COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Swissleaks: una colossale frode fiscale!

Swissleaks: una colossale frode fiscale!

Il terremoto Swissleaks mette in luce (ancora una volta) lo scandalo intollerabile dei “paradisi fiscali” e rende evidente che il segreto bancario è al servizio dei grandi ricchi e degli evasori fiscali.

“Swissleaks”,
5mila italiani nella Lista Falciani.

una colossale frode fiscaleUna colossale frode fiscale attraverso i forzieri della filiale svizzera della banca britannica Hsbc: la pressione mediatica del terremoto Swissleaks scuote l’Europa ed il mondo intero e ripropone con forza la necessità dello scambio automatico di informazioni, meccanismo che consente alle autorità fiscali degli Stati di inviarsi dati relativi ai contribuenti, un meccanismo a cui l’Unione sta lavorando ormai da anni, e che sulla carta viaggia verso un accordo, che dovrebbe entrare in vigore nel 2018.

Così come lo scandalo Luxleaks (le rivelazioni che hanno descritto come le pratiche dei ‘tax ruling’, riducono praticamente a zero le tasse per imprese e grandi ricchi in Lussemburgo ed in altri 22 Paesi) anche Swissleaks – 180,6 miliardi di euro transitati, a Ginevra, nel solo periodo tra il 9 novembre 2006 ed il 31 marzo 2007, con i nomi di 100mila clienti e 20mila società off-shore e molti segreti da nascondere – rafforza nell’opinione pubblica la richiesta di trasparenza.

Da Bruxelles la denuncia è aperta: “il segreto bancario è stato usato per evitare di pagare le tasse”. E lo scandalo potrebbe contribuire a stringere sulle trattative per lo scambio automatico di informazioni. Il negoziato si dovrebbe concludere a marzo, per arrivare ad un accordo a giugno.

L’Ue tiene sotto osservazione il ciclone che si va formando man mano che vengono resi pubblici dettagli della lista Falciani, dal nome dell’ingegnere informatico italo francese ex impiegato della Hsbc che nel 2008 rubò l’elenco dei clienti della banca, dando il via a numerose indagini giudiziarie. E le procure di mezza Europa, dal Belgio alla Gran Bretagna, dalla Francia all’Italia, alla Spagna, si preparano a mettere in moto nuovi procedimenti, qualora dovessero emergere dati inediti.

Nell’elenco compaiono fianco a fianco teste coronate e trafficanti di armi; icone dello sport, attori, diplomatici; sospetti terroristi e tycoon del petrolio. Molte le possibilità che in quei caveau siano finiti anche ingenti patrimoni delle mafie, del traffico di diamanti, di regimi dittatoriali.

Fra i nomi spiccano quello di Abdoul-Karim Dan-Azoumi, proprietario di Badica, il più grande esportatore di diamanti della Repubblica centrafricana; ma anche quelli degli attori John Malkovich e Joan Collins. Tra le teste coronate, il sovrano del Marocco Mohammed VI, il re Abdullah II di Giordania, il sultano dell’Oman Qaboos; tra i cantanti i britannici Phil Collins e David Bowie; tra i banchieri la famiglia Botin del Banco Santander. E poi ancora, l’asso della Formula 1 Fernando Alonso e gli italiani Valentino Rossi, Flavio Briatore e lo stilista Valentino.

L’Italia è al settimo posto per depositi, con 7,4 miliardi di dollari (al quinto posto per numero di clienti: 7.500). In testa alla classifica c’è la Svizzera, con oltre 31,2 miliardi, seguita da Gran Bretagna (con 21,7), Venezuela (14,8), Usa (13,4), Francia (12,5).

A fronte di 5.439 nominativi di italiani segnalati ai Reparti della Guardia di Finanza inclusi nella “Lista Falciani” sono stati conclusi 3.276 interventi ispettivi, con la constatazione di elementi positivi di reddito non dichiarati per 741.755.879 euro, e per 4,5 mln di Iva. Lo si apprende da fonti della Guardia di Finanza.  Le altre posizioni non sono state approfondite in considerazione del fatto che i soggetti indicati risultavano non aver effettuato movimentazioni.

L’attività ispettiva svolta dalla Gdf ha portato alla denuncia di 190 soggetti per reati tributari e alla scoperta di 101 evasori totali. Ad oggi l’attività svolta dalle Fiamme Gialle ha consentito di riscuotere circa 30 milioni di euro, di cui 3.300.000 a seguito di iscrizione a ruolo.

Avvenire 9 febbraio 2015

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/02/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 304.786 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 697 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: