COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Strage Airbus: un gesto, infinite domande.

L’abisso più fondo.

Strage Airbus

Se poi, fra qualche ora o qualche giorno, ci dicessero che il pilota che ha provocato volontariamente la sciagura era un seguace di un qualche integralismo assassino, la tragedia di Seynes-Les-Alpes ci apparirebbe, certo, molto più sinistra e drammatica per l’Occidente: ma, umanamente, meno incomprensibile. Perché sappiamo che le estreme derive del fanatismo politico e/o religioso producono morte e stragi; ma perfino i kamikaze agiscono pur sempre nella logica di una ricompensa, promessa nel loro “paradiso”. Agiscono dentro una logica atroce, e tuttavia dentro una logica. Se invece, come assicurano gli inquirenti, Andreas Lubitz, cittadino tedesco, 28 anni, neo-pilota diplomato col massimo dei voti, non era un terrorista, allora ci troviamo di fronte al buio più insondabile.

Perché? Questa domanda ci si pianta davanti, ineludibile, come un treno deragliato sui binari di quella che, pur violenta, perfino criminale, chiamiamo tra noi “normalità” della vita. Follia, è la prima risposta che ci sale alle labbra. Un ragazzo che sogna fin da bambino di volare, che supera tutti gli esami con i voti migliori e ottiene perfino il “marchio” dell’ente americano che indica i piloti eccellenti. Agli occhi dei colleghi, mai un segno di squilibrio. Poi, repentina, la pazzia? Non è impossibile. Ci sono forme di psicosi che esordiscono di colpo, in soggetti spesso molto brillanti, cui mai nessuno attribuirebbe propositi suicidi. Ci sono casi di giovani che si ammazzano e lasciano attoniti gli amici, con cui ridevano la sera prima. Ci sono anche, sempre più diffuse, droghe che possono svegliare dalla latenza una psicosi, in persone predisposte. L’ipotesi follia non è dunque scartabile. Benché quel mattino, nel volo di andata, Lubitz fosse apparso normalissimo. E così al ritorno, fino a quando non è rimasto solo in cabina. Se follia, una follia lucida, che si controlla e non si tradisce.

Ma, come ha detto il magistrato inquirente, “in genere, chi si suicida lo fa da solo”. E invece la mostruosità di questo apparente suicidio è che ha chiamato con sé altri 149 uomini. Com’ è possibile che il giovane pilota abbia guardato salire i suoi colleghi e 144 passeggeri, uno ad uno, e abbia visto le facce degli studenti di ritorno da una vacanza, e i neonati in braccio alle madri, e non si sia fermato? Aveva già deciso, forse, mentre salutava sorridendo i viaggiatori?

In realtà, nessuno degli straordinari computer che gestiscono la nostra vita quotidiana, e cui guardiamo con devota deferenza, è complicato e oscuro quanto può esserlo il cuore di un uomo. Di tutti gli abissi, il più profondo. Così che bisogna pur dire – se si scarta la follia – che decidere di portare con sé nella morte una moltitudine di uomini, sconosciuti e tuttavia appena guardati in faccia, è un atto che ha in sé il marchio di una pura, devastante ansia di annientamento. Muoio io, sì, ma ne porto con me tanti. Muoio io, ma mi faccio padrone onnipotente delle vite degli altri. Come un dio, in fondo. Per odio a un mondo considerato ingiusto, o per rancore, o per chissà quale rabbia o vendetta? Un capriccioso dio del nulla, sotto la divisa di un giovane pilota.

E cosa devono essere stati, quei minuti, tra le grida del comandante impotente, e le montagne sempre più vicine. Nella scatola nera è rimasto il respiro di Lubitz, ma nemmeno una sua parola. Come non valesse la pena di pronunciarne una. Poi, nella registrazione si sentono le urla di quelli che hanno capito. Ma niente smuove quella mano dalla cloche. Davanti alla cabina ora si parano, immense, le Alpi innevate. Le cime candide e gli abissi, vertiginosi, nell’ombra.

“Quando guardi l’abisso, l’abisso ti guarda”, scrisse Nietzsche, ma chissà se Andreas Lubitz lo aveva studiato. Se non è stata follia, c’è qualcosa, nel suo gesto, della sfida da superuomo. Decido io, della vita e della morte, per me, e per questa moltitudine ignara. Poi, lo schianto che squarcia il silenzio dell’alpe. E la misericordia di Dio, e non il nulla, sopra quegli uomini, quei ragazzi, quei bambini.

Marina Corradi

Avvenire 27 marzo 2015

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/03/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

  • 304.788 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 697 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: