COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

L’istante, la grazia e la «scelta decisiva»

Chiamate in attesa (4)
di Tolentino Mendonça.

L’istante, la grazia e la «scelta decisiva»1​Possono diventare istanti di grazia tutti gli istanti della vita? Oppure no: ci sono istanti limpidi, incomparabili, di cui non conosciamo le regole, e solo questi sono portatori della possibilità di senso e redenzione per la vita? Non ho fatto sondaggi, ma direi senza troppe esitazioni che la maggior parte di noi propende per questa seconda ipotesi. La vita ordinaria gode di cattiva stampa, su di essa ricade un immutabile discredito, come se vivessimo scoprendo che quel che ci manca sta dall’altra parte. Guardiamo i giorni, il corso dei loro istanti reputati senza storia, stranamente sicuri che non da lì verrà quello che cerchiamo. Ci seduce molto di più lo straordinario: pensiamo che in fondo la felicità dipende dall’esperienza non usuale, discontinua, di una visita sporadica, di un lampo che non si arresta.

Se dovessimo segnalare, tra le pratiche artistiche, un esempio di questa sensibilità dominante potremmo citare le fotografie (peraltro stupende) di Henri Cartier-Bresson. Nell’introduzione al primo libro di immagini che pubblicò, egli propose una tesi precisa su quello che chiamava «l’istante decisivo». Oggi è impossibile pensare alla sua fotografia e, in certo senso, a quello che è la fotografia in generale, senza rivisitare quel testo che il tempo ha reso sempre più influente.

Il punto di partenza di Cartier-Bresson è un’epigrafe tratta dai volumi di memorie del Cardinale di Retz: «Non c’è nulla a questo mondo che non abbia un momento decisivo». E che cosa dice, in sintesi? Che quando lo sguardo del fotografo valuta il mondo, sa di esercitare un potere: può modificare prospettive, mettere la fotocamera vicina al soggetto o lontana, far risaltare un dettaglio o ricomporre la realtà.

Ma al fotografo accade anche di accorgersi che sono riuniti tutti gli elementi per un’ottima foto, eppure manca ancora qualcosa, e non sa quale. Finché sopraggiunge qualcosa di imprevisto ad attraversare la scena. Il fotografo si mette allora ad accompagnarne il movimento da dietro la sua macchina e aspetta, aspetta, aspetta. Quando infine preme il bottone, sente confusamente di avere captato qualcosa. Più tardi, in laboratorio, rivelando quel materiale si rende conto che ciò che ha captato era l’istante decisivo. Ha fissato l’istante senza il quale quell’immagine sarebbe banale, non possiederebbe la stessa forma, intensità, pulsione, mistero e vita. Per questo, l’attività del fotografo e dell’artista può solamente consistere in un’attesa aperta al momento straordinario.

Sarà così anche per noi? Forse nel lavorio interno che sviluppiamo, nella vita spirituale che si attiva in noi, è questo ciò che succede? Gli ingredienti ci sono tutti, ma non è ancora sufficiente. Il quotidiano è appannato, troppo incollato a quel che conosciamo, che ci è familiare. «Da Nazaret può venire qualcosa di buono?» (Gv 1,46), ci domandiamo incessantemente. Ci consumiamo nell’attesa diffusa di quello che verrà, preferiamo sempre il distante al vicino, il futuro al presente, e rendiamo l’esistenza una finzione di sé stessa.

Ma se non è ora, quando? Se la grazia non attraversa precisamente questi istanti grigi e contraddittori, questa montagna di emozioni disperse, questo corso che ci sembra troppo concreto, troppo ottuso, difficilmente la grazia si manifesterà altrove.

Anche qui il caso di Henri Cartier-Bresson ci può aiutare di nuovo. Perché la sua storia è, a conti fatti, più complessa. La curatrice di una grande mostra sulla sua opera ha portato alla luce elementi nuovi riguardo al suo modo di lavorare, fino a quel momento sconosciuti. Ciò che la sua ricerca è venuta a mostrare è che, più che di un «istante decisivo», si tratta con più verità di una «scelta decisiva», poiché il fotografo faceva diversi scatti della stessa scena, talvolta in grande numero, ma ne sceglieva solo uno ed eliminava gli altri. L’istante decisivo non è dunque un momento esteriore irripetibile, né quell’epifania che trova spazio in un batter di ciglia fuggitivo: è un istante, qualunque istante, che io faccio diventare decisivo, poiché in esso deliberatamente investo la mia speranza.

Avvenire 24/09/2015 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

  • 327.369 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 734 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: