COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Vescovi africani: no a colonizzazioni ideologiche del Continente


Vescovi africani: no a colonizzazioni ideologiche del Continente - L'Osservatore Romano


No alla colonizzazione ideologica dell’Africa, mascherata da aiuti allo sviluppo: questo, in sintesi, il cuore della dichiarazione dei vescovi dell’Africa e Madagascar, diffusa in vista del summit sul piano di sviluppo post-2015, in programma a New York, presso la sede dell’Onu, dal 25 al 27 settembre. Il documento, siglato da 45 presuli del continente nel mese di giugno ma pubblicato solo ora, lancia “un pressante appello ai dirigenti politici ed ai responsabili di organismi internazionali”: “Abbiate il coraggio – scrivono i vescovi – di impegnarvi a rispettare, amare e servire l’Africa nella verità!”.

Proteggere e difendere i valori secolari africani
Di qui, il richiamo a “proteggere e difendere i valori secolari del continente” ed a “rinunciare alla seduzione del piacere, del denaro e del potere”. I vescovi si dicono, infatti, “feriti dagli attacchi” perpetrati dall’esterno “contro la vita, la famiglia, il sano sviluppo dei giovani e delle donne, il rispetto degli anziani” in Africa. Di qui, la denuncia di “interessi egoistici e perversi che si impongono rapidamente nel continente”, “con aggressività crescente”, “introducendo nella società un individualismo ed un edonismo estraneo” alla natura degli africani.

Allarme per nuovo colonialismo che fa leva su povertà della popolazione
Per questo, i presuli puntano il dito contro “un nuovo, terribile spirito colonialista”, che “dietro parole allettanti come libertà, uguaglianza, diritti, autonomia, democrazia e sviluppo” impone programmi denominati “eufemisticamente ‘Salute e diritti sessuali e riproduttivi’ come condizione per gli aiuti allo sviluppo”. Ma dietro tali denominazioni, ribadiscono i vescovi africani, si nasconde la diffusione di “preservativi, contraccettivi, programmi scolastici di educazione sessuale senza riferimenti morali, aborto”, “prospettive di genere”. Si tratta – si legge nella dichiarazione – di “una civilizzazione della morte” che fa leva “sulla povertà, la debolezza e l’ignoranza della popolazione e dei governi africani”.

No a programmi che uccidono il Continente
Quindi, la Chiesa di Africa e Madagascar invoca, a gran voce, “il rispetto della dignità” della popolazione del continente che “non è un mercato potenziale per le industrie farmaceutiche di contraccettivi e preservativi”. “A cinquant’anni dal colonialismo – chiedono i vescovi – non è tempo di permettere ai popoli africani di autodeterminarsi liberamente?”. Per questo, i presuli condannano il Protocollo di Maputo o la Campagna per la riduzione della mortalità infantile e materna nel continente che, introdotti dietro le pressioni politiche ed economiche internazionali, in realtà hanno “un unico obiettivo: il controllo e la riduzione drastica della popolazione africana e la demolizione pianificata del matrimonio e della famiglia”. “Noi africani – ribadiscono i presuli – dobbiamo categoricamente dire no a questo piano che uccide il nostro continente, facendo attenzione alle nuove colonizzazioni ideologiche”.

Combattere la schiavitù del denaro
E ancora: i presuli puntano il dito contro nuove forme di “schiavitú in nome dell’idolatria del denaro” ed invitano “i responsabili politici e religiosi, che hanno l’incarico di guidare e proteggere le popolazioni africane, a studiare ed analizzare con attenzione le strategie ed i programmi di sviluppo della governance mondiale”, poiché essi, anche se parlano di “benessere e prosperità”, in realtà sono “veri programmi di distruzione dei valori umani, di uno sviluppo rispettoso della dignità e della sacralità della persona umana e della famiglia”. Tale appello della Chiesa cattolica si estende anche “alle altre confessioni religiose, ai cristiani, ai musulmani ed alle religioni tradizionali africane”, che condividono le preoccupazioni sulle minacce a “la bellezza ed alla sacralità della vita e della famiglia”.

Lo Stato onori la famiglia fondata su matrimonio tra uomo e donna
Infine, i vescovi esortano gli Stati e gli organismi internazionali ad “onorare la trascendenza, la centralità e la superiorità valoriale della famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, della maternità, della vita, della religione”. “Risvegliate le vostre coscienze!”, è l’appello conclusivo dei presuli, che esortano a “non rubare agli africani la loro libertà sovrana e a non tradire la loro fiducia”. (I.P.)

L’Osservatore Romano
19/09/2015 12:05

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19/09/2015 da in Attualità ecclesiale, Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , , , .

  • 703.737 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 777 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: