COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Un anno di “califfato”

Il regno del terrore: le leggi e le conquiste.

Stato islamico dell'Iraq e del Levante,

Era il 29 giugno di un anno fa quando Abu Bakr al-Baghdadi, approfittando del primo giorno di Ramadan (29 giugno 2014) autoproclamatosi emiro dell’Is, lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante, annunciò con un messaggio audio diffuso su internet la nascita del califfato jihadista nell’Iraq settentrionale e in Siria, con Raqqa come ‘capitale’.

QUANTI MILIZIANI? Secondo stime diverse l’Is potrebbe contare su un numero massimo di 200mila miliziani. Più probabilmente i combattenti sarebbero 40mila-50mila uomini in Siria e in Iraq.

QUALI OBIETTIVI? L’obiettivo principale dell’Is non sarebbe tanto colpire l’Occidente, anche se la sua propaganda mediatica potrebbe far pensare il contrario, quanto rafforzarsi e mantenere il controllo delle zone conquistate. Ciò porta con sé una minaccia alla sopravvivenza delle minoranze e delle identità culturali diverse da una rigida ed estremista interpretazione della Sharia (la legge islamica).

QUALI LEGGI? Il modello di comportamento che l’Is impone nel Califfato, dove si stima che vivano tra le cinque e le sei milioni di persone, è quello dettato dal Profeta Maometto nel settimo secolo. Agli uomini è vietato fumare, fare baccano, tenere i negozi aperti durante la preghiera e adottare usanze considerate ‘occidentali’, fosse anche per il gel tra i capelli. Per le donne, che non possono uscire di casa se non accompagnate da un uomo, solo abiti islamici, vietati trucco e jeans, chiusi i parrucchieri. A visitarle, anche in fase di parto, possono essere solo dottoresse. Tra i metodi crudeli applicati dall’Is, spesso in pubblico per ‘dare l’esempio’, per eliminare chi si oppone al Califfato, o non ne rispetta le regole, vi sono la crocifissione e la lapidazione, l’impiccagione e l’annegamento. La decapitazione è stata spesso strumento di propaganda mediatica, ‘riservata’ agli ostaggi occidentali o a cittadini di Paesi considerati nemici dell’Is, come l’Egitto, ma anche agli uomini di eserciti e governi arabi considerati “traditori”.

LE CONQUISTE La forza militare dell’Is sul campo è stata di recente dimostrata con la conquista di Ramadi, capoluogo della provincia irachena occidentale di al-Anbar il 18 maggio scorso, e con quella di Palmira, sito archeologico patrimonio dell’Unesco in mano all’esercito di Damasco prima dell’avanza dell’Is. Relativo sembra essere l’impatto dei quattromila raid aerei lanciati dalla coalizione militare guidata dagli Stati Uniti ad agosto in Iraq e a ottobre in Siria, costati la vita a 10mila jihadisti. In questi mesi, lo spettro dell’Is ha continuato inoltre a minacciare due importanti metropoli, Baghdad e Aleppo, sconfinando non di rado nei territori di altri Stati mediorientali, come la Giordania, il Libano e l’Arabia Saudita.

FUORI DAI CONFINI Non meno rilevanti le «conquiste» conseguite dal Califfato al di fuori dei territori siro-iracheni, segno tangibile di una globalizzazione della lotta jihadista. Dal novembre dell’anno scorso a oggi, è stato un susseguirsi di proclamazione di nuove province. La prima “wilaya” extra metropolitana è stata la Penisola del Sinai, nata grazie all’adesione del gruppo Ansar Bayt al-Maqdis (i Partigiani di Gerusalemme) allo Stato islamico. Sono poi nate tre province libiche: Barqa (la Cirenaica), con epicentro a Derna dove era spuntato il primo emirato sul Mediterraneo, la Tripolitania e il Fezzan. Nel suo messaggio del 13 novembre scorso, Baghdadi ha parlato dell’estensione della sua autorità ad altri territori ancora, citando espressamente l’Algeria e lo Yemen, ancora una volta grazie all’adesione al Califfato (ma meglio parlare di vere e proprie scissioni) di gruppi già legati ad al-Qaeda. Il 16 febbraio scorso è stata poi proclamata una provincia del Khorasan, comprendente Pakistan e Afghanistan. L’ultima wilaya in ordine di tempo è quella nata pochi giorni fa nel Caucaso in seguito al giuramento di fedeltà del principale gruppo di ribelli islamici russi, l’Emirato del Caucaso, portando a trentadue il numero dei movimenti jihadisti nel mondo che si sono uniti allo Stato islamico. Espansione anche nel cuore dell’Africa, dove l’adesione del gruppo nigeriano Boko Haram, avvenuta l’8 marzo, ha permesso all’Is di aprire un’importante breccia in un’area fino ad allora chiusa al suo richiamo.

29 giugno 2015

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/06/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 615.089 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 946 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: