COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Pakistan, se la conversione a Cristo significa morte.

Nov. 9, 2014 - Lahore, Punjab, Pakistan - Pakistani Christians community take a part during a rally to condemn the killing of a Christian couple, in Lahore. A Christian bonded labourer and his pregnant wife were killed November 4 for allegedly Police in Pakistan said they have arrested as many as 45 Muslims in connection with the killing of the Christian couple for allegedly desecrating pages of the Quran. Under Pakistan's harsh blasphemy laws, anyone convicted of insulting Islam or the Prophet Muhammad can be sentenced to death. However, the laws are often misused to settle personal scores and target minorities. Pakistan: proteste a Lahore per la coppia cristiana bruciata viva ZumaPressLaPresse  -- Only italy

Un cristiano ucciso a sangue freddo e sua moglie in fin di vita per motivi di religione e di onore: la donna aveva lasciato l’islam per la fede in Gesù (Paolo Affatato, http://vaticaninsider.lastampa.it)

Apostata lei. Colpevole di aver corrotto e disonorato la donna lui. I coniugi di Lahore, Aleem Masih, 28 anni, e Nadia Din Meo, 23enne, avevano una sorte segnata in Pakistan. I parenti di Nadia, dopo il matrimonio dei due giovani e la conversione della ragazza al cristianesimo, non hanno sopportato «l’onta» di avere in famiglia una donna divenuta cristiana. E così, dopo una  caccia spietata, hanno commesso un omicidio a sangue freddo. Entrambi i giovani sono stati raggiunti da colpi d’arma da fuoco. Aleem è morto sul colpo. Anche Nadia doveva fare la stessa sorte ma, salvatasi miracolosamente,  oggi è in ospedale dove lotta tra la vita e la morte.

Come riferisce a Vatican Insider l’avvocato Aneeqa Maria Anthony, coordinatrice dell’Ong «The Voice», che sta seguendo il caso fornendo assistenza legale, la complicità e l’omertà per un assassinio da molti ritenuto «giusto e meritato» fanno sì che facilmente i colpevoli godranno di impunità. L’apostata, infatti, secondo la legge islamica non ha scampo e merita la morte. Stessa sorte per chi ha portato Nadia «sulla via della perdizione», ossia alla fede cristiana.

«La  famiglia di Nadia – racconta l’avvocato – era angosciata perché la ragazza, convertitasi, aveva rovinato la reputazione della famiglia. I parenti hanno cominciato a minacciare i due giovani che, per salvarsi, sono fuggiti a Narang Mandi, a 60 km da Lahore. Anche la famiglia cristiana di Aleem Masih è stata più volte insultata e minacciata e ha denunciato il tutto alla polizia. Ma non c’è stato nulla da fare: il 30 luglio i fratelli e altri membri della famiglia di Nadia li hanno scovati e uccisi sangue freddo».

Aleem è stato raggiunto da tre colpi d’arma da fuoco: alle gambe, alle costole e l’ultimo in bocca. Gli spari hanno colpito Nadia alle costole e al ventre. «Tutti credevano che entrambi fossero morti, mentre i parenti si vantavano di aver ucciso due “cani”: così vengono chiamati in modo dispregiativo i cristiani», dice Anthony. Ma la polizia, giunta sul luogo del delitto, ha constatato che la ragazza era ancora viva, e l’ha condotta all’ospedale di Lahore, dove si trova in condizioni critiche.

«I parenti di Nadia, inoltre, non hanno permesso a nessuno di avvicinarsi alla ragazza e  far in modo che potesse rilasciare qualche dichiarazione utile a ricostruire l’accaduto e a riconoscere i colpevoli», aggiunge l’avvocato.

Tuttavia la famiglia di Aleem Masih ha presentato denuncia e, dopo le prime indagini, si è saputo che Muhammad Azhar, uno dei parenti di Nadia, ha confessato l’omicidio di Aleem Masih e il tentato omicidio di Nadia, dicendosi «felice di aver ucciso un cristiano». Il giovane è convinto di «andare in paradiso e di esser ricordato come un eroe, di aver nuovamente restituito l’onore e l’orgoglio alla sua famiglia». L’avvocato Anthony afferma tutto il suo impegno a seguire la vicenda per far sì che non cada nel dimenticatoio e perché i due coniugi cristiani ottengano giustizia.

In palese violazione dei principi sulla libertà religiosa e di coscienza, sanciti anche dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, continuano ad esserci paesi che prescrivono pene draconiane o mandano al patibolo «apostati» che abbandonano l’Islam. L’apostasia (l’abbandono della religione islamica ) è considerata un reato in una ventina di paesi nel mondo, dodici dei quali la puniscono con la pena di morte. Il Pakistan non la prevede per l’apostasia, ma la contempla per la blasfemia, reato che tra l’altro viene imputato con preoccupante disinvoltura, soprattutto per risolvere controversie private.

Nel 2007 alcuni partiti religiosi in Pakistan proposero un disegno di legge che puniva il reato di apostasia con la pena di morte per apostasia per i maschi e l’ergastolo per le donne, ma non riuscì a passare in parlamento. Nel paese, anche se è teoricamente è possibile cambiare religione dall’Islam, in pratica, lo stato cerca di ostacolare il processo e i convertiti dall’Islam sono, tra l’altro, vulnerabili alla legge sulla blasfemia.

Un caso ha fatto scuola: nel 1990 un cristiano convertito dall’islam fu falsamente accusato di aver insultato il Profeta e incarcerato a vita, dopo sentenze dei tribunali in primo grado e in appello. Per questo, riferiscono a Vatican Insider alcuni preti pakistani, vi sono i casi di «cripto-cristiani», persone convertite alla fede in Cristo in segreto.

Annunci

Un commento su “Pakistan, se la conversione a Cristo significa morte.

  1. El Señor se sirve de todo, toca luego a cada uno saber ser testigo desde su propio lugar.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

  • 328.182 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 734 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: