COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

L’olio di palma: nemico da combattere?

Terzo mondo, deportati per l’olio di palma.

Terzo mondo, deportati per l’olio di palma.

Catastrofe ambientale e umanitaria:
Rapina delle terre e deportazione di massa in nome dell’olio di palma.

Ha raggiunto 110mila firme la petizione di greatitalianfoodtrade.it e ilfattoalimentare.it contro il fenomeno del land grabbing che da una decina di anni sta provocando disastri ambientali, danni all’ecosistema e la cacciata dalle loro terre di milioni di abitanti di Africa, Asia e Sudamerica. Una “rapina delle terre” in nome dell’olio di palma, nuovo prodotto caro alle industrie alimentari e ai produttori di bio-combustibili.

Così investimenti milionari di colossi industriali, fondi sovrani e finanza internazionale, con la complicità di governi locali corrotti e delle loro milizie, stanno provocando da dieci anni a questa parte una vera e propria deportazione di massa, spesso alla base dei “viaggi della speranza” che così tante vittime stanno mietendo nel Mediterraneo e sulle nostre coste.

La petizione internazionale da poco lanciata vuole dunque sensibilizzare non soltanto i governi e le istituzioni europee, ma anche grande distribuzione organizzata in Italia e in Europa, industrie e imprese agroalimentari, ristoranti, fast-food, hotel, associazioni di consumatori, confederazioni agricole, ong, ecc. Ma cosa potrebbero fare tutti questi soggetti? «Bandire l’olio di palma dai prodotti alimentari – dice l’avvocato Dario Dongo, esperto di diritto alimentare –. Come stanno facendo, tra i primi firmatari, catene come Coop, Esselunga, Ld Market, Md Discount e Ikea che lo hanno escluso dai prodotti a loro marchio.

L’olio di palma tra l’altro, essendo molto ricco di grassi saturi, è nocivo come dimostra anche una recente ricerca dell’Università di Uppsala, in Svezia. Per la sua densità si presta bene all’uso alimentare industriale, ma più che cibo è più adatto a diventare bio-diesel». Un olio bocciato anche da Coldiretti che ne denuncia la pericolosità per la salute e l’allarmante incremento in campo alimentare: +19% le importazioni nel 2014, per 1,7 miliardi di chili.

Ma è la catastrofe ambientale e umanitaria la principale ragione per cui l’olio di palma rappresenta il nuovo nemico da combattere. «Colpisce la gran parte dei Paesi in via di sviluppo – spiega Dongo –. La crescente domanda di palma da olio spinta dall’industria alimentare, dei biocarburanti ma anche da quella dei prodotti per la casa, dei detergenti e dei cosmetici ha già provocato il massiccio disboscamento della foresta del Borneo.

E nel Sudest asiatico la prima causa di emissione di Co2 è proprio la deforestazione per far posto alle palme da olio. Che ora stanno aggredendo l’Amazzonia, dopo aver invaso Africa sub sahariana, Kenya, Etiopia, Congo, Costa d’Avorio, Senegal, Sierra Leone e Nigeria». Con deportazioni di popoli già gravati da endemica povertà. «Queste multinazionali – svela Dongo – acquistano da governanti locali, spesso corrotti, appezzamenti dell’ordine di migliaia di ettari come se fossero liberi da persone e cose. Dopodiché milizie governative e mercenari provvedono allo sgombero di villaggi requisiti e rasi al suolo».

Massimo Iondini

Avvenire 25 marzo 2015

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

  • 304.476 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 587 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: