COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Papa: è brutto vedere un sacerdote che fa il pavone

Le raccomandazioni del Papa per nuovi sacerdoti.

Le raccomandazioni del Papa per nuovi sacerdoti.
Papa Francesco ha ordinato diciannove nuovi sacerdoti e dispensato loro importanti raccomandazioni per il ministero: basta omelia noiose; al bando i preti “pavoni”; “essere misericordiosi e non rifiutare mai il Battesimo a quanti lo chiedono.

Queste le raccomandazioni di Papa Francesco, celebrando in San Pietro la Santa Messa con il rito di ordinazione presbiterale per 19 diaconi, nella 52.ma Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni.

Tenere “omelie che non siano noiose”, “non rifiutare mai il Battesimo” a chi lo chiede, “essere misericordiosi”, “piacere a Dio e non a se stessi”. Queste le raccomandazioni di Papa Francesco, celebrando in San Pietro la Santa Messa con il rito di ordinazione presbiterale per 19 diaconi, nella 52.ma Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni.

Gesù, sommo sacerdote

“Configurati a Cristo sommo ed eterno sacerdote”, per essere “predicatori del Vangelo, pastori del popolo di Dio”, presiedendo “le azioni di culto, specialmente nella celebrazione del Sacrificio del Signore”. È l’immagine che Papa Francesco ha tracciato dei 19 presbiteri ordinati in Basilica Vaticana. Nell’‘omelia rituale’, prevista nell’edizione italiana del Pontificale romano, e nelle aggiunte personali, ha ricordato che Gesù “è il solo sommo sacerdote del Nuovo Testamento” ma che “in Lui” tutto il popolo di Dio è stato “costituito popolo sacerdotale”, il Pontefice ha sottolineato che, tra tutti i suoi discepoli, il Signore “vuole sceglierne alcuni perché, “esercitando pubblicamente nella Chiesa in suo nome l’ufficio sacerdotale a favore di tutti gli uomini, continuino la sua personale missione di maestro, sacerdote e pastore”.

Omelie non noiose, arrivino al cuore

Agli ordinandi, Francesco ha spiegato che, “esercitando il ministero della sacra dottrina”, saranno “partecipi della missione” di Gesù, “unico maestro”, dispensando a tutti quella Parola di Dio”, ricevuta “con gioia”, leggendo e meditando “la Parola del Signore”: “Che le vostre omelie non siano noiose; che le vostre omelie arrivino proprio al cuore della gente perché escono dal vostro cuore, perché quello che voi dite a loro è quello che voi avete nel cuore. Così si dà la Parola di Dio e così la vostra dottrina sarà gioia e sostegno ai fedeli di Cristo; il profumo della vostra vita sarà la testimonianza, perché l’esempio edifica, ma le parole senza esempio sono parole vuote, sono idee e non arrivano mai al cuore e addirittura fanno male: non fanno bene”.

Misericordia, perdono, Battesimo a chi lo chiede

I 19 nuovi sacerdoti continueranno “l’opera santificatrice” del Signore; la Messa, ha sottolineato, “non è un rituale artificiale”: l’invito è stato a “non farlo di fretta”, a imitare ciò che si celebra, “partecipando al mistero della morte e risurrezione del Signore”, portando la morte di Cristo nelle membra e camminando “con Lui in novità di vita”. “Con il Battesimo aggregherete nuovi fedeli al Popolo di Dio. Non rifiutare mai il Battesimo a chi lo chieda! Con il Sacramento della Penitenza rimetterete i peccati nel nome di Cristo e della Chiesa. E io, in nome di Gesù Cristo, il Signore, e della sua Sposa, la Santa Chiesa, vi chiedo di non stancarvi di essere misericordiosi. Nel confessionale voi sarete per perdonare, non per condannare! Imitate il Padre che mai si stanca di perdonare”.

Piacere a Dio, non fare i ‘pavoni’

Quindi, “con l’olio santo” i nuovi sacerdoti daranno sollievo agli infermi e, celebrando “i sacri riti e innalzando nelle varie ore del giorno la preghiera di lode e di supplica”, si faranno “voce del Popolo di Dio e dell’umanità intera”. L’esortazione del Papa è stata dunque a esercitare “in letizia e in carità sincera” l’opera sacerdotale di Cristo, “unicamente intenti a piacere a Dio” e non a se stessi: “E’ brutto un sacerdote che vive per piacere a se stesso, che fa il pavone’”!

Servire gli altri

L’impegno, ha proseguito, dev’essere a “unire i fedeli in un’unica famiglia”, ad essere “ministri dell’unità nella Chiesa, nella famiglia”, per condurre a Dio Padre “per mezzo di Cristo nello Spirito Santo”: “Abbiate sempre davanti agli occhi l’esempio del Buon Pastore, che non è venuto per essere servito, ma per servire; non per rimanere nelle sue comodità, ma per uscire e cercare e salvare ciò che era perduto”.

26.04.2015

di Giada Aquilino

 

2 commenti su “Papa: è brutto vedere un sacerdote che fa il pavone

  1. ISIDRO
    28/04/2015

    Siamo Sacerdoti in Cristo, quindi faciamo quello che Lui ha fatto e continua a fare.

    "Mi piace"

  2. El Sacerdocio es fruto de toda la Comunidad, y por lo tanto todos estamos involucrados a manifestar la Misericordia y la Bondad de Dios.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28/04/2015 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO, Vocazione e Missione con tag , , .

  • 350.962 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 760 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: