COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

I muri ancora dividono il mondo

In mostra a Lecco,
Tutti  i Muri del mondo fotografati da un berlinese.

La caduta del muro di Berlino nel 1989 accendeva la speranza per un mondo libero e senza frontiere. Ventisei anni dopo, vecchi muri di separazione resistono e nuovi sono costruiti come quello al confine tra Ungheria e Serbia.

Berlino, 1989. Il crollo del Muro. “Die Mauer muss weg“, scandivano i giovani dimostranti: “Il muro deve sparire”. Uno di loro si chiamava Kai Wiedenhöfer ed era studente al primo anno di università. Appassionato di fotografia, fu catturato da quel soggetto, il Muro abbattuto, catalizzatore di significati storici e politici, ma anche umani e psicologici. Il Muro dello scontro che diventa incontro. Il Muro della separazione che, crollando, dà luogo all’inclusione.

“Si trattò del fatto politico più elettrizzante e positivo al quale abbia mai assistito in tutta la mia vita”, racconta Wiedenhöfer. “A quel tempo la maggior parte delle persone, e anch’io, credeva che quell’evento avrebbe significato la fine dell’uso dei muri come strumento politico, e che questi sarebbero finiti nel mucchio di rifiuti creato dalla storia. Vent’anni più tardi mi fu chiaro che avevo torto”.

Fotografo di professione, Wiedenhöfer ha fatto dei Muri un leit-motiv della sua carriera. Conoscitore del Medio Oriente e dell’arabo, da berlinese si sentì “scioccato e preoccupato per la costruzione della barriera di separazione nei territori palestinesi occupati”. Documentò questo nuovo Muro tra il 2003 e il 2006, nel volume “Wall”.

ConfrontierFB02.jpg
Israele, Territori Palestinesi Occupati

Fu l’inizio di un lungo viaggio, che negli anni lo portò a fotografare barriere divisorie in tutto il mondo. Le sue immagini sono esposte a Lecco fino al 4 ottobre, come manifesti murali, nella mostra a cielo aperto “Con-frontier”, nell’ambito del Festival di viaggi e culture “ImmagiMondo” (www.immagimondo.it). Il tema è quanto mai attuale in questo autunno 2015 quando, a un anno dalle celebrazioni per il 25° della caduta del Muro di Berlino, ci sono Stati europei che erigono nuovi Muri per fermare gli “invasori”, migranti e profughi in fuga dalle guerre.

borders-1430IL_settlement_wall-Kopie.jpg
Gerusalemme, insediamento Pisgat Ze’ev – Territori Palestinesi Occupati, 2009

“Con il lavoro Con-frontiers – spiega l’autore – ho voluto realizzare un progetto completo sui confini sparsi per il mondo, in modo da rendere evidente che muri e recinti non sono la soluzione agli attuali problemi politici ed economici mondiali”.

1123US_Sunrise_haze_fence_up_hill-Kopie.jpg
Arizona, Naco – Stati Uniti, 2008

“Mi avvicino a un confine con apprensione. Gli uomini non sono fatti per vivere confinati. Schiviamo i confini o cerchiamo di lasciarceli alle spalle il più velocemente possibile, anche se continuiamo a imbatterci in essi, a vederli, ad avvertirli”.

1236US_Beach_poles_people-Kopie.jpg
Tijuana, Paseo Costero – Messico, 2008

“I confini signifcano tensione, persino paura. ‘Io sto qui, tu stai là’ – i confini ci collocano in posti determinati, ci segnalano di tenerci alla larga. Mi fanno venire in mente le gioiellerie con le loro vetrine protette elettronicamente, vetrine che ci mostrano allettanti ricchezze, per la maggior parte di noi fuori portata”.

1543CY_brickwall_tinboards-Kopie.jpg
Nicosia, Buffer Zone – Cipro, 2010

“I confini creati dall’uomo riguardano le ideologie, l’essere ricchi e l’essere poveri, la religione e la razza. Il loro significato non è solo geografico, è qualcosa che si mette in funzione soprattutto nelle nostre menti. La loro architettura sfigura paesaggi e pensieri. È questo il peggior aspetto di una barriera, la maggior parte delle persone sviluppa una mentalità da difensore del confine: chi è all’esterno è cattivo”.

Kai0Wiedenhoefer_Confrontier-065.jpg
Baghdad, Sadr City – Iraq, 2012

“La globalizzazione ci ha promesso una fine, una dissoluzione dei confini. E invece qual è la realtà dei fatti? I lussi della globalizzazione sono ingannevoli: accrescono i mercati, ma anche l’insicurezza a livello mondiale. Mentre il capitale si muove liberamente e in pochi secondi, le persone non fanno altrettanto”.

ConfrontierFB01.jpg
Tijuana, vecchia e nuova barriera sul confine Messico-Stati Uniti, 2007

“Voglio mostrare il conflitto che è intrinseco nei confini. Da una parte agogniamo una vita senza alcuna costrizione… Dall’altro, nella nostra mancanza di costrizioni ci sentiamo persi, e così vogliamo separare, distinguere noi stessi, la nostra cultura, la nostra comunità. Pur ammirando la carità, non siamo pronti a condividere il nostro benessere”.

Seite-10_Kai-Wiedenhöfer_03.jpg
Tijuana, Via de la Joventud Ore – Messico, 2008

“Questo progetto vuole svelarci come individui partecipi, a volte inconsapevoli, ma comunque partecipi. La barriere sono una protezione ma anche una gabbia, sono scudi ma anche trappole”.

Anna Maria Brogi
Avvenire 23 settembre 2015
Annunci

Un commento su “I muri ancora dividono il mondo

  1. Todo muro nos encierra a nosotros mismos, convirtiéndonos en “animales”!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/09/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 327.381 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 734 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: