COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

La stampa turca: il Papa, «pappagallo»

Armeni, Erdogan «avverte» il Papa:
«Non ripeta quell’errore»

Erdogan con papa Francesco nel novembre scorso

Il presidente turco è intervenuto personalmente nella crisi diplomatica scoppiata con il Vaticano dopo il discorso del pontefice sul genocidio armeno.

La Turchia non accenna ad abbassare il livello della polemica dopo le parole di domenica di Papa Francesco sul genocidio degli armeni e oggi è sceso in campo con toni duri anche il presidente Recep Tayyip Erdogan, che quasi minacciosamente ha «avvertito» il pontefice di non ripetere il suo «errore». La Turchia è però sempre più isolata in Europa: domani arriverà dal parlamento europeo la richiesta che la Turchia faccia finalmente i conti con il suo passato.

Il “sultano” di Ankara ieri aveva lasciato parlare, già con toni aggressivi, i suoi ministri e il Gran Mufti Mehmet Gormez. Oggi è intervenuto personalmente nella crisi diplomatica scoppiata con il Vaticano con il richiamo dell’ambasciatore presso la Santa Sede: «Avverto il Papa di non ripetere questo errore, e lo condanno», ha tuonato.

Nella questione è intervenuto anche il segretario generale dell’Onu Ban ki Moon che attraverso un portavoce ha fatto sapere di considerare il massacro degli armeni un «crimine atroce», ma senza usare la parola genocidio. La memoria e la costante cooperazione tra gli armeni e i turchi «mirata a stabilire la realtà dei fatti dovrebbe rafforzare la nostra comune determinazione a prevenire la reiterazione in futuro di simili atroci crimini», ha aggiunto.

La crisi con il Vaticano, prevede la stampa turca, non dovrebbe essere breve. Secondo diversi analisti, è funzionale agli interessi del partito islamico Akp del presidente in vista delle cruciali elezioni politiche di giugno in quanto richiama e ricompatta un elettorato nazionalista che veniva dato in allontanamento.

Pertanto, secondo alcuni quotidiani, l’ambasciatore presso la Santa Sede potrebbe non tornare a Roma prima del voto del 7 giugno. E neppure sono escluse nuove misure muscolari turche, come la sospensione della cooperazione culturale.

Con i soliti toni rocciosi, oggi Erdogan se l’è presa senza alcun riguardo con il leader mondiale della Chiesa cristiana. «Quando dirigenti politici, religiosi, assumono il compito degli storici, ne deriva delirio, non fatti», ha accusato esprimendo la sua delusione. Dopo la sua visita in Turchia in novembre, pensavo «che (papa Francesco) fosse un politico diverso», ma le sue parole – ha motivato – «mostrano una mentalità che non è quella di un leader religioso».

La stampa turca vicina al governo islamico continua intanto a scagliarsi contro il Papa, soffiando sul fuoco della polemica. Takvim, che ieri lo aveva paragonato a un «pappagallo» che ripeterebbe le «bugie» di Erevan, ha sostenuto oggi che la diaspora armena avrebbe pagato 25 miliardi di dollari alla Santa Sede il riconoscimento del genocidio. Yeni Akit invece ha accusato il mondo cristiano di essere responsabile di numerosi genocidi del passato, dal «massacro di 8 milioni di indiani americani» al «genocidio perpetrato dai francesi in Algeria» e alle «brutali uccisioni da parte degli italiani in Libia».

Ma se la polemica con Francesco è almeno in parte strumentale in vista delle elezioni, il vero timore di Ankara ora è che anche Barack Obama, dopo il Papa, riconosca prima del centenario del 24 aprile il genocidio delle centinaia di migliaia di armeni massacrati per ordine del governo dei `giovani turchi´. L’ambasciata a Washington e diverse organizzazioni «lavorano duramente per prevenire questo scenario» scrive Hurriyet. Anche con minacce velate, avvertendo che Washington potrebbe «perdere il più importante alleato nella regione».

L’Europarlamento domani si schiererà con il Papa: alla vigilia del voto su una mozione comune, tutti i gruppi parlamentari hanno presentato documenti di condanna del «genocidio armeno», chiedendo che tutti gli stati membri e la stessa Turchia lo riconoscano ufficialmente. In particolare, una mozione targata Ppe invita i paesi Ue che ancora non l’hanno fatto a riconoscere il genocidio di un milione e mezzo di cristiani armeni e la Turchia a «venire a patti con il suo passato».

http://vaticaninsider.lastampa.it/14/04/2015 

 

 

Un commento su “La stampa turca: il Papa, «pappagallo»

  1. Sólo reconociendo nuestra propia Historia podremos caminar ahora con la cabeza bien alta.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/04/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 350.422 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 759 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: