COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Dentro la bellezza (80)

La «bocca della verità» non dice sempre il vero.

Le finzioni non possono durare. La vita con i suoi ingranaggi macina tutto ciò che è inconsistente lasciando in piedi solo la verità. Eppure c’è sempre chi è certo di poterla fare franca. A Roma il più antico tombino d’Italia, testimonia nei secoli questo contrasto ineliminabile: è la bocca della Verità, faccione di una divinità fluviale con la bocca aperta che divenne, nell’XI secolo, un leggendario test della verità.  Ancora oggi è uno dei monumenti più fotografati: anche i più spudorati menzogneri esibiscono la loro mano introdotta nella bocca della divinità, certi di uscirne indenni. Lucas Cranach il vecchio, ripescando una storiella medievale, dipinge una sorta di tribunale improvvisato.

80. Lucas Cranach, il vecchio. La bocca della Verità olio su tempera 1525-27 Collezione Privata

Il giudice, con tanto di ermellino, indica il gesto di una donna che, accusata dal marito di adulterio, sta introducendo la mano nelle fauci di un leone. Il marito, dall’altro lato col mantello di pelo, attende il responso. La donna era realmente adultera, ma nella sua scaltrezza obbligò l’amante a presentarsi in tribunale vestito da pazzo. È l’uomo abbigliato di azzurro con le orecchie da giullare. Giunto proprio nel momento in cui la donna introduce la mano nelle fauci, prende a toccarla dappertutto senza che nessuno lo prenda sul serio. Cosicché l’adultera con la mano nella bocca del leone può sentenziare: «Dichiaro che nessun uomo mi ha mai toccata fuorché mio marito e questo folle che sta alle mie spalle». Dice così il vero, salvando la mano e il matrimonio.  Le pettegole di turno non paiono convinte dal test e parlottano tra loro ai danni della sfortunata coppia. A volte nella vita s’invoca una «bocca della verità» che renda ragione dei nostri diritti violati, eppure il buon Cranach testimonia che, qualora esistesse, sarebbe facilmente neutralizzata. Hanno ragione i francesi i quali, non senza ironia, hanno collocato nei giardini di Lussemburgo una statua di Jules Blanchard, raffigurante una giovane seducente, che introduce senza timore la sua mano nella bocca della verità.

80. Jules Blanchard (French, 1832-1916) Bocca della verità (1871), scultura, Parigi, Jardin du Luxembourg.

Alla fanciulla è caduto improvvisamente il mantello che la copriva e ora espone senza pudore le sue nudità. La colonna che regge il faccione regge anche uno specchio, elemento che riflette impietosamente le verità che si espongono alla sua luce, ma la giovane si è opportunamente collocata di lato in modo da evitare il riflesso e, con un sorriso malizioso, mette la sua mano in bocca alla divinità, certa di non poterne subire danno. Così fatta la legge è fatto l’inganno! Del resto ciò che sfugge di mano a ogni generazione, è l’educazione della coscienza, tanto sostenuta dalla Chiesa quanto inattuata, a volte, dagli stessi credenti. Eppure questa è l’unica via capace di assicurare la crescita di persone vere e veritiere. Il panorama europeo che andiamo contemplando registra drammaticamente i nostri fallimenti educativi. Forse la pressione psicologica dell’antico faccione dalle fauci aperte aveva almeno questo frutto, la tensione a ricercare il bene e il vero sopra i propri interessi.

A cura di Gloria Riva
Avvenire 05/11/2015

Un commento su “Dentro la bellezza (80)

  1. La Verdad nos hace libres!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/11/2015 da in Arte e fede, Dentro la bellezza, ITALIANO.

  • 487.023 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 896 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: