COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Bimbi dilaniati il vero scandalo.

Bimbi dilaniati il vero scandalo,
di Giulio Albanese.

Orrore in Nigeria, l'ultima strage di Boko Haram con la bambina imbottita di esplosivo al mercato

Lo scandalo del male, di cui la sofferenza dei minori è l’aspetto più inquietante, continua a lacerare le ‘periferie geografiche ed esistenziali del nostro tempo. Aberrante e al contempo emblematica è la follia suicida di una giovane adolescente nigeriana che, domenica scorsa, si è fatta esplodere in un’affollata stazione degli autobus a Damaturu, in mezzo a ragazzini e ragazzine che vendevano noccioline, cercando così di racimolare qualche centesimo per sbarcare il lunario.

La scena che si è presentata agli occhi dei soccorritori è stata raccapricciante: brandelli di carne dappertutto, pezzi di una umanità dolente dispersi ai quattro venti, per il delirio di onnipotenza di menti perverse, fautrici di morte e distruzione. Almeno 16 i giovani corpi straziati e senza vita, mentre i feriti sarebbero una trentina e alcuni di loro in bilico tra la vita e la morte.

Un orrore come questo non si esorcizza soltanto con le lacrime di cui è imbevuta la lontana terra africana. Occorre piuttosto discernere la verità dei fatti, a ogni livello di responsabilità e di partecipazione solidale. Rinnovando, soprattutto, lo sforzo di uscire insieme da un abisso sul quale non si affacciano solo le vittime sacrificali, ma al cui ciglio stiamo tutti, pensanti e benpensanti, in questa tormentata società planetaria, ogni qualvolta rinunciamo a voler capire perché la mente umana possa concepire e realizzare simili misfatti. Ma al di là del dilemma angoscioso di tanta gioventù bruciata dall’odio, colpisce anzitutto il martirio rovesciato a cui si è sottoposta (se libera è davvero stata) la ragazza suicida. Essa stessa aveva di fronte un’esistenza, concretamente e diabolicamente soffocata, è proprio il caso di stigmatizzarlo, dai vaneggiamenti del jihadismo crudele.

Non possiamo pertanto rintanarci nella fatalità di un destino sordo e cieco, per farcene una sorta d’alibi, utile ad acquietare, se non addirittura narcotizzare la coscienza. Il Vangelo di Nostro Signore ci impegna, nella fede, a «far nuove tutte le cose», e dunque non possiamo sottrarci al dovere, anzitutto, di difendere la dignità della vita da chi la calpesta nei modi più turpi e blasfemi. La nostra educazione civica e religiosa ci ha portato alla comprensione, almeno ideale, dell’uguaglianza, proponendoci la massima del ‘non fare agli altri quello che non vorremmo fosse fatto a noi stessi’. Questa verità è sancita dallo spirito dei nostri dettati costituzionali, della stessa dichiarazione universale dei diritti umani. Eppure, c’è una porzione di mondo, quella dei famigerati Boko Haram o dei perversi miliziani dell’Is, che ha perso del tutto i freni inibitori del cuore e della ragione.

Per questi estremisti, la rivelazione originale dell’islam è esclusiva. Dunque, sulla faccia della terra, secondo costoro, vi sono persone umane diverse tra loro, alcune accette, altre indegne: fedeli e infedeli; blasfemi e apostati; uomini e donne. Tra coloro che non meritavano il dono del respiro, secondo costoro, c’erano anche i ragazzi di Damaturu.

E allora se da una parte chiediamo a Dio, con Dostoevskij, «Perché, Signore, la sofferenza dei bambini?», dall’altra parte non possiamo fare a meno di porci una questione ancora più pungente: in questo inferno di dolore, dov’è finito l’uomo? La furia jihadista, allora, non dovrà forse generare un’intesa, tra Occidente e Oriente, che condanni ‘senza se e senza ma’ la strumentalizzazione della religione per fini eversivi? La risposta è impellente e nessuno può farsi indietro.

Avvenire 17 febbraio 2015

 

 

Un commento su “Bimbi dilaniati il vero scandalo.

  1. La “Vita” deve sopravivere!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/02/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 350.211 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 759 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: