COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Auerbach e Benjamin: la lezione straordinaria dei rifugiati.

Chiamate in attesa (6)
di Tolentino Mendonça.

Erich Auerbach e di Walter BenjaminVale la pena di ricordare che alcuni dei testi più ispiratori della contemporaneità sono stati prodotti, in terra europea, da rifugiati, e neppure tanto tempo addietro. Lo affermano esemplarmente i casi di Erich Auerbach e di Walter Benjamin. Auerbach scrisse a Istanbul, e senza la possibilità di servirsi di una biblioteca, la sua opera principale: Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale. Come dice Edward Said, si tratta di «uno dei libri di critica letteraria più ammirevoli e influenti che siano mai stati scritti». Auerbach, che aveva occupato il prestigioso posto di bibliotecario dell’antica biblioteca prussiana di Berlino e che era stato titolare della cattedra di Filologia romanza all’Università di Marburgo, dovette precipitosamente emigrare in Turchia quando le leggi naziste decretarono l’estromissione degli ebrei da qualsiasi incarico nell’istruzione e nella cultura tedesche.

Mimesis che cos’è? È una ricerca originalissima e monumentale, dalla letteratura biblica e omerica a Marcel Proust e Virginia Woolf. È un miracolo, quando pensiamo alle difficili condizioni storiche della sua elaborazione. Ed è un testo di analisi letteraria che è al tempo stesso un indimenticabile manifesto politico. Quando la macchina del terrore hitleriano sterminava gli ebrei in massa, si alzava una voce a ricordare l’importanza letteraria della Bibbia ebraica e il suo inconfutabile impatto nella storia della civilizzazione.

Il caso di Walter Benjamin è, se possibile, ancor più estremo. Dovette rifugiarsi in Francia nel 1933, iniziandovi un’opera colossale su Charles Baudelaire che non arrivò a concludere, e che sarebbe stata pubblicata postuma, come collettanea di frammenti, sotto il titolo di Charles Baudelaire. Un poeta lirico nell’età del capitalismo avanzato. È un testo oramai indispensabile per chi voglia cogliere la vertiginosa trasformazione in cui ci ha proiettati la modernità. Ma i suoi anni itineranti da rifugiato rivelano come, nell’esercizio radicale del pensiero, Benjamin mettesse in gioco la propria libertà, resistendo e insegnando a resistere. Com’è noto, finì per suicidarsi alla frontiera franco-spagnola, nel timore di essere consegnato alla Gestapo. Sul suo monumento funebre a Portbou è inciso uno dei suoi aforismi: «Non c’è mai documento della cultura che non sia anche documento della barbarie».

Erich Auerbach e Walter Benjamin intrattennero un’amichevole corrispondenza epistolare durante quei terribili anni in cui tutto ciò in cui credevano sembrava minacciato. Certe lettere si persero, come quella in cui Auerbach diceva a Benjamin che lo avrebbe raccomandato come professore all’Università di São Paulo in Brasile, da poco fondata, ma altre arrivarono a destinazione. Ne conosciamo diverse di Auerbach a Bejamin che ci fanno supporre che effettivamente la corrispondenza andava e veniva dall’uno all’altro. Allo stato attuale, tuttavia, è stata scoperta una sola missiva di Walter Benjamin al suo interlocutore. Si tratta di una cartolina inviata a Marburgo il 30 novembre 1935. Auerbach non era ancora fuggito dalla Germania. La cartolina riproduce una delle illustrazioni del Romanzo della Rosa, intitolata Giasone e il vello d’oro. Nel retro, è scritto semplicemente: «Caro Erich Auerbach, che queste piccole barche vadano cariche dei miei pensieri più affettuosi dedicati a lei. Suo W.B.». Gli esperti di epistolografia sostengono che la cartolina fu scelta con cura. La figura di Giasone è probabilmente un riferimento a Die Argonauten, la rivista su cui entrambi avevano pubblicato dei testi nel 1921, in un’epoca distante dall’orrore del momento in cui Benjamin scriveva. Ma l’immagine della cartolina è anche un consiglio cifrato ad Auerbach: a lasciare quanto prima la Germania per intraprendere un viaggio che lo mettesse in salvo, prima che la guerra gli impedisse di partire.

Avvenire 08/10/2015

Annunci

Un commento su “Auerbach e Benjamin: la lezione straordinaria dei rifugiati.

  1. Genio y figura hasta la sepultura!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.612 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2015
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

  • 194,806 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Daesh Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pobreza Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: