COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Quelle famiglie «imperfette» di cui parlare al Sinodo.

Considerazioni di Laura Badaracchi.

Domenica 4 ottobre è iniziato il Sinodo dei vescovi sulla famiglia, tra polemiche e divisioni intra-ecclesiali. Dispiace che il numero di donne uditrici sia basso, così come quello dei laici e delle famiglie. Dispiace che in una Chiesa collegiale e sinodale voluta da papa Francesco la voce di chi vive sulla propria pelle le dinamiche familiari (come padre, madre, figlio, figlia, nonno, nonna, nipote) sia marginale e periferica.
Al netto di ogni critica e retorica sulla famiglia, e delle polemiche / strumentalizzazioni che hanno accompagnato la preparazione del Sinodo (comunione eucaristica ai divorziati risposati sì o no, unioni o nozze gay sì o no), provo a elencare alcune semplici considerazioni che possono essere valide per ogni credente e comunità cristiana, chiamati a vivere quella misericordia che il Giubileo alle porte ci richiama a incarnare.
Accogliere la vita nascente significa pure non licenziare una badante o baby-sitter o colf quando annuncia di essere incinta. Scrivo non per sentito dire: è successo che coppie e famiglie cattoliche abbiano messo alla porta la propria dipendente (straniera nella maggioranza dei casi) quando la stessa ha comunicato di aspettare un bambino. La donna in “dolce” attesa ha quindi perso il lavoro e in molti casi anche l’alloggio. Di qui la sofferta decisione di abortire o la ricerca di una casa-famiglia che le desse un tetto e l’opportunità di far nascere il figlio, aiutandola a reinserirsi nella società. Ma bisogna chiedersi come fa una mamma single a lavorare per mantenersi e badare contemporaneamente al suo bambino: le occorre un asilo nido gratuito a cui affidarlo nell’orario di lavoro. Ci deve pensare il welfare: giusto. Ma torno a chi mette alla porta una donna incinta perché lo è, professandosi cattolico praticante.
Famiglie sono pure quelle composte da un ex prete sposato o da una ex suora sposata. Magari additati dalla comunità religiosa o parrocchiale a cui appartenevano. Ci sono anche suore che mettono al mondo un figlio e vengono “ripudiate” all’istante dalle consorelle (lo dicono le cronache) o novizie e professe semplici (non di voti perpetui) che comprendono come quella non sia la loro strada. Idem seminaristi o giovani sacerdoti. Se la loro vocazione è quella matrimoniale e si sono sbagliati, l’hanno capito tardi (non vengono messi in conto errori di discernimento da parte dei superiori o delle superiore, che magari pensano ad arricchire le fila della propria istituzione e non al bene della persona, anzitutto), amen: vadano per la loro strada. Senza uno straccio di curriculum, di contributi pensionistici versati, di lavoro anche precario. Si arrangiassero, se hanno deciso di formare una famiglia cristiana e di seguire Cristo in un’altra vocazione. Una volta usciti dall’istituto religioso o dal seminario o sospesi dal sacerdozio, la comunità di cui hanno fatto parte in molti casi arretra, si chiude o fa muro, per non rischiare che la balzana idea di sposarsi venga a qualcun altro dei “fedelissimi”.
Un’ultima casistica di famiglie invisibili: quella delle adolescenti minorenni che si accorgono di aspettare un bambino. Spesso il padre si spaventa e le lascia. Succede pure che le ragazze vogliano avere il figlio e che si aspettino un appoggio dai loro genitori, cattolici praticanti. La “vergogna” o l’imbarazzo o non so cos’altro spingono alcuni di loro a mettere alla porta la figlia, con un ultimatum: o abortisci, oppure in questa casa non ci rimani. Sono drammi e situazioni complesse, difficili. Ma segnali …


Leggi tutto:

Quelle famiglie «imperfette» di cui parlare al Sinodo

Un commento su “Quelle famiglie «imperfette» di cui parlare al Sinodo.

  1. La VIDA siempre por delante, y todos en cualquier circunstancia estamos llamados a protegerla y a acompañarla procurando superar cualquier dificultad que pueda ocasionarnos.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/10/2015 da in Atualidade eclesial, ITALIANO con tag , .

  • 538.528 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 931 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: