COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Come sono diventati santi i genitori di Santa Teresa di Lisieux?

CITTÀ DEL VATICANO , 16 ottobre, 2015 (ACI Stampa) – Le reliquie dei coniugi Martin, genitori di Santa Teresina di Lisieux, saranno portati dai due bambini che devono la vita ad un miracolo nato dalla loro intercessione. In un piccolo reliquiario, i due pezzetti di costola dei coniugi saranno portati sull’altare, mentre Papa Francesco li proclamerà santi in una Messa nel cuore del Sinodo dei vescovi. Per dare alla famiglia di cui si discute tanto al Sinodo in questi giorni un esempio di famiglia luminosa.

Perché Louis e Zelia Martin sono vissuti nella santità. Hanno dato vita ad una famiglia santa. La più famosa è Santa Teresina di Lisieux, la figlia minore, che pure conobbe molto poco Zelia, la madre, che morì quando lei aveva 4 anni. Ma anche per Leonie, la figlia con il carattere più vivo, si è aperta la causa di beatificazione. E tutti gli altri figli (erano nove, ma solo 5 sono arrivati all’età adulta) hanno scelto la via religiosa.

Le notizie sulla Messa di canonizzazione e sull’importanza dei coniugi Martin viene data in un briefing in Sala Stampa vaticana. Sono i primi coniugi canonizzati insieme, perché – spiega Padre Gambalunga, postulatore della causa di canonizzazione – “fu Paolo VI nel 1971 a volere unificare la loro causa.” E padre Antonio Sangalli, vicepostulatore, ci tiene a porre l’accento sulla normalità della vita dei coniugi Martin. Ma anche della normalità della loro causa di canonizzazione. “Quando a Giovanni Paolo II venne chiesto perché non li canonizzava, rispose scherzando: perché non fanno miracoli.”

È stato proprio padre Sangalli, per caso, a propiziare il primo miracolo che ha portato nel 2008 alla beatificazione dei coniugi. “Nel 2002, una coppia di sposi, Valter e Adele Schilirò, ebbero un bambino con una malformazione polmonare. Mi chiesero di somministrare il battesimo perché il medici non davano loro speranze di vita. Mi trovai per caso davanti alla foto di Luigi e Zelia con la preghiera per la beatificazione. Ero di fronte a una mamma e un papà che perdevano il quinto figlio e che avevano inoltre un figlio in affido. Consegnai loro questa immaginetta e un mese dopo il bambino guarì. La guarigione fu giudicata inspiegabile.”

Continua il racconto Padre Sangalli: “I coniugi Martin vennero beatificati dal Card. Saraiva Martins il 19 ottobre 2008. Quattro giorni prima nasceva una bambina in Spagna, Carmen. Era il giorno di Santa Teresa d’Avila. La bambina nacque prematura, con una grave emorragia cerebrale. I genitori cercarono una chiesa dedicata a Santa Teresa d’Avila e chieseroo preghiera per la bambina. La priora incontrando la famiglia dice di non pregare Santa Teresa, ma di pregare i coniugi Martin appena beatificati. Così questi si misero a pregare i coniugi Martin.” In poco tempo le condizioni della piccola migliorarono senza spiegazioni cliniche, anche se le lesioni lasciate dall’emorragia secondo i medici le avevano danneggiato irreversibilmente il cervello.”

Saranno questi due bambini a portare le reliquie dei coniugi Martin. I loro arazzo è già esposto di fronte alla Basilica di San Pietro, insieme a quello del Beato Vincenzo Grossi e Maria dell’Immacolata Concezione.

Padre Gambalunga, postulatore della Causa di canonizzazione, sottolinea che “i coniugi Martin invitano a vivere il matrimonio in maniera normale, in cui ci si aiuta ad educare i figli. Hanno vissuto tutto in maniera esemplare, sapendo trovare il tempo per prendersi cura dei loro figli. Cinque figli consacrati al Signore: quattro carmelitane e una tra le sorelle della visitazione. Trovare il tempo di andare a Messa tutti i giorni. La loro storia ci permette di vedere che veramente quello che il Papa a ricordato in un messaggio per la giornata delle Comunicazioni Sociali: ‘Da un sì pronunciato con fede scaturiscono conseguenze che vanno ben oltre le nostre aspettative.’”

Andrea Gagliarducci

Annunci

Un commento su “Come sono diventati santi i genitori di Santa Teresa di Lisieux?

  1. La Familia, el núcleo de la Sociedad.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

  • 318.204 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 719 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: