COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Tauran: nelle società pluralistiche i credenti sono cittadini a pieno titolo.

Meeting di Rimini 2015

Il cardinale Tauran con il Gran Rabbino di Francia Haim Korsia

Parte da Nietzche e conclude con il Meeting – “grazie a voi che aprite la porta ai viandanti per dire venite e guardate: Dio non è morto” – ma il cardinale Jean Louis Tauran dalla tribuna di Rimini parla soprattutto alla politica e alle intellighenzie dei Paesi sviluppati, quando dice, concludendo l’incontro con il Gran Rabbino di Francia e con l’imam di Villeurbanne, che “nelle società pluralistiche noi credenti desideriamo essere riconosciuti per quel che siamo, cioè cittadini e non richiedenti asilo”. Poi, ancor più chiaramente: “I credenti esistono, sono solidali con la storia dei popoli: sono cittadini a pieno titolo. Non cittadini o credenti, ma cittadini e credenti”.

Una rivendicazione del ruolo delle religioni nella società contemporanea che replica ad un’opinione pubblica intimorita dalla violenza dell’Is e dagli attentati che hanno insanguinato l’Europa. Frequenti e ancora vividi i riferimenti al martirio di Charlie Hebdo.

Oggi all’inaugurazione del 36esimo Meeting dell’amicizia tra i popoli, non casualmente dedicata al dialogo interreligioso, il presidente del Pontificio consiglio, introdotto dalla presidente della Fondazione Meeting Emilia Guarnieri che ha letto i messaggi di saluto del Papa e del Presidente della Repubblica, ha descritto un “mondo molto paradossale: da una parte ci sono quelli che proclamano la morte di Dio, quelli che dicono che non abbiamo bisogno di Dio; e dall’altra, basta vedere in edicola quante volte viene nominato il nome di Dio sui giornali… mai si è parlato così tanto di Dio come oggi”.

Se il porporato ha parlato di tre sfide – identità, alterità e sincerità – il rabbino Haim Korsia e l’imam Azzedine Gaci hanno condannato senza esitazione ogni forma di estremismo ma hanno anche invitato a superare il concetto stesso di tolleranza “che implica quasi in modo surrettizio l’idea di accettazione e non di condivisione dell’idea di qualcun altro. Bisogna fare un passo avanti e pensare invece alla necessità dell’esistenza dell’altro come condizione essenziale per la mia stessa esistenza. Questa è la prova che l’alterità arricchisce l’essere umano ed è ’conditio sine qua non’ per il suo esistere”, ha detto Korsia. E Gaci: “il rispetto dell’altro non è la tolleranza: i rapporti tra noi devono andare al di là della tolleranza perché essa richiama l’idea di soffrire la presenza dell’altro”.

Paolo Viana

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: