COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Nuova ecatombe di migranti in Libia.

Sono oltre 200 i cadaveri di migranti individuati dalla Guardia costiera libica davanti alle coste di Zuwara, teatro ieri di un doppio naufragio. I corpi di 76 persone sono stati trovati all’interno della stiva di un barcone che si è arenato su una spiaggia, mentre circa 160 galleggiavano in mare.

La prima imbarcazione, con a bordo una cinquantina di persone, ha inviato una richiesta di soccorso già mercoledì, mentre la seconda, che trasportava almeno 400 passeggeri, ha inviato il suo Sos alcune ore più tardi. Circa 200 persone sono state messe in salvo dalla Guardia costiera libica.

Tra le vittime si conterebbero cittadini della Siria, del Bangladesh e di diversi paesi sub-sahariani. Più di 2.300 persone sono morte quest’anno nel tentativo di attraversare il Mediterraneo in nave, mentre erano state 3.279 lo scorso anno (dato Oim). Per ora, almeno 100 cadaveri sarebbero stati portati all’ospedale di Zuwara, a ovest di Tripoli.

libia600LapresseFo_47475658.jpg

Intanto è approdato nel porto di Palermo il pattugliatore della marina svedese Poseidon, impegnato nell’operazione Triton, con 571 migranti e 52 salme a bordo. Si tratta delle vittime dell’ultima tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia che erano nella stiva di un barcone soccorso da una unità militare, morte soffocate dai gas di scarico dei motori dell’imbarcazione.

Le testimonianze dei supersiti. “Eravamo pigiati in almeno 200 persone nella stiva alta non più di un metro e mezzo. Non si respirava e quando chiedevamo di uscire, per tentare di respirare, ci minacciavano e qualcuno è stato anche accoltellato”. È un racconto pieno di orrore quello di uno dei testimoni ascoltati nella notte dalla Squadra mobile di Palermo. L’uomo, un pakistano, era tra i migranti sbarcati ieri sera a Palermo con la nave che conteneva anche le 52 salme. Secondo quanto raccontato dai testimoni, tutti pakistani, moltissimi giovani, la stiva dell’imbarcazione “lunga non più di 20 metri”, era “stipata in un modo assurdo”. Per questa vicenda sono stati fermate 10 persone, sette marocchini, due siriani e un libico.

Situazione critica al cimitero di Palermo
Situazione critica al cimitero dei Rotoli di Palermo, dove sono state trasferite le salme dei 52 migranti, sbarcate ieri dalla nave svedese Poseidon e rimaste per tutta la mattinata dentro la cella frigorifera di un camion prima di essere sistemate nella sala Bonanno. I funerali sono stati sospesi e le salme in arrivo sono state dirottate in deposito. Le bare in attesa di sepoltura nel deposito sono già un centinaio, a parte le 52 salme dei migranti per le quali sono in corso ricerche nei cimiteri dei comuni dell’hinterland palermitano a causa della mancanza di loculi ai Rotoli.

Quasi mille arrivi in Calabria, anche 4 cadaveri
Sono quasi mille i migranti arrivati questa mattina in Calabria: 700 a Vibo Valentia nella nave di Medici senza frontiere e 250 a Reggio Calabria. Tra loro anche 4 cadaveri; secondo le prime informazioni, su alcuni corpi ci sarebbero segni di ustioni.
Avvenire 28 agosto 2015

Annunci

Un commento su “Nuova ecatombe di migranti in Libia.

  1. Pingback: Nuova ecatombe di migranti in Libia. | Redvince's Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28/08/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 303.239 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 586 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: