COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Dentro la bellezza (71)

Come il coccodrillo, prigionieri dell’ipocrisia.

Siamo abituati a vederlo sulle Lacoste, famose magliette nate come indumento da tennis. Renè Lacoste, infatti, si fece disegnare dall’amico Robert George un coccodrillo, emblema della sua tenacia in campo, quella di uno che non molla mai la presa. Il coccodrillo, in realtà, entra nell’immaginario come drago malefico, tanto da essere riconosciuto nel drago vinto da san Giorgio o da san Teodoro. Rimarremmo impressionati, entrando col naso all’insù nella chiesa della Madonna delle Grazie a Curtatone (MN), al vedere un coccodrillo imbalsamato pendere dalla volta.

71. Coccodrillo (Crocodilus niloticus) imbalsamato XV sec. Santuario della Beata Vergine delle Grazie, Curtatone, (Mantova).

La leggenda vuole che due barcaioli, assaliti dal drago, siano stati miracolosamente salvati dalla Vergine. Così il drago-coccodrillo campeggia quale ex voto nel cielo della chiesa ricordando a tutti che il male può essere vinto. In Italia, da Bergamo a Palermo, esistono altri esemplari, alcuni molto antichi, appesi alle volte delle chiese. Il bestiario medievale associa il coccodrillo all’ipocrisia, questi infatti, tiene rivolti al cielo occhi e fauci, come in preghiera, ma la parte inferiore della bocca rimane sepolta nel fango, cioè nei vizi. Così sono quegli uomini che ostentano un comportamento religioso, ma poi, di fatto, restano avvolti nel peccato, occultando le loro azioni delittuose. Il coccodrillo arreda, dunque, molti libri di preghiera e molti templi. A San Quirico D’Orcia, sul portale della cattedrale romanica del XII secolo, compaiono addirittura due coccodrilli a confronto.

71. Coccodrilli affrontati, pietra arenaria XII sec. Fregio dell’architrave del portale centrale della Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta, San Quirico D’Orcia, (Siena).

Il primo sta liberando una preda (l’anima) dalla bocca del secondo. Quello a sinistra è, infatti, un dragone positivo a servizio del bene. Che sia Cristo stesso, il quale ha sconfitto la morte come serpente appeso all’asta, lo dicono i fiori e i frutti che lo attorniano; lo dice anche il leone, posto nell’angolo sinistro del bassorilievo, che soffia sui piccoli facendoli risorgere. L’altro dragone, invece è chiaramente infernale non solo perché addenta furiosamente la sua preda ma anche per il serpente bicefalo che gli spunta dal dorso e per le due sirene simmetriche scolpite nell’angolo destro. L’espediente dei coccodrilli affrontati rimarca il senso simbolico dell’animale stesso: spesso ciò che appare come bene è male e ciò che appare come male è bene; dunque il credente è chiamato a vigilare.

71. Coccodrillo Maestro Anonimo fregio ligneo del coro monastico,1400 circa. Cattedrale di Exeter (Chiesa Madre di San Pietro a Exeter, oggi anglicana) Devon. Inghilterra

Nel coro della cattedrale di Exeter (oggi anglicana), in Inghilterra, la decorazione lignea di uno degli stalli, risalenti al 1400, mostra un coccodrillo con le fauci aperte mentre sta inghiottendo un cervo, forse qui, simbolo dell’anima cristiana e non di Cristo. Il monito andava al religioso che, seduto in quello stallo, cantava la divina liturgia: ciò che il credente canta con le labbra deve accordarsi con il modo di guardare la vita e di agire. Del resto l’antico detto «lacrime di coccodrillo» (dovuto alla credenza che dopo aver ingoiato le vittime il rettile piangesse per il rimorso o la cattiva digestione), nasconde questa verità: non bisogna lasciarsi attirare dalle apparenze, potremmo poi piangere amaramente sulle nostre stesse azioni. Viene alla mente la situazione del Medioriente, certo mondo fanaticamente religioso che sembra gridare a Dio giorno e notte la sua fede, mentre le sue mani tradiscono sangue innocente. Forse dovremmo aprire gli occhi di fronte ai tanti martiri cristiani, che a differenza dei barcaioli di Curtatone, non sono affatto scampati dal mostro, e correre subito ai ripari chiedendo nella preghiera luce e capacità di giudizio, prima di cadere nel laccio del nemico e pianger poi lacrime da coccodrillo.

A cura di Gloria Riva

Avvenire 3/9/2015

Annunci

Un commento su “Dentro la bellezza (71)

  1. Estamos siempre sitiados entre el Bien y el Mal, pero con nosotros tenemos la Fuerza del Bien,…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/09/2015 da in Arte e fede, Dentro la bellezza, Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , .

  • 327.361 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 734 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: