COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Un po’ di umorismo: 15 tipi di omelie da evitare.

Omelia mollusco, omelia mattone, omelia improvvisata…

15 tipi di omelie da evitare

Quanto è difficile pronunciare una buona omelia! Qual è il modo migliore di farlo? Sembra più che altro chiaro ciò che NON si deve fare. Ecco qualche esempio:

  1. Omelia improvvisazione: è quella che il sacerdote prepara mentre si sta mettendo alba, cingolo, stola e casula per la Santa Messa.
  2. Omelia libresca: omelia che sa molto di libro e scrivania; omelia accademica, marmorea, ma che manca di cuore e di conoscenza di chi ascolta.
  3. Omelia archeologica: omelia nella quale il predicatore vuole sempre addentrarsi in dettagli secondari sui farisei, gli esseni, le dracme, l’ora sesta, l’atrio, il pozzo… Non spiega il messaggio di Dio, ma curiosità periferiche.
  4. Omelia romantica che vuole strappare lacrime e sorrisi in chi ascolta, sulla base di esclamazioni, interiezioni, grida, linguaggio paternalistico con aggettivi teneri, diminutivi o accrescitivi.
  5. Omelia demagogica che con mille parole vuole andar bene al pubblico ma tradisce sia il messaggio evangelico che il destinatario, ingrandendo o rimpicciolendo, sfigurando e distorcendo la dottrina di Cristo.
  6. Omelia letteraria: più che una predica sacra è un esercizio letterario o poetico.
  7. Omelia antologica: l’omelia diventa un’opportunità per ricordare e tirar fuori tutte le frasi, sentenze, testi, poesie, definizioni che il predicatore ha imparato a memoria o che aveva nel proprio archivio.
  8. Omelia mollusco: invertebrata, molle, gelatina scivolosa, senza argomentazioni, senza contenuto, senza tema. Non finisce un argomento quando ne inizia un altro.
  9. Omelia mattone: solo idee senza rapporto con la vita dei credenti. L’omelia deve arrivare, per così dire, nella cucina di quella casalinga, sul posto di lavoro di quel buon padre di famiglia, sulla scrivania di quello studente… L’omelia-mattone non ci arriva.
  10. Omelia spaghetti: si avvolge sullo stesso argomento, annoiando gli ascoltatori e facendoli sbadigliare.
  11. Omelia corso: tratta molti temi senza concretizzarne nessuno.
  12. Omelia ripetizione del Vangelo: non sa trarre un messaggio da quel Vangelo per chi ascolta, e l’unica cosa fa è ripetere ciò che è stato letto nel testo. È possibile che il predicatore sia incapace di creare un’omelia succosa con un’unica idea ben espressa? Per favore, l’ascoltatore non è stupido!
  13. Omelia tecnica: usare per tutto il tempo un linguaggio teologico che la gente non capisce (metanoia, kenosis, anafora, parusia, epifanico, isterico, pneumatico, mistagogico, escatologia, transustanziazione…). L’omelia non è una lezione di teologia, ma una conversazione cordiale con gli ascoltatori e i parrocchiani.
  14. Omelia di strada: il predicatore usa tutto il tempo un gergo rozzo e volgare. In questo modo si sminuiscono la Parola di Dio, la dignità del profeta e la dignità dei fedeli che San Paolo definisce “santi nel Signore”. Il predicatore non deve mai abbassarsi, perché sta parlando a nome di Cristo e della Chiesa.
  15. Omelia del cattivo pilota: il predicatore non sa decollare né atterrare, e fa giri su giri senza terminare mai. “E per finire”… e risale sulle nuvole. “E per terminare”… e torna a salire. Termina e basta, per favore.

Di Antonio Rivero, L.C. [Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

ZENIT 09.06.2015

http://www.aleteia.org/it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/06/2015 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 327.333 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 734 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: