COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

La rivoluzione linguistica di Bergoglio.

La rivoluzione linguistica di Bergoglio.

Si basa su tre principi: rifiuto assoluto dell’ecclesialese; adozione di uno stile stringato, diretto, colloquiale; uso di  immagini ben precise e familiari.

 L’Ecclesialese va in pensione - Ciaoeccles

L’Ecclesialese va in pensione.

C’era una volta l’ecclesialese, in pratica il politichese della Chiesa. «Ateo»? Meglio «non credente». «Amore per il prossimo»? Va bene, ma vuoi mettere come suona meglio «esercizio di prossimità»? Per non parlare poi delle «ricadute pastorali», che fino a qualche tempo fa erano all’ultimo grido. Sì, ma grido di insofferenza di tanta gente al cui orecchio un simile vocabolario suonava astruso come le parole di una lingua straniera. C’era una volta. Oggi, grazie al cielo – anzi grazie a Papa Francesco – l’ecclesialese di fatto non c’è più. Mandato in soffitta dal modo di comunicare del primo Papa latinoamericano.

Perciò appare quanto mai opportuna la scelta dell’editrice Ave (emanazione diretta dell’Azione Cattolica) di dar vita – in occasione dell’80° anniversario di fondazione – a una collana di agili volumetti, intitolata Le parole di Francesco.

Finora ne sono usciti quattro: Misericordia, Poveri, Pastori e Popolo. Quattro delle parole più presenti nel suo magistero. Ma altre ne seguiranno. Perché certe parole sono altrettante chiavi di volta di un Pontificato che anche grazie al parlar semplice (a cominciare dall’iniziale «buonasera») ha fatto breccia nel cuore della gente.

La rivoluzione linguistica di Bergoglio, infatti, si basa su tre principi: rifiuto assoluto dell’ecclesialese. Adozione di uno stile stringato, diretto, quasi colloquiale. Uso di espressioni che richiamano alla mente immagini ben precise e familiari. In alcuni casi, poi, quando le parole di uso comune gli stanno strette, Francesco crea dei veri e propri neologismi, traendoli dal lunfardo, il gergo di Buenos Aires (ad esempio il verbo «primerear») o dalla della lingua popolare imparata dai nonni italiani («la corruzione spuzza»).

La parte più rilevante e innovativa di questa rivoluzione è comunque il suo parlare per metafore, che hanno un ancoraggio preciso nella vita di tutti i giorni. In questo la sua comunicazione, specie nelle omelie di Santa Marta, è davvero molto vicina allo stile delle parabole evangeliche. Si prenda ad esempio il famoso brano del Vangelo letto nella IV Domenica di Pasqua: «Io sono il buon pastore». Quando Gesù dice che «le pecore lo seguono, perché riconoscono la sua voce», fa riferimento a un’usanza dei pastori del suo tempo di mettere alla sera gli animali in recinti comuni e di richiamarli la mattina seguente usando la voce. Un’immagine che tutti potevano immediatamente comprendere.

Così quando il Papa si è presentato, il giorno dopo l’elezione, dicendo che «senza la croce la Chiesa è solo un’Ong pietosa», l’immagine ha immediatamente catturato l’attenzione. E lo stesso può dirsi per l’altra famosa metafora riferita ai preti, i quali sono chiamati ad essere, appunto, «pastori con l’odore delle pecore» (omelia della Messa crismale, giovedì santo del 2013).

In termini più tecnici, come ha ricordato anche il direttore di Civiltà Cattolica, padre Antonio Spadaro, durante la presentazione della Collana dell’Ave, il modo di comunicare del Papa è connotato da alcune caratteristiche di fondo. L’oralità: pochissimi finora i documenti (se si esclude la Lumen Fidei, “ereditata” da Benedetto XVI, e in attesa dell’encilica sociale, di fatto solo l’Evangelii Gaudium, autentica stella polare del pontificato); fondamentale invece il corpus delle omelie di Santa Marta, una vera e propria enciclica della quotidianità, oltre che il grembo da cui spesso nascono le espressioni che hanno mandato in pensione l’ecclesialese.

L’immagine del «Dio spray», cioè impersonale, impalpabile, o quella della «Chiesa babysitter», che «cura il bambino solo per farlo addormentare». Francesco ne ha per tutti. Ad esempio per quei cristiani definiti «da pasticceria» (visita ad Assisi, 4 ottobre 2013), che cioè non vogliono prendere la croce, o «bolle di sapone», vale a dire vanitosi, o «tiepidi». E che dire del consiglio dato ai coniugi: tiratevi anche i piatti, ma non finite mai una giornata senza fare la pace.

I gesti: anche questa può essere considerata, a suo modo, un’enciclica. Gesti come la scelta di fare la lavanda dei piedi del giovedì santo in luoghi simbolo, di visitare prima di tutto Lampedusa, di proclamare un Anno Santo della Misericordia o di mettere a disposizione dei poveri, docce e barbiere in piazza san Pietro sono messaggi di straordinaria potenza comunicativa.

Interattività: infine il Papa non si accontenta di parlare, spesso intesse un dialogo con l’assemblea. E questa interattività è a sua volta di due tipi: interloquire con la gente, sollecitandola a rispondere in coro; entrare in sintonia profonda col cuore di una determinata assemblea in un determinato momento, lasciando se necessario da parte i discorsi scritti e parlando a braccio. Un’empatia che ha avuto il suo apice ad esempio nella tappa tra gli alluvionati di Tacloban e nel “dialogo delle lacrime” con la bambina di Manila, durante il recente viaggio nelle Filippine.

«Oralità, gesti e interattività conferiscono al magistero di Francesco – sottolinea padre Spadaro – una connotazione radicalmente anti-ideologica». Come dimostrano ad esempio le sue recenti prese di posizione contro l’ideologia del nostro tempo: la teoria del gender.

Nella Evangelii Gaudium il Papa ha scritto che «la realtà è più importante dell’idea». Con il suo modo di comunicare egli ne dà dimostrazione ogni giorno. E anche così disegna i contorni di una Chiesa in uscita, capace di abbandonare il linguaggio dei dotti per parlare a tutti.

Mimmo Muolo

Avvenire 20 maggio 2015

2 commenti su “La rivoluzione linguistica di Bergoglio.

  1. Estamos llamados a anunciar el Evangelio, y por lo tanto debemos ser “creadores” en todas nuestras formas de contacto.

    "Mi piace"

  2. Para poder mandar un Mensaje debemos antes aprender a DIALOGAR.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/05/2015 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag , , , , , .

  • 338.506 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 743 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: