COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Ecco chi era il bimbo siriano: per lui un destino di «no»

Aylan Kurdi (a sinistra) con il fratello Ghaleb in un momento feliceÈ umano che i drammi con nomi e cognomi, volti e storie, ci tocchino di più di quelli anonimi e collettivi. E dunque tutti noi ci siamo interrogati su chi fosse quel piccolo siriano restituito cadavere dal mare sulla spiaggia di Bodrum, in Turchia, e pietosamente raccolto in braccio da un agente.

Le immagini di un servizio fotografico della Reuters, di cui una molto cruda, hanno commosso e indignato il mondo. Accendendo il dibattito sui media, divisi tra chi ha deciso di pubblicare quella foto straziante con ampia evidenza, in apertura di giornale o di sito (per primo il britannico The Independent, poi in Italia La Stampa), e chi come Avvenire ha scelto un’immagine più pietosa.

IL PICCOLO SIRIANO MORTO E QUELLA FOTO CHE INTERROGA

All’indomani del tragico naufragio, e del servizio fotografico senza il quale il bambino sarebbe rimasto solo una delle innumerevoli vittime quotidiane di guerre e migrazioni, la cronaca aggiunge dettagli.

Di lui si sa che si chiamava Aylan Kurdi e aveva 3 anni. Basta il cognome a raccontare della sua appartenenza a quella minoranza che abita un’ampia regione a confine tra Turchia, Siria, Iraq e Iran. Insieme alla madre Rehan, al fratello Ghaleb, 5 anni, anch’essi annegati, e al padre Abdullah era fuggito da Kobane, la cittadina curda siriana sul confine con la Turchia nota alle cronache perché conquistata dai guerriglieri dello Stato islamico con una sanguinosa battaglia seguita a un lungo assedio e successivamente ripresa dai peshmerga curdi.

La famiglia aveva fatto una richiesta di asilo con sponsor privato alle autorità canadesi, dato che la sorella del padre risiede da vent’anni a Vancouver, ma a giugno l’ufficio immigrazione l’aveva respinta: lo ha reso noto il parlamentare canadese Fin Donnelly e lo ha detto la stessa Teema Kurdi in un’intervista rilasciata al National Post. Da qui la decisione di affidarsi ai trafficanti di uomini, sognando l’isola greca di Kos, in Europa, a pochi chilometri dalla costa turca.

Su uno dei due barconi, che si sono capovolti contemporaneamente, c’era anche il padre dei bimbi, soccorso in stato di semicoscienza e portato in un ospedale vicino a Bodrum. Dei 23 profughi a bordo, almeno 12 sono morti.

Adesso, riporta il giornale canadese, il padre ha un unico desiderio: tornare a Kobane per seppellire le salme dei suoi cari. “Mi ha chiamato questa mattina” (ieri mattina, ndr), ha riferito Teema Kurdi, “tutto quello che ha detto era che la moglie e i due figli erano morti”. “Stavo cercando di aiutarli, sponsorizzarli, avevo amici e vicini che hanno contribuito con la cauzione in banca, ma non siamo riusciti a farli uscire, per questo hanno deciso di salire su quella barca”, ha aggiunto.

Tra Canada e Turchia c’è una sorta di disputa aperta sui profughi, che non di rado incontrano difficoltà nell’ottenere il visto di uscita o la registrazione presso l’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati. Difficoltà che riguardano soprattutto i curdi di Siria, come la famiglia di Aylan.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/09/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

  • 454.760 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 873 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: