COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Dom Hélder Câmara verso la beatificazione.

Dom Câmara, al via la causa di beatificazione

Dom Hélder Câmara, al via la causa di beatificazione.

Per “Dom da Paz”, come è oggi chiamato l’arcivescovo brasiliano Hélder Pessoa Câmara, si apre ufficialmente adesso la fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione nella diocesi del Nord-Est del Brasile dove il “vescovo delle favelas” morì nel 1999. Domenica 3 maggio alle ore nove nella cattedrale Sao Salvador do Mundo si procedette ufficialmente all’avvio con la celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo di Olinda-Recife Antônio Fernando Saburido. Alla celebrazione parteciparono anche i membri del costituito tribunale ecclesiastico insieme a padre Jociel Gomes, postulatore della causa.

«Il popolo di Dio desidera molto che dom Hélder sia proclamato beato dalla Chiesa. Personalmente ho una devozione particolare per lui che mi ha ordinato sacerdote», afferma Saburido.

La Santa Sede aveva concesso il Nihil obstat per l’introduzione della causa il 25 febbraio scorso. La richiesta d’introdurre la causa di canonizzazione era maturata lo scorso anno con il sostegno dell’intero episcopato brasiliano ed era stata inviata il 27 maggio alla Congregazione delle cause dei santi. Ma una prima volontà era stata espressa fin dal 2008, con un documento elaborato nel corso dell’incontro nazionale dei vescovi del Brasile. Nella richiesta avanzata dalla diocesi si ricordava ampiamente «il lavoro pastorale dell’amato “vescovo dei poveri” dom Hélder Câmara», della sua instancabile attività in favore della dignità umana, della giustizia sociale, della pace, del riscatto dei poveri e diritti degli emarginati «nelle leghe comunitarie contro la fame e la miseria» che gli costò l’ostracismo del governanti e l’appellativo di “o bispo vermelho”, vescovo rosso.

Dom Helder Câmara aveva partecipato attivamente al Concilio Vaticano II, offrendo notevoli contributi assieme ad altri vescovi provenienti dai Paesi del Sud del mondo. Fu lui a fondare, nel 1950, la Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile (CNBB) con l’approvazione di Giovanni Battista Montini, ne fu anche il primo segretario generale, e in questa veste collaborò alla nascita del CELAM, a Rio de Janeiro, nel luglio del 1955. Nel 1964 – anno del golpe che instaura il regime militare in Brasile – Câmara era stato nominato da Paolo VI arcivescovo di Recife, capitale del Pernambuco, nel Nord-Est, la regione più povera del Paese, detta il “quadrilatero della fame”. Il giorno dell’ingresso ufficiale, l’arcivescovo non volle essere accolto dentro la cattedrale, ma sulla piazza, in mezzo alla gente.

Negli anni successivi l’impegno di dom Hélder a servizio dei più deboli continuerà senza sosta, con prese di posizione scomode e coraggiose che lo renderanno famoso in tutto il mondo. «Quando io do da mangiare a un povero, tutti mi dicono bravo. Ma quando chiedo perché i poveri non hanno cibo, allora tutti mi chiamano comunista e sovversivo», aveva più volte ripetuto. Moriva il 28 agosto del 1999 a novant’anni.

È stato per tutta la vita il fratello dei poveri, «espressione della tenerezza di Dio», profeta di una Chiesa povera per i poveri. In una delle sue più note lettere aveva scritto: «Non basta che i poveri ti conoscano e ti chiamino per nome: è importante che tu li conosca e ne sappia la storia e ne sappia il nome». Adesso dunque per dom Hélder si apre formalmente la fase diocesana del processo con la nomina da parte del vescovo Saburido del tribunale ecclesiastico che dovrà reperire tutte le prove testimoniali e documentali istituendo a sua volta una commissione storica per la raccolta e l’esame degli scritti di Hélder Câmara, i quali verranno poi sottoposti alla valutazione teologica. «Soltanto parlando delle lettere che ha scritto dal Concilio durante la notte, abbiamo tre volumi» afferma il vescovo Saburido.

La gran parte delle carte del “vescovo dei poveri” è reperibile nel Centro di documentazione che porta il suo nome, creato quando era egli ancora vivente sulla soglia dei novant’anni. Il Centro, con sede a Recife, riunisce una raccolta di 7.547 meditazioni, preghiere e poesie, più di una ventina di testi pubblicati in 15 lingue e centinaia di lettere scritte durante i suoi sessantasette anni di sacerdozio.

Stefania Falasca

Avvenire

 

 

 

 

Un commento su “Dom Hélder Câmara verso la beatificazione.

  1. ISIDRO
    04/05/2015

    Dios continua su propia glorificación a través de cada uno de nosotros, en este caso de nuestro querido Dom Helder.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 04/05/2015 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 487.798 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 896 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: