COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Francesco riceve i Comboniani: “Ho sempre avuto grande ammirazione per voi!”

Nell’udienza alla Congregazione per il Capitolo generale, il Papa ricorda la catena ininterrotta di martiri quale “stimolo e incoraggiamento” per la missione nella Chiesa.

Presentazione di P. Enrique Sanchez SP

Città del Vaticano, 01 Ottobre 2015 (ZENIT.org) “Missionari Comboniani del Cuore di Gesù”. Parte dal nome, Papa Francesco, per ricordare identità alla Congregazione fondata da San Daniele Comboni, ricevuta oggi in occasione del Capitolo generale, la sua “identità”. Quella cioè di Missionari, “servitori e messaggeri del Vangelo, specialmente per coloro che non lo conoscono o lo hanno dimenticato”, dice.

“All’origine della vostra missione c’è un dono: c’è l’iniziativa gratuita dell’amore di Dio che vi ha rivolto una duplice chiamata: a stare con Lui e ad andare a predicare”, sottolinea il Santo Padre, rimarcando che “alla base di tutto c’è la relazione personale con Cristo” che “si vive e si alimenta soprattutto nella preghiera, nel rimanere presso il Signore, nell’adorazione, nel colloquio cuore a cuore con Lui”. Proprio in questo spazio orante si trova “il vero tesoro”, indica il Papa, “da donare ai fratelli mediante l’annuncio”. Il missionario infatti – soggiunge – “si fa servitore del Dio-che-parla, che vuole parlare agli uomini e alle donne di oggi”. Una relazione, questa, che “non si colloca tanto nell’ordine del ‘fare’ quanto dell’’essere'”.

Per essere autentica, infatti, la missione “deve riferirsi e porre al centro la grazia di Cristo che scaturisce dalla Croce”, afferma Francesco; solo “credendo in Lui si può trasmettere la Parola di Dio che anima, sostiene e feconda l’impegno del missionario”. Per questo, è necessario “nutrirsi sempre della Parola di Dio, per esserne eco fedele”; è necessario “accoglierla con la gioia dello Spirito, interiorizzarla e farla carne della nostra carne come Maria”.

In quanto Comboniani del Cuore di Gesù, spiega poi il Santo Padre, “voi contribuite con gioia alla missione della Chiesa”, testimoniando il carisma del fondatore, “che trova un punto qualificante nell’amore misericordioso del Cuore di Cristo per gli uomini indifesi”. “In questo Cuore – dice – c’è la fonte della misericordia che salva e genera speranza”. Pertanto, “come consacrati a Dio per la missione, siete chiamati ad imitare Gesù misericordioso e mite, per vivere il vostro servizio con cuore umile, prendendovi cura dei più abbandonati del nostro tempo”. “Non cessate di chiedere al Sacro Cuore la mitezza”, esorta il Pontefice; essa è “necessaria per affrontare l’azione apostolica anche in contesti difficili e ostili”. Ovvero le “periferie della società”, dove i Comboniani sono chiamati “per testimoniare la perseveranza dell’amore paziente e fedele”.

Auspicando infine che la riflessione sulle tematiche del Capitolo illumini il cammino dell’Istituto nei prossimi anni, aiutando a riscoprire sempre meglio “il grande patrimonio di spiritualità e di attività missionaria”, Papa Francesco ricorda “l’esempio di tanti confratelli, che hanno offerto la loro vita alla causa del Vangelo, disposti anche alla suprema testimonianza del sangue”. “È noto – sottolinea – che la storia dell’Istituto Comboniano è segnata da una catena ininterrotta di martiri, che arriva fino ai nostri giorni. Essi sono seme fecondo nella diffusione del Regno e protettori del vostro impegno apostolico”. Il loro esempio – conclude – sia “di stimolo e di incoraggiamento” per “proseguire con fiducia la vostra apprezzata collaborazione alla missione della Chiesa”.

Bergoglio si congeda quindi con una nota personale: “Prima di impartire la benedizione, vorrei dire una cosa che non è scritta qui, ma è quello che sento: io sempre, sempre, ho avuto una grande ammirazione per voi – e voglio dirlo così – per il lavoro che fate, per i rischi che affrontate e ho sentito sempre questa ammirazione grande. Grazie!”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/10/2015 da in ITALIANO, Missione comboniana, Vocazione e Missione con tag , , .

  • 540.716 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 931 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: