COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Si scioglie il sangue di s. Gennaro…

Per la prima volta con un Papa si scioglie il sangue di s. Gennaro.
Nei tre precedenti storici il «prodigio» non si era verificato.

il papa con san_gennaro

«Ecco il segno che san Gennaro vuole bene a Napoli e a Papa Francesco: il suo sangue è sciolto per metà…». Quando il cardinale Crescenzio Sepe ha preso in mano l’ampolla con il sangue del santo protettore della città per porgerla a Bergoglio, qualcuno nel duomo di Napoli ha gridato: «Miracolo!». Non era mai accaduto che il sangue si sciogliesse davanti a un Pontefice.

Francesco ha baciato la reliquia e ha subito sdrammatizzato: «Se si è sciolto a metà vuol dire che dobbiamo ancora andare avanti e fare meglio. Il santo ci vuole bene a metà». Ma nei minuti successivi lo scioglimento si è completato, il prodigio è dunque avvenuto in piena regola.

San Gennaro, o meglio la reliquia con il suo sangue custodita nella cassaforte della Cappella del Tesoro, non aveva fatto lo stesso nelle tre precedenti occasioni che avevano visto un successore di Pietro in visita a Napoli. Nel 1848, durante la Repubblica Romana, Pio IX costretto all’esilio era stato accolto dai Borboni. Volle pregare davanti all’ampolla, lo scioglimento però non ci fu, sebbene una certa pubblicistica abbia in seguito affermato il contrario. Papa Mastai aveva portato in dono un calice d’oro massiccio. «Ma – ha ricordato l’abate della Cappella del Tesoro, Vincenzo De Gregorio – era un dono da parte del Pontefice, non un ringraziamento per il prodigio». Prodigio di cui non c’è traccia nei documenti che registrano ogni evento riguardante il sangue del santo.

Non andò meglio a Giovanni Paolo II, che nel novembre 1990 compì una visita a Napoli. Anche lui venerò la reliquia, ma san Gennaro rimase indifferente, il sangue non si sciolse. Lo stesso accadde con Benedetto XVI, nell’ottobre 2007.

Qualcuno aveva voluto legare la ritrosia di san Gennaro verso i Papi post-conciliari all’entrata in vigore del nuovo calendario dei santi nel 1969: il culto del patrono di Napoli da universale era stato derubricato a locale. «San Gennà, futtetenne», fu la scritta che comparve sui muri, come ha ricordato Pietro Treccagnoli sul Mattino. «La tradizione popolare – ha osservato l’abate De Gregorio – collega lo scioglimento del sangue a una forma di simpatia verso la singola persona, e il mancato scioglimento come profezia nefasta. Ma sono solo tradizioni popolari». Da non sopravvalutare, dunque. Anche perché negli ultimi anni il prodigio si è verificato davanti al vescovo ortodosso di Cipro (il martire Gennaro è venerato pure dagli orientali), al Gran Maestro dell’Ordine di Malta e a un gruppo di vescovi albanesi.

Non c’era bisogno dello scioglimento per confermare la simpatia di Napoli per il Papa che «parla con il cuore», come ha ricordato cardinale Sepe. Francesco ha accantonato il «discorso noioso» preparato, e ha parlato a braccio a preti e suore, invitando tutti i consacrati ad «adorare Dio», a essere «centrati» in Gesù e a non essere attaccati alle cose mondane, a cominciare dal denaro.

Andrea Tornielli

22/03/2015 

http://vaticaninsider.lastampa.it

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/03/2015 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 351.480 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 762 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: