COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Nella scelta tra il possesso e l’uso si mostra la “fine dei tempi”.

Chiamate in attesa (7)
a cura di Tolentino Mendonça.

concetto di proprietà

Devo al filosofo Giorgio Agamben il mio risveglio d’interesse per un’appassionante querelle che anticamente cominciò a essere formulata da Aristotele, la quale ha trovato una singolare tematizzazione in una delle lettere di san Paolo, che poi riemergerà con il movimento francescano e che adesso, di nuovo, la contemporaneità riscopre: la questione dell’uso, non solo come problematizzazione dell’idea di proprietà ma come pedagogia per arrivare ad abitare quello che siamo. L’ultimo volume del progetto Homo sacer, con cui Agamben apre con originalità nuovi cammini al pensiero contemporaneo, s’intitola L’uso dei corpi. La sua proposta è di sostituire il concetto di azione, che da secoli poniamo come motore e giustificazione della vita politica, con la categoria di uso. Ci chiediamo allora: che cosa mai l’uso potrà fornire, come strumento della costruzione umana e sociale, che non sia già contenuto tanto nell’azione come nella proprietà? Agamben lo dice con chiarezza: solamente l’uso ci permette di configurare nella verità una forma-di-vita.

Il concetto di azione è parziale, dato che in ogni momento essa è legata a un determinato motivo; parimenti la proprietà, che coinvolge l’essere nel suo impegno di possedere, e a questo lo riduce. Agamben porta l’esempio della forma-di-vita del pianista Glenn Gould: «Egli non è titolare o padrone della potenza di suonare, che può mettere o non mettere in opera, è, però, solo colui che può non suonare, e, rivolgendo la potenza non solo all’atto, ma alla sua stessa impotenza, suona, per così dire, con la sua potenza di non suonare». In questo senso, sostiene il filosofo, l’uso, come pure l’abitudine, è una forma-di-vita, e non il sapere o la facoltà di un determinato soggetto in una particolare azione.

Mi ha interessato in particolare la problematizzazione sviluppata da Agamben sulla categoria di proprietà, obbligandomi alla rilettura di quanto scrive san Paolo nella Prima lettera ai Corinzi: «Questo vi dico, fratelli: il tempo si è fatto breve; d’ora innanzi, quelli che hanno moglie, vivano come se non [hos me] l’avessero; quelli che piangono, come se non [hos me] piangessero; quelli che gioiscono, come se non [hos me] gioissero; quelli che comprano, come se non [hos me] possedessero; quelli che usano i beni del mondo, come se non [hos me] li usassero pienamente: passa infatti la figura di questo mondo!».

Il testo fu scritto in greco, verso la metà del I secolo, e la prima difficoltà sta nella sua traduzione. Come tradurre l’espressione greca hos me? Seguendo un’interpretazione tradizionale del testo, ancor oggi si ricorre alla formula “come se” ma il traduttore stesso è cosciente della sua ambivalenza. Giorgio Agamben propone di tradurre semplicemente “come non”, evitando la formulazione ipotetica. Paolo avrebbe davanti agli occhi la definizione di proprietà del diritto romano e contrappone esplicitamente l’uso, in senso messianico, alle forme di dominazione. La chiamata messianica non è un diritto, né una proprietà: è un abitare ed è un uso. Similmente anche i primi teorici del francescanesimo si ingaggiarono in una polemica giuridica rinunciando al diritto di proprietà (abdicatio iuris) e approfondendo un’alternativa di vita comune fondata unicamente sull’uso.

Il concetto di proprietà è statico: ci lega a quel che possediamo e a esso solo. L’uso è un’esperienza polare: in esso realizziamo allo stesso tempo il gesto dell’avere e del non avere; compiamo un’appropriazione, ma senza perdere di vista l’inappropriabile. Per questo, usare significa vivere nella tensione tra abitudine e perdita, fra patria ed esilio. Non sarà questo il vero abitare?

Avvenire 15/10/2015

Annunci

Un commento su “Nella scelta tra il possesso e l’uso si mostra la “fine dei tempi”.

  1. Saber vivir en cada momento como se debe!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/11/2015 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , , , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.347 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2015
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

  • 135,385 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Gender Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: