COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Aleksievic è il premio Nobel per la Letteratura

Nobel per la Letteratura

Il premier Nobel 2015 per la Letteratura è stato assegnato alla bielorussa Svetlana Aleksievic. Lo ha reso noto l’Accademia svedese, segnalando che è stata premiata la “sua polifonica scrittura nel raccontare, un monumento alla sofferenza e al coraggio dei nostri tempi”. Aleksievic, è la motivazione del Nobel, “ha inventato un nuovo genere letterario. È riuscita a trascendere i formati del giornalismo e ha spinto oltre un genere che altri hanno contribuito a creare”.

Ai connazionali è nota soprattutto per essere stata cronista dei principali eventi dell’Unione Sovietica della seconda metà del XX secolo: dalla guerra in Afghanistan, al disastro di Černobyl, ai suicidi seguiti allo scioglimento dell’URSS. Su ognuno di questi particolari argomenti ha scritto libri, tradotti anche in varie lingue, che le sono valsi la fama internazionale e importanti riconoscimenti. Con le sue opere tradotte in molte lingue, si è fatta conoscere in tutto il mondo: La guerra non ha un volto di donna (sulle donne sovietiche al fronte nella seconda guerra mondiale: a novembre uscirà una seconda edizione interamente rivista dall’autrice), Ragazzi di zinco (sui reduci della guerra in Afghanistan), Incantati dalla morte (sui suicidi in seguito al crollo dell’URSS), Preghiera per Cernobyl (sulle vittime della tragedia nucleare).

Si tratta della prima volta nella storia dei Nobel che viene premiato un genere giornalistico. Il premio, del valore di otto milioni di corone (circa 850mila euro), verrà consegnato il 10 dicembre – giorno in cui morì Alfred Nobel – a Stoccolma da Re Carlo XVI Gustavo di Svezia. L’anno scorso a vincere fu il francese Patrick Modiano.

Delle vicende biografiche di Aleksievic è oggi noto soprattutto che, perseguita dal regime del presidente bielorusso Aleksandr Lukašenko, per un certo periodo è stata costretta a lasciare il Paese perché su di lei gravava l’accusa di essere un agente della Cia. È la 14esima donna a vincere il Premio Nobel.

Aleksievic, saputo dell’assegnazione del Nobel, ha parlato di “gioia” e ha detto che “non è un premio per me, ma per la nostra cultura, per il nostro piccolo paese, che è stato messo nel tritacarne della storia”. Aleksievic ha un pessimo rapporto con il regime del presidente
Lukashenko, che domenica dovrebbe essere riconfermato in elezioni presidenziali sulla cui regolarità nessuno giurerebbe.

Avvenire 8.10.2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/10/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 419 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
ottobre: 2015
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

  • 221.685 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: