COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Ecco gli schiavi dei minerali digitali in Congo.

“Un grammo di sfruttamento nelle nostre tasche”, questo è il titolo dell’incontro di ieri pomeriggio nella Sala Marconi della Radio Vaticana, durante il quale è stato presentato il documentario sulle condizioni di vita nelle inaccessibili miniere del Katanga, in Congo, dei cosiddetti “schiavi dei minerali digitali”.

Eccoli nuovi schiavi

Trailer del documentario
Secondo l’indagine della Fondazione Internazionale Buon Pastore, il 70% della popolazione lavora non occasionalmente nelle miniere e riferisce di aver subito almeno una volta gravi violenze fisiche o psicologiche in casa e in minera.
Lavorano scalzi e scavano a mani nude, a decine di metri di profondità . Ogni giorno rischiano di morire sotto una frana, il tutto per guadagnare 2 o 3 dollari. Sono storie di vita degli artigiani minerari di Kolwezi, città situata in una delle regioni minerarie più ambite del pianeta, il Katanga, nella Repubblica Democratica del Congo.

Sono condizioni di vita disumane quelle dei cosiddetti “schiavi dei minerali digitali”, perché tra loro ci sono anche giovani madri, sfruttate per alimentare il sistema di estrazione di quelle materie prime indispensabili per la tecnologia digitale.

Ma da questo tragico scenario, tutto raccontato in un documentario, emerge una storia di riscatto e speranza, un progetto che rappresenta un primo passo per uscire fuori dalla miniera e costruire un futuro diverso. Cristina Duranti, direttore della Fondazione Buon Pastore onlus: “Con il documentario, con il lavoro che stiamo facendo di presentazione del progetto, ci teniamo a sottolineare il fatto di portare una buona notizia. La buona notizia è che dopo tre anni questa comunità ha trovato la sua voce per affermare i suoi diritti nei confronti del governo locale, delle compagnie minerarie ma anche per proteggere i suoi membri più vulnerabili, le donne e i bambini”.

“Quando le suore sono arrivate tre anni fa – continua Duranti- li hanno trovati in condizioni di vita misere: più del 60% dei bambini orfani o con un genitore soltanto, più della metà dei bambini che abbiamo intervistato non si ricordava l’ultima volta che aveva mangiato, si portavano la terra nelle tasche per riempirsi lo stomaco, a causa dei morsi della fame. La maggior parte di loro viveva esclusivamente di quello che riuscivano a raccogliere in queste cave minerarie come scarti di lavorazione. 980 di questi bambini adesso vanno tutti i giorni nel nostro Centro di recupero scolastico, mangiano una volta al giorno un pasto completo e sentono di avere un futuro diverso”.

A differenza di altre regioni del Congo, il Katanga è considerata una zona stabile, che non fa notizia, perché non ci sono ‘signori della guerra’, né “minerali dei conflitti” o “diamanti insanguinati”.

Bernhard Warner, giornalista e autore del documentario: “In questa parte di Congo si trova purtroppo un alto livello di sfruttamento. La gente guadagna veramente poco, e anche il livello di sofferenza è alto. Siamo entrati in queste miniere per vedere la gente che estrae tutti i minerali “digitali”, per i nostri cellulari, labtop… Di solito ci sono donne, donne incinte, bambini, in un grande pozzo di acqua tossica; tossica vuol dire che c’è l’uranio e altri metalli pesanti. Loro guadagnano un dollaro al giorno, forse e un altro giorno niente. Il terzo giorno forse due dollari. La situazione è molto precaria. In questo senso abbiamo osservato e poi registrato le loro storie”.

La realizzazione del documentario è stata resa possibile grazie ad un finanziamento dell’Ambasciata degli Stati Uniti presso la Santa Sede e gli autori hanno condotto decine di interviste per testimoniare storie di ordinario sfruttamento in un luogo dove regna la legge del più forte che schiaccia i più vulnerabili.

Ancora Bernhard Warner: “Eppure c’è un momento di speranza perché ci sono tante persone in quella zona che sono scappate dalla miniera e hanno trovato e hanno creato una vita nuova, una vita che è molto più sostenibile della miniera”.

Avvenire 30 ottobre 2015
(Alessandro Filippelli, Radio Vaticana) 
Annunci

Un commento su “Ecco gli schiavi dei minerali digitali in Congo.

  1. Siempre hay una Esperanza, si cada uno procuramos alargar un poco nuestros propios horizontes!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/10/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 513 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
ottobre: 2015
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

  • 215.390 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: