COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

La pena di morte fa strage in Asia

La pena di morte nel mondo (Rapporto 2015)

Death_Penalty_World_Map_


 

Sono state almeno 3.576 le esecuzioni capitali nel mondo compiute nel 2014 e almeno 2.229 quelle avvenute nei primi sei mesi del 2015, a fronte delle 3.511 del 2013. Lo rileva il Rapporto annuale “La pena di morte nel mondo” presentato oggi da Nessuno Tocchi Caino.

Nel 2014 è la Cina il paese che ha effettuato il maggior numero di esecuzioni: almeno 2.400, circa il 67% del totale. Seguono Iran (almeno 800) e Arabia Saudita (almeno 88). I Paesi “boia” del 2015 sono Cina, Iran e Pakistan.

L’evoluzione positiva verso l’abolizione della pena di morte – si legge nel rapporto – in atto nel mondo da oltre quindici anni, “si è confermata nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015”. I Paesi o i territori che hanno deciso di abolirla per legge o in pratica sono oggi 161. Di questi, i Paesi totalmente abolizionisti sono 103. Nel frattempo gli Stati mantenitori della pena di morte sono scesi a 37 (al 30 giugno 2015), rispetto ai 39 del 2013: 31 sono Paesi dittatoriali, autoritari o parzialmente liberi.

Nel 2014, i Paesi che hanno fatto ricorso alle esecuzioni capitali sono stati 22. Il lieve aumento del numero delle esecuzioni rispetto al 2013 si giustifica con l’incremento registrato in Iran e in Arabia Saudita. Mentre “se si dovesse confermare il trend dei primi sei mesi del 2015, alla fine dell’anno – osserva l’associazione radicale – registreremmo un numero record di esecuzioni: ciò è dovuto in particolare all’escalation registrata in Arabia Saudita, in Egitto e ancora una volta in Iran e alla ripresa delle esecuzioni in Giordania, Pakistan e Indonesia”. A dare un contributo “consistente” all’escalation della pratica della pena di morte nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015, sono state, ricorda Nessuno Tocchi Caino, la “guerra alla droga” e la “guerra al terrorismo”.

Nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015, non si sono registrate esecuzioni in 5 Paesi (Botswana, India, Kuwait, Nigeria e Sudan del Sud), che le avevano effettuate nel 2013. Viceversa, 7 Paesi, che non avevano effettuato esecuzioni nel 2013, le hanno riprese nel 2014: Bielorussia (almeno 3), Egitto (almeno 15), Emirati Arabi Uniti (1), Giordania (11), Guinea Equatoriale (9), Pakistan (7) e Singapore (2). Altri 2 Paesi, che non avevano effettuato esecuzioni nel 2014, le hanno riprese nei primi sei mesi del 2015: Bangladesh (2) e Indonesia (14).

Il 97% delle esecuzioni del 2014 e il 98% di quelle avvenute nei primi mesi del 2015 si sono verificate in Asia, che si conferma essere il continente dove si pratica la quasi totalità della pena di morte nel mondo. Per quanto riguarda le Americhe, nel 2014 negli Stati Uniti, ad esempio, si sono verificate 35 esecuzioni, nei primi sei mesi del 2015: 17.

Avvenire 31 luglio 2015

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/08/2015 da in Attualità sociale, Etica, ITALIANO con tag , , , , , , .

  • 350.027 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 759 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: