COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Una luce 300.000 miliardi di volte più intensa del Sole.

Scoperta la galassia più luminosa dell’universo:
Una luce 300.000 miliardi di volte più intensa del nostro Sole.

Scoperta la galassia più luminosa dell'universo.

Scoperta la galassia più luminosa dell’universo: emette una luce 300.000 miliardi di volte più intensa rispetto a quella del nostro Sole e il suo segreto potrebbe essere la presenza, al centro, di un buco nero “super-ingordo”. Descritta sull’Astrophysical Journal, è stata scoperta dal gruppo del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa guidato da Chao-Wei Tsai, che ha utilizzato i dati del telescopio spaziale Wise.

La galassia, chiamata WISE J224607.57-052635.0, è una delle cosiddette Elirg (Extremely Luminous Infrared Galaxies): un insieme di 20 galassie molto brillanti che sta mettendo a dura prova gli attuali modelli sulla formazione dei buchi neri.

La sua luce viene prodotta dal riscaldamento del disco di gas e polveri che il buco nero sta inghiottendo. L’enorme quantità di energia che viene sprigionata durante il “pasto” colpisce infatti le polveri più esterne, producendo l’intensa luce infrarossa rilevata dal telescopio Wise.

Buchi neri così grandi sono abbastanza comuni nell’universo, ma è molto raro trovarli in galassie “primitive” come WISE J224607.57-052635.0. La sua luce ha infatti impiegato 12,5 miliardi di anni per raggiungere la Terra e questo significa che la galassia si è formata quando l’universo era giovanissimo (si stima infatti che sia “nato” 13,8 miliardi di anni fa).

Già in quell’epoca, quindi, il buco nero della galassia super-luminosa aveva una massa superiore miliardi di volte a quella del Sole, ma questa conclusione mette in difficoltà le teorie attuali sul comportamento dei buchi neri, che non sanno spiegare del tutto ‘l’ingrassamento così rapido di questi mostri cosmici.

L’esistenza di WISE J224607.57-052635.0 spinge i ricercatori a ipotizzare che forse i buchi neri nascano da “embrioni” più grandi di quanto oggi si ritenga, oppure che alcuni di essi crescano più rapidamente: “come se si trattasse di una gara di abbuffata di hot-dog”, ha commentato uno degli autori dello studio, Andrew Blain, dell’università britannica di Leicester.

Avvenire 22 maggio 2015

 

Annunci

Un commento su “Una luce 300.000 miliardi di volte più intensa del Sole.

  1. giuma56
    24/05/2015

    L’ha ribloggato su girobloggandoe ha commentato:
    http://girobloggando.blogspot.it/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24/05/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 311.739 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 708 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: