COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Idee: Condividere il pane, segno dell’umano.

Anticipazione di alcuni passi del nuovo libro del filosofo Silvano Petrosino (nella foto), Pane e spirito (Vita e Pensiero, pagine 62, euro 10,00),  presentato durante la rassegna milanese Bookcity con l’incontro “La tentazione del pane” (Libreria Vita e Pensiero, ore 17.00).

Silvano Petrosino

Per quell’essere spirituale e abitante che è l’uomo, il pane non è mai solo pane. L’uomo non è chiuso (all’interno del mondo dei propri bisogni) ma aperto (da un desiderio che non è un bisogno): ecco una verità che a ben vedere nessuno ha mai messo in dubbio e di cui oggi, nella nostra società dei consumi, i principali paladini non sono i filosofi o i teologi, ma i pubblicitari e gli esperti di marketing. Gli uomini, abitati da un desiderio che non è un bisogno, non vivono di solo pane ma anche di ricordi, sogni, capricci, illusioni, paure, fantasie, fantasmi.

L’attualità celebra con insistenza l’infantile primato della fase orale: gli chef sono chiamati maestri, í loro piatti sono definiti opere, le loro performance sono seguite in tv da milioni di persone con un’attenzione in cui non è difficile riconoscere i tratti della devozione. Come negare, dunque, il vincolo essenziale che lega gli uomini allo spirito? E in effetti, nessuno lo ha mai negato; il problema è che moltissimi, purtroppo, sono talmente convinti di saperci fare al riguardo da non accorgersi, mentre parlano dello spirito, di essere in verità caduti vittime di spiriti e spiritelli, di “retro-mondi” – il “retro-mondo” non è “al di là del mondo” essendone piuttosto, come insegna Nietzsche, una risentita caricatura – affollati di fantasmi e allucinazioni.

Ma allora che fare, come comportarsi con lo spirito? Mi limito qui a indicare solo due tra le strade più seguite. L’uomo consuma questo e quello perché per vivere ha bisogno di questo e di quello; eppure è facile accorgersi come egli consumi anche molto di più e molto d’altro rispetto a ciò di cui avrebbe strettamente bisogno per vivere. Questo innegabile eccedere non è per nulla paradossale e, se mai lo fosse, lo sarebbe proprio perché è la stessa esperienza dell’uomo a esserlo; in effetti, l’uomo consuma per vivere, ma per vivere come uomo e non come semplice vivente. All’interno dell’esperienza umana il consumo ha a che fare più con la mancanza di cui parla il desiderio che non l’assenza di cui parla il bisogno.

Ora, come si comporta l’uomo di fronte a tale mancanza? Per lo più e con insistenza egli tenta (sogna e si illude) di riconvertire la logica del desiderio (dove non sa mai di che cosa manca) in quella del bisogno (dove sa sempre ciò che può colmare il suo vuoto); o in altre parole: per lo più e con insistenza egli tenta (sogna e si illude) di “trattare” la mancanza come se fosse un vuoto che può essere colmato. Il consumo, quando è vissuto come una risposta al desiderio, non può che assumere la forma compulsiva dell’«ancora» e del «sempre di più». Una prima strada imboccata dall’uomo è dunque quella caratterizzata dell’accumulazione illimitata, dall’eccesso e di conseguenza dallo spreco. Una seconda strada s’inoltra nello spettacolare mondo della smaterializzazione estetizzante.

Le Sacre Scritture, a proposito del pane e dello spirito, dei rapporti tra il pane e lo spirito e viceversa, avanzano altre ipotesi e propongono di seguire altre strade. Lo spirito, precisa il Logos biblico, più che “nutrito”, deve essere in verità «coltivato e custodito» (Gn 2,15); anch’esso infatti, d’altra parte come tutto ciò che è stato creato, viene consegnato da Dio all’uomo non come una «semplice presenza», direbbe Heidegger, non come una cosa o un oggetto in sé compiuto e definito, ma come un dono, come una promessa, come un segno, per l’appunto come un «già» che tuttavia attende sempre di essere «ancora» liberamente coltivato-e-custodito.

Il Dio biblico non toglie la scena all’uomo, non gli si impone e soprattutto non lo tratta come un semplice adoratore o come un suddito; Egli attende la risposta di un collaboratore libero e responsabile, responsabile perché libero. Ora, un dono non può essere solo ricevuto, ma deve essere anche accolto; una promessa non può essere solo intesa, ma deve essere anche creduta, così come un segno deve essere anche letto, cioè riconosciuto e interpretato: coltivare-e-custodire significa dunque accogliere-credere-interpretare, e questo è un gesto che non può essere compiuto senza l’esercizio, drammatico e precario ma proprio per questo anche esaltante, della libertà.

Non si tratta dunque di opporre il pane allo spirito ma neppure lo spirito al pane; bisogna piuttosto riconoscere e vivere il pane come segno dello spirito e lo spirito come urgenza della condivisione del pane. L’uomo è l’aperto, talmente aperto da riuscire ad arrivare fino alla bocca dell’altro. Da questo punto di vista, la carità è forse la forma antropologicamente più aperta di apertura, forse essa è il solo luogo all’interno del quale lo stesso pane, nella mano che lo porta alla bocca dell’altro, si trova trasformato in spirito. Forse l’uomo è un essere spirituale proprio perché sa rispondere al bisogno materiale dell’altro uomo. Forse la spiritualità di quell’essere spirituale che è l’uomo rivela il suo ultimo volto proprio nel pane spezzato e condiviso con l’altro. Forse la carità è l’umanità stessa dell’umano.

Silvano Petrosino
Avvenire 21 ottobre 2015

Annunci

Un commento su “Idee: Condividere il pane, segno dell’umano.

  1. El Espíritu es y será siempre la culminación el cuerpo, nunca su destrucción!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/10/2015 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.361 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
ottobre: 2015
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

  • 143,057 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: