COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Il salvatore degli yazidi: la mia libertà per la loro

Qualcuno ha girato col telefonino il video del momento in cui una donna riabbraccia la sua famiglia. Scende dall’auto che l’ha portata in salvo. Ad attenderla ci sono tutti i suoi, in lacrime. Piange anche chi l’ha riconsegnata alla vita. Intorno, erba secca e rocce: l’appuntamento è in una zona sicura, davanti ad un check-point con la bandiera del Kurdistan iracheno.

È una delle 385 persone salvate fino ad oggi dalla schiavitù dei jihadisti dell’Is grazie a una rete di intelligence privata che da un anno rintraccia e libera uomini, donne e bambini catturati e condotti nelle città assediate dal Califfato. Mosul e Tal Afar, ma soprattutto la zona di Raqqa e Deir Azzour. Decine di collaboratori in Siria, Iraq e Turchia. Tredici informatori catturati e uccisi. «Erano amici fidati», spiega Abu Shujaa (“padre coraggio” in arabo), il capo della rete e il nome che corre sulle bocche della minoranza curda yazida, massacrata nell’agosto del 2014 durante l’assalto dei miliziani dello Stato islamico sulla piana di Ninive e sulle alture della regione del Sinjar.

Padri, mariti e fratelli cercano di avere notizie di mogli, sorelle e figli finiti nelle mani dei jihadisti, strappati dai loro villaggi e di cui non hanno più avuto notizie. La vita di questo commerciante di Sinjar, come la loro, è cambiata proprio con l’arrivo dei miliziani: la disgregazione delle famiglie, il genocidio. Ha deciso di utilizzare i suoi contatti per aiutare a ritrovare chi è stato inghiottito dal Califfato. «Ho sacrificato tutta la mia libertà, ma non ho paura. Lo faccio dall’agosto scorso, quello che è successo al mio popolo ha sconvolto la vita di tutti. Ho visto quello che hanno fatto a donne e bambini, ho deciso di fare qualcosa», dice.

I racconti di chi viene salvato sono tutti orrendamente identici: le catene, il mercato degli esseri umani, le violenze. I suicidi. Le donne yazide sono un bottino di guerra, un’esca per reclutare combattenti, e un business fiorente se vendute a chi adesso raggiunge la Siria proprio per comprare una schiava. Spesso vivono in case in cui i miliziani hanno altre mogli, e capita che la loro gelosia, o la solidarietà femminile, aprano una speranza: un cellulare per chiamare casa o per un messaggio a un contatto fidato. Abu Shujaa ha un numero segreto, prezioso per le vittime, su cui riceve informazioni. È lui che scopre dove si trova la persona, la parte più complessa del suo lavoro. Segue lo studio del luogo in cui si trova, e le abitudini degli aguzzini per pianificare la fuga. «Ho le mie cellule nei territori controllati dall’Is. Spesso i miliziani chiedono un riscatto, ma in segretezza, perché la loro legge vieta questi scambi con chi non appartiene al proprio gruppo e rischiano il taglio della testa».

La rete invece non usa armi, conta solo su una solidarietà senza confini e credo religiosi. Le operazioni hanno il sostegno finanziario di volontari e famiglie yazide e irachene, e di uno speciale ufficio per la minoranza yazida del ministero per gli Affari religiosi del governo autonomo del Kurdistan, che di liberazioni ne registra 2.118 su 5.270 rapimenti.

Soldi, che ora scarseggiano, con cui si pagano logistica e passatori al confine. «Nell’ultima operazione abbiamo salvato una donna, due bambini e una signora anziana di 70 anni, tutti insieme», spiega. Una decina i minori liberati. Il governo di Baghdad non ci aiuta. Chiediamo agli Stati del mondo di intervenire perché la situazione è grave. Stanno comprando e vendendo i rapiti tra di loro, sono stati reclutati centinaia di bambini tra anni 10 e i 12 anni per farli combattere contro i peshmerga curdi. Non c’è tempo da perdere. Non si possono sprecare occasioni di liberarli a causa della mancanza di supporto e sostegno materiale».

Sara Lucaroni
Avvenire 9 ottobre 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/10/2015 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.363 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
ottobre: 2015
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

  • 146,924 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: