COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Pakistan, la strage dei cristiani non ha fine

Pakistan, la strage dei cristiani non ha fine.

Ogni anno, in Pakistam centinaia di cristiani perdono la vita a causa delle persecuzioni degli estremisti islamici. La testimonianza dei sacerdoti di Lahore.

Pakistan, la strage dei cristiani non ha fine.

«Quel canto di offertorio, durante la Messa domenicale, i fedeli lo ricorderanno a lungo. Il canto è stato interrotto prima da alcuni colpi d’arma da fuoco, poi da una violenta esplosione». Così padre Ashraf Gill, sacerdote di Lahore, racconta gli attimi di terrore vissuti durante uno dei più violenti attentati nella storia del cristianesimo in Pakistan. La violenza si è scatenata il 15 marzo contro due chiese a Youhanabad, sobborgo interamente cristiano alla periferia di Lahore, che accoglie oltre 200 mila fedeli, tra protestanti e cattolici. La comunità è scossa e sotto shock. Tra sentimenti di rabbia e frustrazione, e manifestazioni in tutto il Paese, si fa strada l’unica risposta possibile: «Quella della fede, della misericordia, dell’amore al nemico, come insegna il Vangelo», ricorda padre Gill.

Il primo bilancio della strage, destinato a salire, segna 22 morti e oltre 80 feriti. Un commando di kamikaze ha preso di mira la chiesa cattolica di San Giovanni e la protestante chiesa di Cristo. Padre Gill è stato tra i primi a recarsi sul luogo del delitto, dove le famiglie cristiane piangono per la violenza insensata su fedeli innocenti, tra i quali donne e bambini. Nei giorni scorsi la Chiesa pakistana ha pregato intensamente, commemorando i suoi nuovi martiri: «Ricorderemo quell’offertorio domenicale come il momento in cui alcuni giovani hanno offerto la vita per la salvezza di tutti. I giovani cattolici addetti alla vigilanza hanno fermato i terroristi all’ingresso della chiesa, evitando che la strage avesse dimensioni molto maggiori: a Messa c’erano più di tremila persone», racconta il sacerdote, mentre si reca all’ospedale principale di Lahore, per confortare le famiglie dei feriti. «Molti sono in terapia intensiva, non sappiamo se ce la faranno. Sono sconfortati specialmente i giovani, che vedono negata ogni forma di giustizia».

Proprio sulla giustizia necessaria per le minoranze religiose punta padre Emmanuel Yousaf, direttore nazionale della Commissione Giustizia e pace dell’episcopato pakistano. «Siamo cittadini pakistani come gli altri, pur se di diversa fede», afferma. I cristiani sono in Pakistan poco più del 2%, su una popolazione di 180 milioni di abitanti al 95% musulmani. E non è la prima volta che le chiese finiscono nel mirino dei terroristi. È ancora viva nella memoria la strage nella chiesa di Tutti i santi a Peshawar, che a settembre 2013 ha fatto oltre 127 morti e moltissimi feriti.

Ma la polizia non sembra aver imparato la lezione: «Nelle scorse settimane», dice padre Emmanuel, «la chiesa di San Giovanni aveva lanciato diverse segnalazioni di allarme per le minacce ricevute. Nonostante ciò, gli agenti presenti al momento dell’attacco erano pochissimi. Inoltre, invece di proteggere le chiese, erano occupati a guardare in Tv la partita di cricket. Questa negligenza è costata la vita a molti cristiani».

La richiesta ribadita all’indomani della strage è chiara: «Il Governo adotti seri provvedimenti per proteggere le chiese e le minoranze religiose». Soprattutto perché i fedeli sono nel mirino dei talebani pakistani: a rivendicare gli attentati è stato il gruppo Tehreek-e-Taliban Pakistan Jamaat-ul- Ahrar, impegnato in una “gara al fanatismo” rispetto allo Stato islamico (Isis) che da mesi sta conducendo una intensa campagna di reclutamento nel Sud del Paese.

Di fronte alla sfida terrorista che avanza, «il Governo, i partiti politici, i leader religiosi e tutti i cittadini sono chiamati a prendere posizione, a fianco dei cristiani», hanno scritto i vescovi cattolici. «Tutta la nazione si unisca contro il terrorismo. I credenti di tutte le religioni promuovano la pace e l’armonia sociale». L’appello dei vescovi è stato peraltro accolto dai maggiori leader musulmani che hanno dichiarato il barbaro omicidio «un atto non islamico». «Quanti attaccano le chiese in nome dell’islam, profanano la nostra religione», hanno detto i muftì riuniti nel Consiglio degli Ulema del Pakistan.

Il Governo pakistano, da parte sua, ha aperto un’inchiesta sugli incidenti e ha annunciato un risarcimento per le famiglie delle vittime. Ma non sarà il denaro a consolare i cristiani. Padre Emmanuel Yousaf conclude: «Contano più le parole di papa Francesco. La sua vicinanza ci conforta e non ci fa sentire abbandonati. Francesco ci porta la solidarietà e l’affetto dei cristiani e degli uomini di buona volontà in tutto il mondo».

16/03/2015

http://www.famigliacristiana.it/

 

Un commento su “Pakistan, la strage dei cristiani non ha fine

  1. Luca Zacchi
    17/03/2015

    L’ha ribloggato su Luca Zacchi, energia in relazionee ha commentato:
    Pregando per i martiri cristiani di Lahore, cattolici e protestanti. Cristiani.

    Il primo bilancio della strage, destinato a salire, segna 22 morti e oltre 80 feriti. Un commando di kamikaze ha preso di mira la chiesa cattolica di San Giovanni e la protestante chiesa di Cristo. Padre Gill è stato tra i primi a recarsi sul luogo del delitto, dove le famiglie cristiane piangono per la violenza insensata su fedeli innocenti, tra i quali donne e bambini. Nei giorni scorsi la Chiesa pakistana ha pregato intensamente, commemorando i suoi nuovi martiri.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17/03/2015 da in Attualità ecclesiale, Attualità sociale, Cristiani perseguitati, ITALIANO con tag , .

  • 341.726 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 749 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: