COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Nozze gay, la lotta di Kim caso politico.

Nozze gay, la lotta di Kim caso politicoDopo l’arresto, due giorni fa, di Kim Davis – la funzionaria del Kentucky al centro di una battaglia sulla libertà religiosa negli Stati Uniti – la contea di Rowan ha iniziato a rilasciare le licenze di matrimonio anche alle coppie omosessuali che ne hanno fatto richiesta. Il rilascio è avvenuto per mano di uno dei vice della Davis, sotto l’occhio di fotografi e telecamere. A beneficiarne sono stati per primi due uomini, William Smith jr e James Yates, insieme da circa dieci anni, ai quali la licenza era stata negata per cinque volte: ora hanno un mese di tempo per celebrare le loro nozze.

Davis, cristiana apostolica, ha preferito entrare in prigione piuttosto che andare contro il suo credo religioso: avrebbe dovuto rilasciare licenze matrimoniali agli omosessuali obbedendo alla sentenza della Corte Suprema che a giugno ha riconosciuto come “diritto costituzionale” le nozze gay. Una scelta ribadita anche ieri tramite l’avvocato.

Quest’ultimo ha ribadito che Davis considera nulle le licenze rilasciate. E ha annunciato l’imminente appello. La funzionaria è diventata un simbolo dell’obiezione di coscienza negli Stati Uniti. Sulla questione è intervenuto ieri, tra gli altri, il senatore texano Ted Cruz, uno dei candidati alle primarie repubblicane del prossimo anno. Cruz ha difeso con forza la Davis: «Chiedo a ogni credente, a ogni costituzionalista e a ogni amante della libertà di stare con Kim Davis e fermare la persecuzione – ha sottolineato –. Per la prima volta in assoluto, il governo degli Stati Uniti ha arrestato una donna cristiana perché vuole vivere secondo la sua fede. Questo è sbagliato. Questa non è America». Il senatore Cruz ha poi aggiunto di parteggiare per «ogni americano che l’amministrazione Obama sta cercando di costringere a scegliere tra la propria fede e il rispetto di un parere illegale della Corte».

Anche prima di entrare in carcere la Davis ha sottolineato che «il matrimonio è l’unione tra un uomo e una donna». La funzionaria del Kentucky aveva smesso di rilasciare le licenze matrimoniali il giorno dopo la sentenza della Corte Suprema. Non solo a persone dello stesso, ma anche alle coppie eterosessuali. Una forma di protesta analoga a quella adottata da alcuni municipi dell’Alabama.

Quattro coppie, due gay e due eterosessuali, a luglio hanno sporto denuncia contro la funzionaria, che aveva vietato anche ai suoi vice di adempiere le pratiche. In tribunale i vice hanno garantito che avrebbero rilasciato le licenze, evitando così il carcere. Secondo il marito della Davis, Joe, la donna resterà in prigione «per tutto il tempo che ci vorrà», ovvero finché una legge statale garantirà l’obiezione di coscienza su casi simili.

Paolo M. Alfieri
Avvenire 5 settembre 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/09/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 458.116 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 875 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: