COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

“Salviamo i nostri figli”, campagna della Conferenza episcopale brasiliana e del Consiglio medico federale

Meninos da rua: «Registrare le scomparse»


Questo slideshow richiede JavaScript.


Fin quando i bimbi saranno “invisibili”, gli abusi sull’infanzia – da parte della polizia, delle gang, delle mafie – continueranno. Parte da questa consapevolezza la campagna “Salviamo i nostri figli” appena lanciata dalla Conferenza episcopale brasiliana e dal Consiglio medico federale. «Negli ospedali, spesso, ci venivano portati piccoli con segni di violenza.

Alcuni erano terrorizzati e le persone che li accompagnavano sembravano non essere i loro genitori. Il sospetto di trovarci di fronte a casi di traffico o tratta era forte. Quattro anni fa, abbiamo deciso di non chiudere gli occhi». Il dottor Ricardo Paiva, esponente della commissione sociale del Consiglio, spiega così ad Avvenire l’origine dell’iniziativa, nel 2011.

Dall’anno scorso, il lavoro è coordinato dalla Commissione sociale che include rappresentanti della Conferenza episcopale brasiliana, giornalisti e assistenti sociali. L’obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sul dramma “dell’infanzia desaparecida”. I dati sono impressionanti.

Le Nazioni Unite parlano di 50mila minori scomparsi all’anno nel Gigante latinoamericano, in media uno ogni quindici minuti. Il 40 per cento viene reclutato per nel lavoro schiavo, un’analoga percentuale finisce nel mercato del sesso. Il resto svanisce nelle sale operatorie clandestine dei trapianti illegali d’organi o in discariche dove i corpi senza vita sono gettati. Vittime delle bande o, soprattutto a Rio, della polizia, ansiosa di “ripulire” la città per le Olimpiadi, come denunciato qualche giorno fa dal Comitato per i diritti dell’infanzia dell’Onu. Quanti bimbi vengono uccisi? Quanti schiavizzati, abusati martoriati? «Nessuno può dirlo perché nessuno sa esattamente quanti scompaiono.

A fronte della stima Onu, ci sono appena 369 casi denunciati. Per questo, a luglio, abbiamo collaborato alla stesura di un progetto di legge per riformare e aggiornare il registro nazionale e aumentare i controlli negli ospedali. È urgente un osservatorio per monitorare le persone scomparse. Solo così si potrà fermare la violenza sui bambini», aggiunge Paiva. Da oggi, nell’ambito della campagna, è disponibile il sito www.criancasdesaparecidas.org, dove sono riportate tutte le informazioni per i genitori e i medici, in caso di paziente sospetto. «Informare è la premessa fondamentale per agire», conclude Paiva.

Lucia Capuzzi
Avvenire 14 ottobre 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/10/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , , , .

  • 468.148 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 880 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: