene la pienezza dello Spirito di Dio. Ogni tempio, o ogni santuario, dovrà essere confrontato e rapportato alla realtà di Gesù. L’espressione santuario del suo corpo che l’evangelista riferisce a Gesù sarà estendibile a tutti coloro che possiederanno lo Spirito (Gv 7,38-39;), anch’essi saranno il santuario di Dio nel mondo, come scrive Paolo ai Corinzi: “Non sapete che siete tempio/santuario di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? Se uno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui. Perché santo è il tempio di Dio, che siete voi” (1Cor 3,16-17).

22 Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.

Sono i fatti, le esperienze, quelle che illuminano la parola del Signore (“la vita è luce degli uomini” – Gv 1,4). Ma a questa luce i discepoli giungeranno solo con la risurrezione del Cristo. L’evangelista segnala quindi che per tutta la narrazione i discepoli manterranno un comportamento ottuso: l’ideologia religioso-nazionalista impedirà loro di scorgere la novità della figura del Cristo.

Riflessioni…

  • Al posto di una Pasqua privata, Cristo inaugura la Pasqua del Signore: ad un luogo sacro, separato, distante, segregato, appannaggio di un “sacro” mercato, viene annunciato un “non-luogo”. “Egli parlava del tempio del suo corpo” “…il tempio di Dio che siete voi”
  • Il corpo non è un luogo, è la dimora dello Spirito e della Verità: “non si adorerà Dio né in Gerusalemme, né su questo monte, ma in Spirito e Verità”; “la Verità abita in voi”.
  • Non siamo noi ad abitare in Dio, ma è Lui, Trinità divina, che ci abita. E in questo virtuale spazio, senza più pareti, frantumate da Cristo, in questo vuoto assoluto dal quale sono volate via colombe e fuggiti buoi, continua la lotta ingaggiata da Cristo con i “mercanti” di ogni tempo: è ora il nostro momento di gareggiare col sacro, di tentare di carpire un frammento divino per riportarlo via e curare la nostalgia delle origini. Ma siamo sedotti da Cristo che si “prende cura” della sua nuova dimora, il suo Corpo, nella quale coabitiamo con Lui. Una dimora senza spazi e senza dimensioni, e per tanto satura della pienezza di Dio.
  • È finito il tempo di esser mercanti… nel piazzale del Tempio, ma viandanti per cercare dove abita Dio, in noi stessi dove vedendolo crediamo.

http://www.ilfilo.org

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 04/11/2014 da in Domenica - lectio, ITALIANO, Liturgia.

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.563 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2014
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

  • 200,372 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Regola di Vita Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: