COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Il Papa: «Romero martire anche dopo la morte»

La figura di monsignor Óscar Arnulfo Romero, ucciso “in odio alla fede” il 24 marzo del 1980 e proclamato Beato lo scorso 23 maggio, è stata al centro del discorso rivolto stamani da Papa Francesco a una delegazione di El Salvador.
Il martirio di Romero, ha detto Francesco, è stato preceduto da sofferenze e da persecuzioni. Ma anche dopo la morte, ha aggiunto, il suo martirio è continuato.

Il Papa, Romero martire anche dopo la morte

Dopo essere stato ucciso, ha ricordato Francesco, monsignor Romero è stato diffamato, calunniato anche dai suoi fratelli nel sacerdozio e nell’episcopato. Dopo aver dato la propria vita, ha affermato, ha continuato a darla lasciandosi “frustare” da incomprensioni e da calunnie.

Poi il Papa ha aggiunto: “Questo mi dà forza… Solo Dio sa! Solo Dio sa la storia delle persone. E quante volte alle persone che hanno già dato la propria vita, che sono morte si continua a lapidarle con la pietra più dura che esiste nel mondo: la lingua”.

L’onore del martirio
Monsignor Óscar Arnulfo Romero, ha spiegato il Papa, è stato un “pastore buono, pieno di amore di Dio e vicino ai suoi fratelli”. Un testimone del Vangelo fino al martirio. Anche oggi il sangue di un gran numero di cristiani martiri è sparso nel mondo con la “speranza certa che porterà frutti di un abbondante raccolto di santità, di giustizia”: “Debemos estar dispuestos a morir por nuestra fe… Dobbiamo essere disposti – ha detto Francesco ricordando le parole pronunciate da Romero – a morire per la nostra fede, anche se il Signore non ci concede questo onore… Dare la vita non significa solo essere uccisi; dare la vita, avere spirito di martirio, è dare nel dovere, nel silenzio, nella preghiera, nel compimento onesto del dovere”…

Il martire, un compagno di strada
Il martire, ha continuato il Papa, non è relegato nel passato, non è una bella immagine che adorna le nostre chiese e che ricordiamo con nostalgia: “El mártir es un hermano, una hermana… Il martire è un fratello, una sorella che continua ad accompagnarci nel mistero della comunione dei Santi e che, unito a Cristo, non trascura il nostro pellegrinaggio terreno, le nostre sofferenze e agonie”.

Un tesoro per El Salvador
Nella storia recente di questo Paese – ha ricordato il Pontefice – la testimonianza di mons. Romero si è unita a quella di altri fratelli e sorelle, come padre Rutilio Grande: “Todos estos hermanos son un tesoro y una fundada esperanza… Tutti questi fratelli sono un tesoro e una fondata speranza per la Chiesa e per la società salvadoregna”.

Pioggia di misericordia
L’impatto della loro devozione si percepisce ancora nei nostri giorni. A poche settimane dall’inizio del Giubileo straordinario della Misericordia – ha detto il Santo Padre – l’esempio di monsignor Romero costituisce per la sua amata nazione “uno stimolo per un rinnovato annuncio del Vangelo di Gesù Cristo”.
“Con fundada esperanza ansiaba… Con fondata speranza – ha spiegato Papa Francesco – desiderava vedere l’arrivo del felice momento della scomparsa da El Salvador della terribile tragedia della sofferenza di tanti nostri fratelli a causa dell’odio, della violenza e dell’ingiustizia”. “Che il Signore – ha concluso – con una pioggia di misericordia e di bontà, con un torrente di grazie, converta tutti i cuori” e El Salvador “diventi un Paese in cui ognuno si senta redento e fratello senza differenze”.

La delegazione salvadoregna ha ringraziato il Pontefice per la beatificazione di monsignor Romero ed ha auspicato che siano prossime la canonizzazione dell’arcivescovo e la beatificazione di padre Rutilio Grande. La delegazione salvadoregna ha anche invitato il Papa a visitare El Salvador.

(Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana) 
Avvenire 30 ottobre 2015

Annunci

Un commento su “Il Papa: «Romero martire anche dopo la morte»

  1. Cada País, cada Pueblo, tiene sus Retos: son los que nos acompañan y nos estimulan al Camino que el Señor nos llama!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31/10/2015 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , , .

  • 327.363 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 734 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: